Crea sito

Santa Elisabetta d’Ungheria

SANTA ELISABETTA D’UNGHERIA

(1207-1231) 17 novembre

SANTA ELISABETTA D'UNGHERIAUna bellissima regina abbandonata all’età di 4 anni per diventare una degna moglie di re, vive una grande storia d’amore fino alla morte del marito diventato anch’egli santo.

Elisabetta, nata a Bratislava nel 1207, era figlia di Andrea II d’Ungheria e di sua moglie. A 4 anni circa, il padre la fece fidanzare con Luigi, il figlio maggiore di Ermanno I, langravio della Turingia, e la mandò a vivere alla corte di Wartbourg, affinchè ricevesse un’educazione adeguata.

Sebbene a corte fosse trattata in modo scortese da alcuni, che senza dubbio ne invidiavano la bellezza, la bontà e la personalità generosa e cordiale, ciò accrebbe l’affetto di Luigi che si trasformò in vero amore, quando la giovane diventò adulta. Nel 1221, Luigi, compiuti vent’un anni e assunta la carica di langravio al osto del padre, la sposò, quando quest’ultima aveva quattordici anni.

Furono fatti molti tentatavi per convincerlo a rimandare Elisabetta in Ungheria, ma Luigi insistette che piuttosto avrebbe ceduto una montagna d’oro. Luigi, venerato in Germania come santo (11 settembre), sebbene il suo culto non sia mai stato confermato, sembra aver avuto molte qualità pari a quelle della moglie, e il loro breve matrimonio fu incredibilmente felice. Ebbero tre figli: Ermanno, che morì a diciannove anni, Sofia, che sposò il duca di Brabante e, la B. Gertrude (13 agosto), che divenne badessa ad Altenburg.

SANTA ELISABETTA D'UNGHERIA1

Luigi accettò la necessità di Elisabetta di condurre una vita semplice ed austera, e non cercò mai di ostacolare i suoi lunghi periodi di preghiera o le sue opere di carità. La straordinaria generosità di Elisabetta fu talvolta criticata e ritenuta stravagante da altri; nel 1225, per esempio, quando la zona della Germania in cui vivevano fu colpita da una carestia, usò tutte le ricchezze a disposizione e distribuì tutto il grano che possedeva alle persone maggiormente colpite.

Ai membri della sua famiglia, che si lamentavano con Luigi di questo comportamento, il marito rispose che non aveva intaccato le sue finanze e aggiunse, con il suo fare tipico: “Per quanto riguarda le sue opere di carità ci porteranno la benedizione divina, che non ci mancherà finchè continuerà ad alleviare le pene dei poveri come sta facendo”. In effetti una delle storie più famose che illustrano la carità di Elisabetta descrivono anche la sensibilità di Luigi.

Un giorno, Elisabetta fece distendere un lebbroso morente nel letto coniugale, e quando Luigi apprese la notizia, corse infuriato nella stanza e strappò via le coperte “ma in quell’istante” come afferma il biografo di Elisabetta, Dietrich di Apolda, “Dio onnipotente gli aprì gli occhi dell’anima e invece del lebbroso vide l’immagine di Cristo crocifisso disteso sul letto.” (sfortunatamente i biografi successivi trasformarono questa semplice descrizione di un momento di ELISABETTA d'ungheriaintrospezione e crescita interiore in un’apparizione fisica, dato che affermano che Luigi vide con i suoi occhi “un crocifisso sanguinante con le braccia aperte”.)

Poiché il castello di Wartburg si ergeva su una collina molto ripida, Elisabetta fece costruire un ospedale ai suoi piedi, dove si recava regolarmente per assistere i pazienti o rifare i loro letti; inoltre vi erano anche bambini, specialmente orfani, che aiutava sempre, e poveri che giungevano ogni giorno alla sua porta in cerca di cibo. In ogni caso fu sempre abile e generosa, trovando e offrendo un lavoro a quelli che erano in grado di svolgerlo,  piuttosto che cibo o denaro.

