Crea sito

IL VERO VOLTO DI GESÙ CRISTO?

IL VERO VOLTO DI GESÙ CRISTO?

volto di gesù di gimiglianoCosì come attraverso la mistica Luigina Sinapi abbiamo avuto un immagine del volto della Madonna, ora attraverso le apparizioni di Gimigliano (AP) la Vergine Maria che ci sollecitava a guardare il cielo e i suoi segni, ci ha donato quella del suo figlio. Un volto umano in tutto simile a quello riprodotto dagli studi sulla Sindone.

La mattina del 4 febbraio 1988, verso le ore 11.45, uno “strumento” (così chiama i veggenti la Vergine Maria a Gimigliano), consapevole delle esortazioni della Mamma Celeste, di scrutare i segni del cielo, segue un impulso misterioso che lo muove a scattare con una polaroid una foto verso un palpitante punto luminoso sul cielo in direzione della montagna dell’Ascensione. Ne scaturiva l’immagine del Santo Volto di Gesù.

.., Lui si farà vedere, per darvi coraggio e tanta fede. Questo è il vero Volto del Mio Figlio Gesù, e nessuno deve avere dubbi“. (messaggio del 29 giugno 1989). “Cristo Gesù è vivo nel Quadro …“. (messaggio-grafico del 4 giugno 1988)

GIMIGLIANO7La sera del tre giugno, quando il quadro del Sacro Volto fu trafugato dalla Grotta, uno “strumento” ebbe l’estasi nella propria abitazione, col seguente messaggio: “…questa sera Mi hanno profanato, Mi hanno messo via come immondizia, ma poi si sono pentite“. I presenti a tale notizia, volevano avvertire il parroco e fare ricerche; ma il messaggio continuò: “non occorre avvertire il parroco, perché (don …) Mi troverà; ha già avvertito la Mia presenza …” (messaggio del 3 giugno 1988) In quel medesimo istante infatti (don …) si trovava a pregare alla Grotta e stava per rinvenire il Quadro nascosto.

Gesù e la Mamma vi hanno dato tanti segni, tantissimi. Vi hanno dato Gesù, il Suo volto, il suo vero volto. Tenete, tenete quel Volto nelle vostre case; tenetelo nei posti dove tutti lo potranno vedere ! Vi proteggerà, vi aiuterà, vi darà forza e coraggio. ” (messaggio del 10 ottobre 1989).

VIDEOgimigliano1

Il Volto Sacro garantisce l’autenticità della sindone, e da essa ne riceve garanzia. E’ infatti troppo simile alla sindone per dubitare che non sia il Volto appartenente alla medesima Persona. Ma è anche abbastanza diverso per suppone che sia stato ricavato da essa. Anche quando molti dubitavano dell’autenticità della Sacra Sindone a causa delle momentanee ipotesi scientifiche che la collocavano al secolo XII, i messaggi di Gesù e della Mamma Celeste e il confronto col Volto Sacro, ci hanno dato sempre sicurezza nei confronti del Sacro Sudario; “Figlia mia, mi chiedi e già mi hai chiesto se la Sindone sia il vero lenzuolo che ha avvolto il Mio Corpo. Sì, figlia! anche la Mia e tua Madre ha confermato il vero lenzuolo. Ci sono dei falsi; ma quello che si trova a Torino è il mio lenzuolo“. (dal messaggio di Gesù del 1 giugno 1989). “… la sindone di Torino è il lenzuolo che ha avvolto il Mio sudore, il Mio sangue e gli spasimi miei più atroci. Mai la scienza potrà spiegare il fenomeno della sindone“. (messaggio di Gesù).

VOLTO3.1Di seguito è riportato il Volto di Gesù, ricavato dalla S. Sindone e Quello apparso nella foto di Gimigliano.

    Il prof. Ettore Tavoletti, docente presso l’Istituto Statale d’arte ed esperto in arte fotografica, a capo di una equipe tecnica di studi ha analizzato per oltre un anno l’immagine del volto Santo ed ha concluso:

ignoriamo se si tratti di miracolo oppure no, e non spetta a noi stabilirlo. Però escludiamo che si tratti di una riproduzione da qualche precedente immagine. Se fosse stata una qualunque stampa tipografica, i forti ingrandimenti, ai quali abbiamo sottoposto l’immagine, avrebbero rilevato l’esistenza del retino sotto forma di puntini grigi. Invece del classico moirè si nota un fondo sfocato ma pulito, senza grana, tipico di certe fotografie. Ho visto anche colui che ha scattato la foto, persona inesperta di fotomontaggi complicati, e ho visto la macchina usata, una vecchia polaroid con un fuoco fisso. Con quella macchina sarebbe stato impossibile fotografare un santino e cavarne un primo piano come quello che noi abbiamo analizzato. Sinceramente non riusciamo a capire come abbia potuto ricavare una immagine simile.

