Crea sito

LA CHIESA E I SUOI SACERDOTI

LA CHIESA E I SUOI SACERDOTI

rivelazioni di Gesù a Mons. Michelini

ks_don_ottavio_michelini_1Un anno prima della sua morte Mons. Michelini ricevette un messaggio profetico relativo alla Chiesa e alla Massoneria, definendola la “Chiesa dei Demoni” 

Attraverso il libro “Confidenze di Gesù ad un Sacerdote” di Mons. Michelini, Gesù stesso confiderà l’esistenza di tre tipi di sacerdoti, parlerà della figura dei vescovi e degli errori fatali della Chiesa Cattolica

Figlio mio quante volte ti ho detto e ricordato che Lucifero e il suo stato maggiore fondano la loro attività ed il loro modo di essere scimmiottando Dio…. Io Gesù vero Dio e vero Uomo, ho fondato la mia Chiesa gerarchica… e gerarchica è la chiesa di Satana sulla terra, la Massoneria; Io Gesù bene e male - diavoloavevo disseminato fortezze spirituali in tutta la mia Chiesa… La Massoneria, la chiesa dei Demoni, ha disseminato nel mondo le sue Logge con capi e gregari al solo scopo di contrapporsi e combattere la mia Chiesa, ed essendo i demoni tali appunto perché ribelli a Dio, tutta la loro attività è ispirata e imperniata sulla ribellione e quindi sul contrario di quanto si compie nella Mia Chiesa.

La Massoneria voluta, sorretta e guidata dalle potenze oscure del male, sta raggiungendo il massimo livello della sua opera di demolizione della mia Chiesa operando all’interno e all’esterno; all’interno ha molti gregari al vertice e alla base, all’esterno come sempre mascherata dall’ipocrisia ma colpendo e iniettando col suo Massoneriapungiglione velenoso tutti coloro con cui viene a contatto; oggi poi, presentendo prossimo il grande scontro minutamente preparato da tanto tempo con subdola arte, non esita a manifestare ciò che ha sempre tenuto gelosamente nascosto, occultato.

Tacciano di pazzia coloro che sono rimasti e rimangono fermi nella Fede e nella fedeltà a Dio e alla Chiesa, che, anche se quasi interamente prigioniera di queste forze tenebrose infernali e terrestri. Resisterà e non sarà distrutta anzi, dalle sofferenze dell’ora attuale uscirà più bella e più luminosa come mai non fu.(Messaggio di Gesù del 6 novembre 1978)

Il 20 ottobre 1975 Gesù aveva lasciato un messaggio particolareggiato sulla figura dei sacerdoti suddividendoli in tre categorie.

Sacerdoti Santi

Figlio mio, scrivi. Vi sono tre categorie di sacerdoti. Vi sono bacio crocesacerdoti santi. Sacerdoti buoni, veramente buoni che vivono, in unione con Me, la Vita mia divina. Sono illuminati dalla Sapienza, guidati nelle loro pastorali fatiche dallo Spirito Santo. Seguono i miei insegnamenti comunicati a loro dal mio Vicario sulla terra, il Papa. Sono animati, vivificati dall’amore che è fuoco che purifica, che illumina e riscalda, che li trasforma e li unisce a Me come Io sono unito a Padre. Adempiono con diligenza il loro ministero sacerdotale, portando le anime a Me con la preghiera, con l’offerta, con la sofferenza. Sono cari al mio Cuore misericordioso e cari sono alla mia e vostra Mamma; sono oggetto della mia predilezione. L’umiltà che li anima ha attirato su di loro lo sguardo misericordioso mio, Verbo di Dio, del Padre e dello Spirito Santo. Per loro, per la loro pietà, molte pene sono state risparmiate agli uomini; hanno assicurato la mia protezione. Un posto e una corona li attendono in Paradiso.

