Crea sito

TERESA MUSCO

TERESA MUSCO

mistica (1943-1976) 19 agosto

teresa musco1Mistica straordinaria e vicinissima a noi, ha offerto fin da bambina la sua vita, piena di sofferenze, violenza e rifiuti per le anime del purgatorio e per i sacerdoti. Ebbe visioni e il dono delle Stigmate.

Teresa Musco nacque il 7 giugno 1943 in una povera casa del paese di Caiazzo, in provincia di Caserta. I Musco erano una famiglia onesta e religiosa, sebbene povera e piuttosto numerosa (dieci figli videro la luce in casa Musco, anche se quattro di questi morirono in tenera età).

Il papà si chiamava Salvatore. Era un contadino, temuto dalla famiglia per i suoi violenti accessi di collera, bestemmie e per la fermezza dispotica delle sue decisioni, che arriveranno all’esasperazione insensata e crudele contro la povera Teresa. La mamma, Rosa Zullo, era una donna dolce e dimessa, sempre sottomessa e docile al marito, sollecita nei suoi doveri di madre e moglie fra gli innumerevoli sacrifici che la grossa famiglia esigeva da lei per andare avanti era di esempio per i figli con la sua vita di pietà sincera. Fu lei l’educatrice religiosa della famiglia pur in mezzo a tante tribolazioni che levavano la pace dentro e fuori casa; a quel tempo infatti le tragedie della seconda guerra mondiale avevano significato per tutto il popolo terrore, fame, rovine materiali e morali.

teresa musco bambina

Teresa Musco il giorno della prima comunione

L’infanzia della piccola Teresa fu segnata da tante sofferenze e paure che formarono il suo senso di responsabilità e la sua generosità nell’aiutare in casa con ogni sorta di servizi anche al di sopra della sua età. A quel tempo Teresa soffriva già di cefalee, di alte febbri, di coliche lancinanti, ma nello stesso tempo godeva di visioni ineffabili di Gesù, della Madonna, di Angeli e di Santi.

Così Teresa descriveva i suoi “incontri” con la Madonna: “Posso dire che, dall’età di sei anni, sono stata circondata da particolare predilezione della Mamma Celeste. Difatti era con me quando rassettavo, quando pregavo e anche quando giocavo mi sentivo chiamare per trattenermi con Lei. Quando ero malata me la sentivo sempre vicino, e per me era un conforto e una protezione. L’unica cosa che mi ripeteva sempre era: «Offri la tua sofferenza per i peccatori»”.

Un giorno le apparve Gesù dolorante e sanguinante. Ecco la descrizione di questo episodio fatta da lei stessa: “Mi trovavo sola in casa, Gesù con una grande croce sulla spalla e lamentandosi mi mostra le sue spalle tutte flagellate e tutte le ferite aperte. Io con un fazzolettino asciugai il sangue che scendeva dal viso e dalle ferite…“.

musco-TeresaTeresa, desiderando ardentemente di unire le sue sofferenze a quelle di Gesù, voleva per sé le cose più umilianti e spregevoli, e perciò diceva “Fa’ di me uno straccio“. E infatti l’umiltà, il nascondimento, le incomprensioni, le offese e i maltrattamenti avrebbero segnato costantemente la sua esistenza, e la piccola Teresa avrebbe cominciato presto a essere trattata come “uno straccio” dentro e fuori casa, dagli estranei e persino dai suoi familiari.

Prima ancora dei sei anni si infliggeva delle penitenze corporali:per mortificare la carne ho fatto una corda con tutti nodi, e me la sono stretta intorno; e ogni dolore, ogni trafittura la offro per i peccatori, per le anime del Purgatorio…per le anime che rischiano l’inferno….quelle che peccano contro la purezza...”, scriveva Teresa.

Si può dire che la Famiglia Musco fosse in dissesto pressoché continuo, le condizioni si facevano a volte così critiche che era molto difficile salvarsi dalla disperazione. Fortunatamente in casa c’era la Signora Rosa che pregava, e c’era soprattutto la piccola Teresa che si offriva vittima di espiazione per i peccatori e, anzitutto, per il suo papà bestemmiatore! Il papà spesso faceva scenate contro la piccola coprendola di percosse, di “sputi e bestemmie”. Per castigo, arrivò a ordinare a Teresa di andare ogni mattina con la mamma a vendere la verdura. Era un lavoro faticosissimo, alla fine della giornata, madre e figlia tornavano a casa esauste, ma anziché pace e comprensione, trovavano l’ira e le bestemmie del papà che molte volte costringeva le due poverette ad andare a letto anche senza cena.

teresa musco e un passionistaIl 1° maggio 1950 la Madonna disse a Teresa: “Figlia mia, tu avrai molto da soffrire: girerai ospedali, medici, e nessuno capirà la malattia che il Padre ha posto nel tuo cuore…“. Queste sofferenze erano necessarie per riparare ai peccati che si commettono nel mondo.