Nel 1227, Luigi decise di partire per la Puglia per raggiungere l’imperatore Federico II, che stava organizzando una nuova crociata; Elisabetta, “con grande dolore e sofferenza” al pensiero della separazione prossima, cavalcò con lui tutto il giorno. Luigi non raggiunse mai la Terra Santa, poiché contrasse la peste a Otranto, e morì il giorno 11 settembre. La notizia raggiunse Wartburg in ottobre, ma Elisabett, che aveva solo vent’anni e aveva appena partorito la sua seconda figlia, fraintese la notizia ricevuta dalla suocera e pensò che Luigi fosse stato preso prigioniero. Appresa la verità, le si spezzò letteralmente il cuore, e gridò: “Il mondo è morto per me, e così ogni sua gioia” (e per un certo periodo, incapace di sopportare il dolore, vagò per il castello piangendo in modo inconsolabile).

santa Elisabetta d'UngheriaNon è del tutto chiaro cosa successe in seguito, ma si racconta che il cognato di Elisabetta, in veste di reggente per il figio infante, desideroso di mantenere il potere, la costrinse a lasciare Wartburg insieme ai figli e a due servitori, in quello stesso inverno; gli sventurati incontrarono molte difficoltà e furono sottoposti a dure privazioni finchè Matilda, zia di Elisabetta e badessa di Kitzingen, li accolse nel monastero.

Secondo un altro racconto, Elisabetta lasciò Wartburg volontariamente, ipotesi consona al suo desiderio di vivere come la gente comune, poiché riteneva che i ricchi vivessero alle spalle dei poveri. In entrambi i casi, si recò a Kitzingen, dove lasciò la figlia Sofia alle cure delle monache, prima di recarsi a Bamberga, dove suo zio era vescovo; Quest’ultimo mise a sua disposizione il castello di Pottenstein e iniziò a fare dei piani ambiziosi per farla risposare, ma Elisabetta rifiutò questa proposta, dato che prima della partenza di Luigi per la crociata si erano scambiati la mutua promessa di non risposarsi mai.

Dopo la solenne sepoltura di Luigi, dopo aver sistemato la sua famiglia, Elisabetta si fece francescana . Si sistemò in una casupola che si fece costruire appositamente, con annesso un ospizio per i malati, i poveri e gli anziani, per dedicarsi totalmente alla loro assistenza. Alcuni biografi notano una totale differenza tra Elisabetta bambina, moglie e madre, ed Elisabetta vedova e asceta, e la criticano per aver abbandonato i figli; è impossibile conoscere il motivo della sua decisione, tuttavia può essere stato per evitare che subissero dure privazioni, oltre al fatto che lei stessa era stata allontanata dai genitori in età giovanissima, cosa che la rendeva più facile comportarsi alla stessa maniera.

Il suo confessore diventò il fanatico Corrado di Marburgo, il quale le impedì la vicinanza di due amatissime dame di compagnia, una delle quali era con lei sin dalla nascita e che sicuramente l’amava come una madre, sostituendole con due donne severe che non conosceva e che informavano Corrado di ogni minima disobbedienza ai suoi precisi comandi; si diceSANTA ELISABETTA D'UNGHERIA4 che per punirla la schiaffeggiasse o la battesse con “un bastone lungo e spesso”. Elisabetta lavorò instancabilmente nell’ospizio e nelle case dei poveri e, nonostante il cattivo stato di salute, non rinunciò a condurre una vita privata assai austera e all’età di 24 anni morì.

Le spoglie furono collocate nella cappella dell’ospizio, dove poi fu sepolta, e presto si raccontò che erano avvenuti miracoli per sua intercessione; Corrado cominciò subito a raccogliere testimonianze sulla sua santità, ma non visse abbastanza a lungo per assistere alla canonizzazione.

E’ invocata contro la tigna, come protettrice di panettieri e Terz’ordine francescano.

ARTICOLI COLLEGATI

Santa Elisabetta del Portogallo

FonteIl primo grande dizionario dei santi di Alban Butler

One comment

  1. ANISIO ZANDONADE ha detto:

    santa elisabetta prega per mia patria BRASIL