Sacerdoti sbandati

La seconda categoria è quella degli sbandati, dei disorientati. Sono coloro che hanno molto di più a cuore gli affari del mondo, che Sacerdote.version-finalnon quelli di Dio. E sono tanti, figlio mio. Hanno tempo per tutto, per i loro umani affetti;  hanno tempo per gli svaghi, per letture nocive all’anima loro e che accrescono le ombre. Nessun tempo per pregare, per meditare. La loro vita non è vita di unione con Dio. Mancano del dono della Sapienza. Non vedono, non capiscono; insomma hanno orecchi ma non odono, hanno occhi ma non vedono. Il loro formalismo mimetizza una pratica di vita cristiana, svuotata dell’anima vera, senza vita di Grazia. Fra costoro le evasioni sono state molte. Moltissime saranno le fughe, le apostasie vere e proprie nell’ora non lontana della Giustizia. Molti in quell’ora riveleranno dinanzi al mondo la loro identità di Giuda. Ho detto davanti al mondo perché Io li conosco da sempre.

Il Padre li aspetta

abbraccio - eccomiMa li amo ugualmente, voglio la loro conversione. Il Padre li aspetta. Non ha che un desiderio, dire ad ognuno: “Vieni, o figlio, tutto è dimenticato, tutte le scorie del tuo animo sono bruciate dal mio Amore! Ma, proprio perché ti amo, non ti posso nascondere quale tremenda responsabilità sia resistere a Dio che ti aspetta, a Dio che ti ama, sino al punto di effondere in continuazione il suo Sangue prezioso per te. […] Ve lo ripeto, l’ora della misericordia sta per cedere all’ora della giustizia. […] E’ astuzia del vostro nemico, Satana, farvi credere morta la Giustizia divina, Misericordia e Giustizia in Me sono una cosa sola. Possibile tanta cecità?

Il Veleno di Satana

La terza categoria è formata da quei sacerdoti che si autoritengono intimamente buoni. Vivono come se fossero buoni, ma un velo li avvolge, il velo della loro presunzione per cui non vedono quella realtà interiore che spesso può fuggire agli uomini, ma non a Me, Dio. In altre parole: mancano della vera e sincera umiltà, quella umiltà che deve fare di voi altrettanti 89020_sacerdotefanciulli; manca la semplicità dell’umiltà. Ad essi il Padre mio nulla rivela. E’ difficile la loro conversione; la loro superbia è raffinata, rivestita di umiltà. Ma sotto quella pseudoumiltà, vi è il veleno di Satana, proprio come certi gioielli all’apparenza preziosi, ma sotto la velatura d’oro sta il metallo vile. Non credono che a se stessi, disdegnano e mal soffrono che qualcuno veda un poco più lontano di loro. Satana in molti modi tende i suoi lacci ai miei sacerdoti. Anche per questi bisogna pregare e soffrire, perché ardua è la loro conversione. Ora basta, figlio mio, vedo che sei stanco. Ti benedico e con Me ti benedicono la Madre mia e San Giuseppe.

Ma Gesù non si limitò a parlare a Mons. Michelini dei sacerdoti, tre giorni dopo, esattamente il  23 ottobre 1975, gli parlò anche dei vescovi e dei loro fatali errori.

CHI SONO I VESCOVI

I Vescovi sono coloro che Io, Sacerdote Eterno, ho chiamato per farli Vescovi_adn-400x300partecipi del mio Eterno Sacerdozio. I Vescovi sono i successori dei miei Apostoli . I Vescovi sono i capi delle chiese locali. I Vescovi, con a capo il Papa mio Vicario sulla terra, formano il collegio apostolico. I Vescovi, uniti al Papa, sono i depositari e i custodi, i diffusori e i difensori della mia Divina Parola.Andate e predicate il mio Vangelo a tutte le genti!” I Vescovi, con il Papa, sono gli amministratori dei frutti della Redenzione; perché partecipi della pienezza del mio Sacerdozio, dovrebbero tutti possedere il dono della sapienza. Ho detto: tutti dovrebbero possederlo. Purtroppo non è  così e quelli che lo possiedono, lo possiedono in gradazioni diverse, come la luce che non ha sempre la stessa intensità. Altra è la luce del sole in pieno meriggio, altro è il chiarore che proviene dalla luna, altra è la luce della lucerna e altra è la luce della lucciola.

vescovi_sin9Forse lo Spirito Santo è stato imparziale? No, figlio mio. Il grado della sapienza è in rapporto al grado della corrispondenza agli impulsi della grazia. Coloro che, con sensibilità attenta e vigilante, hanno risposto generosamente e coraggiosamente, a volte eroicamente e con perseveranza agli impulsi della grazia, non lasciandoli cadere nel vuoto, sono ripieni di sapienza. Chi meno ha corrisposto, meno ha ricevuto. Quelli che non la possiedono affatto vuol dire che hanno precluso la strada, allo Spirito Santo con la loro presunzione e, superbia. Radici di tutti i mali.