Il 1° novembre 1950, mentre la piccola Teresa era in chiesa, un Sacerdote le disse: “Figlia, ti raccomando!… Prega per la salvezza delle anime che si trovano in Purgatorio: non c’è chi prega per loro“. Teresa chiese al Sacerdote con confidenza: “Chi sei?…“, e il Sacerdote rispose sorridendo “Io sono Padre Pio, cioè Francesco, Gesù mi ha detto di dirti di non dire mai a nessuno quanto ti viene riferito. Tu un giorno sarai come me. Guarda…“, e le fece vedere le stimmate nelle sue mani. Poi la benedisse e scomparve.

Un’altra volta la Madonna le disse: “Figlia, offri tutto quello che ti capita di offrire per i Sacerdoti, perché… non capiscono più quale sia la volontà di Dio...”.

Intanto la sua salute andava progressivamente peggiorando. Aveva lancinanti dolori alla testa, che sembravano farla impazzire. All’inizio del 1954, arrivarono dei pesanti disturbi al fegato. Ebbe anche febbri altissime, così alte che il medico non riusciva a teresa muscocapacitarsene: fece cambiare quattro termometri, ma era sempre la stessa altissima temperatura. Alla fine dello stesso anno le vennero anche forti dolori addominali, insopportabili. Il medico le diagnosticò un’appendicite acuta, con necessità di ricovero d’urgenza.

Qualche tempo dopo Teresa avvertì dolori acuti alle ginocchia e alla schiena, tanto da non poter camminare. Il medico, non sapendo più che cosa dire, dispose che la bambina fosse ricoverata nell’Ospedale Civile di Caserta. E lì ancora sofferenze, con aghi infilati nelle ginocchia per ricerche e analisi dolorosissime, con la diagnosi finale di “turbercolosi ossea” che costrinse all’ingessatura e a cure dai risultati pressoché nulli.

Due anni dopo, nel 1957, Teresa venne di nuovo ricoverata a Caserta; la situazione apparve talmente critica che il medico curante comunicò alla madre di Teresa che a sua figlia rimanevano solo pochi mesi di vita. Ma a dispetto delle previsioni Teresa riuscì a sopravvivere anche a questa prova.

musco-teresaUn giorno Teresa si sentì dire da Gesù: “..se nelle famiglie non ci sarà sempre la recita del Rosario e la frequenza dei Sacramenti, né la pace, né l’amore ci sarà mai in esse. Quindi, tu, quando sarai grande e ti troverai di fronte a tanti Sacerdoti, figli a me cari, mi raccomando di dir loro che insistano sempre sulla frequenza dei Sacramenti e sulla recita del Rosario“.

Dopo l’ennesimo ricovero in ospedale l’8 gennaio 1968 il padre si rifiuta di riprenderla in casa e tutta la famiglia era sempre più ostile nei suoi confronti. Parte dunque per Caserta, non sapendo come fare senza l’aiuto di nessuno, ma la Provvidenza le venne presto in aiuto. Una pia signora di Caserta prese con sé Teresa, venendole incontro in tutti i suoi bisogni con premura materna.

Durante la settimana santa del 1969 Teresa ricevette le stigmate. Il 31 luglio dello stesso anno ricevette anche le piaghe della Corona di spine. In seguito, ogni tanto, la fronte di Teresa apparirà circondata di sangue.teresa musco - stigmate

Nel gennaio 1960 Gesù le apparve dicendole: “Figlia mia, Teresa, voglio offrirti la ferita del mio costato. Tu che ne dici? Te la offro per la salvezza delle anime“. Teresa rispose con trasporto: “Sì, sì, la voglio!“.

A tutte queste sofferenze mistiche si aggiungevano sempre nuovi scompensi e disfunzioni, con coliche renali, tachicardie, febbri altissime, dolori addominali, che contribuivano a debilitare il suo povero organismo già pesantemente provato da anni e anni di sofferenze. E come se non bastasse c’erano pure le vessazioni diaboliche, l’emarginazione da parte dei suoi, le diffidenze, le insinuazioni, i sospetti di cui la circondavano certe voci maligne.

Nel sopportare tutte queste sofferenze le davano sostegno e conforto solo i Sacramenti e la preghiera, l’Eucaristia e il Rosario, che sono il nutrimento dei Santi. Di grande sostegno, inoltre, furono il suo Padre spirituale, Don Giuseppe Borra (rettore dei Salesiani di Caserta) e il Fratello spirituale, Padre Franco Amico, le due guide che l’assistettero negli ultimi anni della vita.

teresa e gesù bambino che piange lacrime di sangueTeresa voleva essere particolarmente generosa nell’immolarsi per i Sacerdoti. E tantissimi Sacerdoti fecero a lei ricorso durante la sua permanenza a Caserta. Diverse centinaia, venuti da molte parti, andavano da lei per chiederle consigli e preghiere.