Ci è parso che quell’immagine avesse una forte somiglianza con quella della Sindone; perciò abbiamo controllato bene. In effetti la volto di gesù di gimigliano
somiglianza esiste;
ma valutando i dati parametrici del viso abbiamo rilevato una differenza di fondo tra il Volto della Sindone e il Volto della foto. Il Volto della sindone è più sfilato, forse perché è l’immagine di un volto senza vita; mentre il Volto “santo” di Gimigliano è vivo. Studiando l’illuminazione del Volto della foto dal punto di vista tecnico si rimane sconcertati, in quanto non si riesce a capirne la tecnica eventualmente adottata che esula da ogni regola. Se tale foto sia la dimostrazione di un miracolo non spetta a noi dirlo; sicuramente possiamo affermare che si tratti di una foto autentica e originale
.

anita5

GROTTA DELL’APPARIZIONE DI GIMIGLIANO

    Il quadro del Sacro Volto di Gesù, collocato sopra l’altarino della Grotta, oltre a suscitare devozione nei fedeli, ha rivelato effetti prodigiosi. Verso i primi del mese di dicembre 1988, uno “strumento” di Gimigliano, durante l’estasi nella Grotta, invitava i presenti a guardare il quadro, vi si scorgeva una macchia rossa che si andava formando sul Volto di Gesù, all’altezza del naso. Il 13 dello stesso mese, verso le ore 20, erano ben tre le macchie sanguigne che si delineavano sul Volto divino: una sul sopracciglio sinistro, una sul dorso nasale, l’altra a destra del naso. Il tutto durava circa 15 minuti, sotto lo sguardo meravigliato delle dieci persone circa che firmavano la loro testimonianza. Prima che il S. Volto si macchiasse, il “veggente-strumento” aveva visto l’Immagine congiungersi, muoversi, fluttuare, sfumare e perdere i connotati netti, come quando ci si specchia nell’acqua agitata.

GIMIGLIANO8

Foto privata di Mario Calisti

Il 22 dicembre, verso le ore 19, altre due macchie rosse si formavano sulla parte frontale destra della Sacra Immagine. Il fenomeno appariva anche sul vicino quadro del “Gesù Misericordioso” : una macchia rossa sulla parte destra della fronte, una sullo zigomo destro, con una scia che lo congiungeva al sinistro. Questa volta il prodigio durava circa 30 minuti. Oltre ai tredici presenti, che firmavano la testimonianza, è intervenuto anche il parroco, che ha visto e confermato l’evento.

Infine, il 24 dicembre alla stessa ora, sono apparsi i segni in entrambe le Immagini: una macchia rossa perpendicolare sulla fronte del Gesù Misericordioso, e una grossa lacrima sotto l’occhio destro del Volto Santo. Il fenomeno durava 15 minuti; e le quindici persone presenti hanno visto e testimoniato. Innumerevoli sono le testimonianze dei segni e grazie, sia di ordine spirituale che fisico, ricevute da fedeli che si sono rivolti a Gesù onorandone il Sacro Volto.

Fonti:  Guido Capriotti su http://www.madonnina.5u.com/index.htm; http://www.otauv.com/ordo/il_vero_volto_di_gesu.htm

ARTICOLI COLLEGATI

MADONNA DI GIMIGLIANO
FESTA DEL VOLTO SANTO DI GESÙ
SERVA DI DIO MARIA CONCETTA PANTUSA
IL VELO DELLA VERONICA DI MALOPPELLO
MANDYLION
IL VERO VOLTO DI MARIA SANTISSIMA
LA SACRA SINDONE

 

 

Be Sociable, Share!

One comment

  1. paolo marcotulli ha detto:

    il vero volto?
    Non lo sapremo mai.
    se poi pensiamo che nulla sappiamo del padre biologico,potrebbe anche essere biondo con gli occhi azzurri.
    Quello che invece vorrei far notare e’che , in campo “profeti” ,la totale mancanza di donne.
    Come mai?