Semplicismo pesuntuoso

Figlio, i miei Apostoli, durante i tre anni vissuti accanto a Me, non fecero grandi progressi sulla via della perfezione. La ragione? Il semplicismo presuntuoso di cui era permeato il loro animo. risurrezione-chiamataLo confermano le stolte domande a Me rivolte in varie occasioni, eccezion fatta dell’apostolo prediletto, perché il suo animo puro, semplice, umile lo rese a Me sommamente caro e caro allo Spirito Santo che lo arricchì del dono della sapienza prima ancora della Pentecoste. Dopo la mia Risurrezione sono apparso alla Madre mia, alla Maddalena, a Lazzaro, ai discepoli di Emmaus e ad altri; non subito invece ai miei Apostoli i quali ne furono umiliati, pentiti ed anche un tantino risentiti. Questa lezione servì a farli rientrare in se stessi; servì ad indurli a riflettere sulla gravità della loro fuga, sul comportamento poco onorevole nel tempo della mia Passione. Il semplicismo prsuntuoso, di cui era permeato il loro animo, fu causa del pesante sonno da cui furono presi. Non stettero vigilanti, porgendo così il fianco all’agguato del Nemico che li vinse. Durante i quaranta giorni che precedettero la mia Ascensione, Io svuotai il loro orgoglio, li preparai al distacco dell’Ascensione, li preparai soprattutto a rendere disponibile il loro animo alla azione dello Spirito della sapienza. Conferii a loro il potere sacerdotale culminato con la pienezza del mio sacerdozio della Pentecoste.

Una crociata incessante.

crociatiLa presunzione è come un muro invalicabile che si erge tra Dio e l’anima. […]Nel Medio Evo si indissero crociate fra i cristiani per liberare il mio Sepolcro. Certo il mio Sepolcro è sacro perché ospitò il Corpo mio santissimo. Il Sepolcro mio però rimane un loculo, che non vale quanto vale un’anima il cui prezzo è infinito, il cui prezzo è il Mistero della mia Redenzione. Le crociate entrano nel piano del Mistero della salvezza in atto. Hanno la loro ragione di simbolo, una ragione fiugurativa; stanno ad indicare la necessità di condurre una crociata incessante contro il Principe delle tenebre e le sue tenebrose schiere. Satana è omicida nel senso più vero della parola.

Unico fine

La mia Incarnazione, la mia Passione e Morte, hanno come solo fine la liberazione delle anime dalla micidiale schiavitù di Satana. La partecipazione del mio Sacerdozio ai vescovi e ai sacerdoti san michele arcangelo1ha il solo scopo di farli corredentori nella lotta contro il potere delle Tenebre, in una crociata senza soste, condotta con sapienza, intelligenza e costanza, usando le armi da Me indicate con le parole ma soprattutto con l’esempio. Non vi sono alternative. Se nella mia Chiesa si fosse fatto buon uso di queste armi, ben altra sarebbe oggi la situazione nel mondo. Satana spadroneggia perché non è stato contrastato nella sua avanzata. Essere corredentori, vuol dire (se lo capissero bene vescovi e sacerdoti!) seguire Me sulla strada sicura della umiltà e della povertà della sofferenza e dell’amore, dell’obbedienza e della paternità ferma e stabile in difesa della verità, di cui essi sono con il mio Vicario depositari e custodi, in difesa della giustizia così conculcata e vilipesa.