Messa, Comunione, Adorazione eucaristica, sono i tre tesori della pietà eucaristica presenti nelle giornate di Teresa, spesso con grande sforzo e sacrificio. Diverse volte il Signore provvide a nutrirla dell’Eucaristia in modo straordinario, mandandole un Angelo a comunicarla, e, per qualche tempo, Padre Pio da Pietrelcina. Tutte le prove di Teresa, tutti gli strazi spirituali e fisici si placavano facilmente ai piedi di un Tabernacolo.

Un fenomeno nuovo e sconcertante si verificò nell’ultimo anno e mezzo di vita di Teresa: molte immagini di Gesù e della Madonna iniziarono a lacrimare e a versare sangue. Il primo episodio avvenne il 26 febbraio 1975. Mentre Teresa puliva un quadretto del S. Volto di Gesù, si accorse improvvisamente che il Volto Santo stava lacrimando. Fu il primo segno straordinario. Il quadretto venne fatto esaminare dall’Arcivescovo di Caserta, che poi rilasciò il permesso di esporlo sull’altarino domestico di Teresa.

crocifisso di Teresa musco perde sangueIl 5 gennaio 1976, Teresa annotava sul diario: “Questa mattina ho chiesto a Gesù Crocifisso, mentre piangeva, perché dava questi segni, Gesù Crocifisso mi ha detto: «Teresa, figlia mia, tu vedi quanta malvagità esiste nei cuori dei miei figli, specialmente quelli che dovrebbero avere più amore e dare maggiore buon esempio, mentre sono quelli che più lasciano a desiderare. Tu prega, figlia mia, per loro, e offri senza risparmio. Vedrai che quaggiù non troverai comprensione, ma lassù sarai felice e piena di gloria...».

Dal 13 marzo 1973 Teresa sapeva che non sarebbe passato molto tempo ancora per la dipartita da questo mondo, glielo aveva rivelato Gesù stesso. Quello stesso anno venne portata alla Clinica dei Gerani, a Napoli, per una emodialisi. Nella Clinica dei Gerani trovò un ambiente sereno. Ma gli interventi a cui Teresa fu sottoposta erano lunghi e dolorosi. Eppure, la giovane li affrontò sempre con grande coraggio e senza il minimo lamento. I medici ne rimasero molto ammirati. Il giorno della Madonna del Carmine le venne applicato il rene artificiale.

Il 19 agosto 1976, quando aveva già compiuto 33 anni, Teresa lasciò questo mondo, “all’improvviso – riferisce Padre Franco – ecco che le sue braccia si sollevarono più in alto della testa e tutto il suo corpo, Madonna di Teresa musco versa lacrime di sanguele gambe, i piedi assunsero una rigidità come se fosse diventata tutta di marmo. Teresa assunse l’atteggiamento di Gesù agonizzante con le braccia spalancate sulla croce”.

La salma rimase esposta per due giorni e due notti e il via vai di gente accorsa da ogni parte fu interminabile. Il traffico cittadino fu bloccato per l’imponente afflusso di persone. Le esequie furono solenni, la Messa venne celebrata da venti Sacerdoti nella Cattedrale di Caserta.

 

FONTEhttp://profezie3m.altervista.org/ptm_musco.htm

ARTICOLI COLLEGATI

BEATA ANNA CATERINA EMMERICH
MARTHE ROBIN

(Stigmatizzata visse di Eucarestia una volta a settimana per cinquant’anni, senza nemmeno ingoiarla, perché svaniva tra le sue labbra)

TERESA NEUMANN

(Stigmatizza si nutrì per 36 anni della sola eucarestia.)

JULIA KIM

(Stigmatizzata, l’ostia nella sua bocca diventa carne e sangue)

Beata Liduina e Santa Giuliana Falconieri 

(anime vittime in grado di sopravvivere con la sola Eucarestia)

ANNE LOUISE LATEAU

(Per 12 anni cessa di mangiare, bere e dormire… L’unico cibo che riusciva ad assumere era l’Eucarestia)

LUISA PICCARRETA 

(Partecipa alla passione di Cristo e arriva a rigettare ogni tipo di cibo che la obbligano ad ingerire, perfettamente intatto e profumato) 

STIGMATIZZATE:

BEATA MADRE ELENA AIELLO
RHODA WISE 
MARIA ESPERANZA MEDRANO DE BIANCHINI
NATUZZA EVOLO
MARIE JULIE JAHENNY

 

Be Sociable, Share!

One comment

  1. Anna Maria Zumpano ha detto:

    Simile alla vita di Natuzza Evolo, Dio sceglie queste persone, Egli può tutto!