Non possono i vescovi ignorare neppure per un istante che si nasce per morire, che si muore per iniziare la vera vita, la vita eterna. E’ a questa che bisogna indirizzare mente, cuore, energie; a questa vita eterna, che il Padre ha preparato e pagato con l’umiliazione della Incarnazione mia e della mia Immolazione sulla Croce. Non possono i vescovi e i miei sacerdoti ignorare, o dimenticare che il Nemico dell’uomo non si dà tregua e, giorno e notte, sferra i suoi attacchi per travolgere le anime nella perdizione. Non con le opere esteriori, non con l’eresia dell’azione o con altri mezzi inadeguati croce31all’asprezza della lotta contro un Nemico molto più forte e potente di loro. Io ho tracciato il piano di difesa che essi non hanno saputo attuare; guardando e seguendo Me sulla Croce, potrebbero attingere forza per fronteggiare e anche vincere il loro Avversario che non va sottovalutato.

Figlio, le contraddizioni in atto nella mia Chiesa, l’anarchia imperante, il capovolgimento e il pervertimento della dottrina e della morale, il disorientamento nel quale brancolano sacerdoti e fedeli, non sono senza causa. Ne vuoi qualche esempio? Osserva le sale cinematografiche. In chiesa si parla un linguaggio; nei cinema, ritenuti strutture essenziali, se ne parla un altro opposto. In chiesa si parla di Dio: nelle sale parrocchiali si divulgano spesse volte il materialismo, la sensualità, la violenza.

Nel precedente messaggio ho detto meglio senza preti anziché trasforare il seminario in vivai di eretici. Di chi la responsabilità di tanto male? Di questo caos? Una parte riguardevole cade su coloro che, disponendo dei poteri necessari, non hanno agito. Questa insipienza è tremenda. Sono inattivi, disarmati di fronte all’avanzata sacerdotetravolgente delle forze del Male. Eppure Io ho vinto il mondo. La Madre mia ha schiacciato la testa al Serpente per la sua umiltà. Solo uniti a me nell’umiltà, povertà, obbedienza e sofferenza, si può vincere il Nemico delle vostre anime. Ma quieto vivere, rispetto umano, interessi, timore di perder i favori della gente, hanno reso ciechi coloro che delle anime debbono essere guida e luce.

Quello che si dice del cinema, lo si può purtroppo dire di altre dolorosissime situazioni, per esempio per l’insegnamento religioso nelle scuole affidato a preti eretici. Sì! Quante sementi sono state gettate nell’animo di ragazzi e giovinette nell’età più critica e non sempre da sacerdoti di vita esemplare. Meglio sarebbe stato affidare questa delicatissima mansione a buoni laici (e molto bene ne sarebbe venuto) anziché a preti tramutati in demoni, in lupi rapaci.

La rigidità che tanti pastori hanno usato nel soffocare nel silenzio tanti interventi miei e della Madre mia in questa ora di tenebre, in quest’ora di Barabba, poteva essere usata con ragione in ben altre circostanze, con risultati migliori.

Cristo-SacerdoteErrori e immoralità sono propagandate direttamente ed indirettamente nelle strutture parrocchiali. I vescovi non hanno capito questo problema centrale della Chiesa? Non si rendono conto che hanno essi stessi spalancato le porte all’Avvessario di cui ancora dimostrano di non conoscere le astuzie, le insidie, la potenza e le seduzioni? Non si rendono conto delle tremende contraddizioni di cui è permeata la loro pastorale’ Il Nemico ha sferrato una grande battaglia con il materialismo, che è come la sua incarnazione; è riuscito nei suoi attacchi senza incontrare se non deboli contrattacchi.

Correre ai ripari

Figlio mio, è con grande amarezza che debbo fare questo richiamo, perché urge correre ai ripari per preparare gli animi con la preghiera e la penitenza. L’ora della Misericordia sta per cedere all’ora della Giustizia. E’ necessario correre ai ripari, almeno preparando le anime col renderle consapevoli, chè non al Padre mio deve misericordia6essere imputata l’ora grave che sta per scoccare, ma al loro peccato e al loro disarmo contro le forze del Male. E’ necessario agire senza indugi perché molte anime non siano travolte dalla oscurità della notte che sta per scendere. Non temere! Gridalo forte, chè gli uomini hanno orecchi per udire e non odono, hanno occhi per vedere e non vedono. La luce è spenta nei loro cuori. Ma non prevarranno le forze del Male! La mia Chiesa sarà purificata dalle follie della superbia umana e, alla fine, l’amore della Madre mia e vostra trionferanno.

Ti benedico, figlio. Prega, prega e offrimi le tue sofferenze.        

Fonte: “Confidenze di Gesù ad un Sacerdote”, di Mons. Ottavio Michelini a cura di “Profezie per il Terzo Millennio” – Maggio 2004

ARTICOLI COLLEGATI

I SACERDOTI NEI MESSAGGI DI MEDJUGORJE
20° SEMINARIO PER SACERDOTI
BEATI SACERDOTI MARTIRI INGLESI
SUOR BRIEGE MCKENNA
I SOGNI E I MISTERI DI SAN GIOVANNI BOSCO
FRANCESCO ULTIMO PAPA?
PROFEZIE SULL’ULTIMO PAPA
PROFEZIE DELLA BEATA ANNA CATERINA EMMERICH

Ven. Bartolomeo Holzhauser

 

 

2 comments

  1. Raffaele ha detto:

    Grazie e gloria a Gesù. Perchè non predicare la vita eterna ultraterrena?Perchè non dire ,durante la Santa Messa,nell’Omelia che il demonio esiste e che la nostra difesa è Gesù e l’ubbidienza ai Suoi insegnamenti?Perchè non educhiamo le nuove generazioni alla verità,la vita eterna ultraterrena che diminuisce il valore del materialismo,dei soldi e dei profitti a tutti i costi che fanno gioire la bestia?Con le mie figlie lo faccio da anni,dico loro la verità per metterle in guardia e adorare l’unico vero Dio Padre onnipotente,Lo Spirito Santo ed il Suo dilettissimo Figlio GESU’.La verità ci permetterà di poter combattere il nemico di Gesù,preghiamo e cerchiamo di operare facendo ciò che è gradito al nostro amico fraterno Gesù, il Cristo che è DIO.Aiutiamoci,pace a tutti e gloria a GESU’.

  2. Franz ha detto:

    mi permetto di invitarvi a leggere il messaggio di Anguera 3046 del 29/08/2008″…Colui che potrà essere Pietro diventerà Giuda.
    Aprirà le porte ai nemici e farà soffrire gli uomini e le donne di fede…” e SOTTOLINEO che nel 2008 la B.V. USA IL FUTURO dal momento che il vescovo vestito di bianco ( attenzione a Fatima)l’ attuale Bergoglio sarà eletto il 13/3/2013.
    e ancora nel messaggio3273 del 30 gennaio 2010 “…i nemici APRIRANNO le porte e gli uomini dalla GRANDE BARBA agiranno con grande furia…”.
    Messaggio 2.502 del 29 marzo 2005 “…gli amici del re* si sono uniti contro di lui, ma dio li punirà severamente per il loro tradimento e perché avranno aperto le porte per far entrare gli assassini. La città delle sette colline cadrà (*re: papa Benedetto XVI°) inoltre a Medjugorje il messaggio a Mirjana del 2 Dicembre 2015 conferma: la Chiesa soffre perché perseguitata dall’ esterno e tradita dall’ interno.
    Leggete tutti i messaggi sulla distruzione del Vaticano dati molto PRIMA CHE ESISTESSE L’ ISIS …
    Come riportate nell’ articolo ” La Chiesa e i suoi sacerdoti” di don Michelini la massoneria è VERAMENTE ALL’ INTERNO della Chiesa di Cristo Re! Chi ha occhi per vedere VEDA e orecchie per capire CAPISCA…cerchiamo di svegliarci perché ci siamo! Certamente la Chiesa di Cristo Re alla fine sarà vittoriosa è il Cristianesimo diventerà la RELIGIONE del globo terreno, ma la NUOVA PASSIONE che dovrà affrontare sarà DOLOROSISSIMA.
    Marathanà! Vieni presto Gesù con la tua GIUSTIZIA!