Crea sito

Marie Rose Ferron

MARIE ROSE FERRON

mistica e stigmatizzata americana (1902-1936) 8 settembre

Marie-Rose-FerronGrande devota di S. Gemma Galgani, Marie Rose Ferron fu anch’essa soprannominata “Little Rose”, cioè: piccola rosa. Anima vittima si offrì al Signore per riempire quelle cose che mancano delle sofferenze di Cristo … per il suo Corpo che è la Chiesa.” (Col 1,24)

Marie Rose era molto devota a Santa Gemma Galgani che sentiva assai vicina per esperienze mistiche analoghe. Marie Rose nacque il 24 maggio 1902 a St Germain de Grantham, in Quebec, decima di una famiglia di quindici figli che si trasferì a Fall River, in Massachusetts, quando Marie Rose aveva solo 3 anni. Fu qui che ebbe la prima di tante visite di Gesù e il suo primo colloquio con Lui, che descrisse in seguito in questo modo:”Ho visto il Bambino Gesù che portava la croce e mi guardava con occhi tristi“. In seguito la sua famiglia si trasferì nuovamente il 25 maggio 1925 a Woonsocket, a Rhode Island.

A sette anni Gesù le insegnò questa preghiera:

Marie_Rose_Ferron2«Oh Signore Gesù, quando rifletto sulle parole che tu hai pronunciato: ‘Molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti,’ Ho paura e tremo per quelli che amo, e ti prego di guardare su di loro con la misericordia, ed ecco, con una tenerezza infinita, hai messo la loro salvezza nelle mie mani, per tutto ciò che è assicurato a chi sa soffrire con Te, e per Te. Il mio cuore sanguina sotto il peso della sofferenza, ma la mia volontà resta unito alla Tuo, e io grido a Te: ‘Signore, è per loro che voglio soffrire …. Vorrei mescolare le mie lacrime al tuo Sangue prezioso per la salvezza di coloro che amo! Non rimarrà sordo il mio grido di dolore …. e Voi li salverete. ‘ “

Nacque in Rose il desiderio di farsi suora, ma, una malattia degenerativa che le contraeva i muscoli delle gambe, dei piedi, delle braccia e delle mani, rimase paralizzata per una buona parte della sua adolescenza. Soffrì anche di disturbi intestinali che le rendevano praticamente impossibile mangiare normalmente. Contrasse anche il tetano e la piorrea che la esclusero dai contatti con gli altri coetanei. Subì diverse operazioni ai denti e alla mascella, la sua sinistra mano si ridusse alla metà della sua dimensione reale e le contratture le procuravano la trafittura del palmo con le unghie. Il Dr. Gendron confermerà che i suoi piedi contorti sembravano bastonati e ruotavano verso l’interno, le sue gambe erano in uno stato di atrofia completa.

marie rose ferronPer evitare che si accartocciasse su se stessa l’avevano legata ad una tavola che venne posta sul materasso e così rimase fino alla fine dei suoi giorni. Furono per Rose anni molto duri, ma anche il suo direttore spirituale Padre Gauthier, dichiarò che non si scoraggiava mai, accettando tutto come un dono che scaturiva dalle mani amorose di Dio per la salvezza delle anime bisognose.

I Ferrons erano una famiglia cattolica molto pia, in particolar modo la madre, Delima Mathieu Ferron che già dal momento del suo matrimonio, offrì a Dio attraverso la Madonna ogni bambino che le sarebbe stato donato da Dio, in onore dei misteri del Santo Rosario.

Confessò un giorno a Padre Leonard: “Mentre mi trovavo in uno dei miei sogni (così definiva le sue estasi), ho visto la Beata Vergine Maria; srotolò i quindici misteri del Rosario e io li vedevo passare davanti a me fino a quando si fermarono al mistero quindicesimo. proprio lì lessi il nome di mia madre, comprendendo che aveva avuto quindici figli, in onore dei quindici misteri del Rosario.”

Marie_Rose_Ferron1Nella stessa visione vide i misteri tornare indietro fino al decimo cioè alla crocifissione; comprese quindi che quelle sofferenze erano anche per lei, essendo la decima figlia di sua madre.

Nel 1926 ricevette le stigmate con la corona di spine. Ogni venerdì riviveva la passione di Cristo. Tutta questa sofferenza durò per ben 10 anni, confermata e controllata da medici e religiosi, fin quando l’11 maggio 1936, all’età di soli 33 anni salì al cielo esattamente come aveva profetizzato, secondo le indicazioni di Gesù stesso circa sette anni prima.

Marie Rose andava spesso in estasi in questi momenti il corpo rimaneva completamente immobile e pesantissimo, nessuno riusciva infatti a spostarlo. Questo fenomeno è stato verificato innumerevoli volte da numerose persone; sacerdoti, medici, amici e familiari durante tutto il periodo della sua esistenza.
Un aspetto unico delle estasi di Marie Rose furono le richieste di Gesù di cantare inni e poesie per lui.
O Gesù, sì, Ti amo, e vorrei senza ombra amarti più di me stessa, o Gesù, sì, ti amo! … Tu solo sei la mia felicità, sì, voglio vivere per te, Gesù mio! … per te, o mio Gesù, desidero anche soffrire; o Gesù, per te solo! Se è la volontà del mio Padre celeste, … O Gesù, tu sei la mia felicità!
Little-Rose-FerronVa inoltre sottolineata la grande devozione che Rose aveva per Gesù Eucaristia, per la Madonna e il Santo Rosario. In ogni foto la si vede infatti con la sacra corona tra le mani. Ella stessa disse: “quando non ho abbastanza tempo per dire un rosario, dico semplicemente su ogni grano” Mio Dio, ti amo!”
Capitò che lo zio si sedette vicino al letto di Rose una notte e la vide in estasi, quando guardò meglio si accorse che il suo viso era diventato il viso di Gesù che lo guardava, il Suo Santo Volto si era sovrapposto a quello di Marie Rose fin quando l’estasi non terminò.  Ciò ci riporta a San Paolo che scrisse hai Galati: “Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me». (Gal 2,20)
Il dottor George H. Gendron descrisse questi stati di estasi come “coma”, affermando che durante le sue operazioni facciali cadde in questo stato decine di volte, e nella protesi comparve l’immagine di Cristo sofferente, testimonianto anche da padre Jean-Baptiste Marie_Rose_ferron_24Ferron. “Tutto questo si è verificato il 14 maggio 1931, verso le 3:00″  La sacra immagine apparve anche altre volte e in presenza di testimoni. Il volto di Cristo appariva sempre sofferente ma con espressioni diverse. Sebbene Rose disse al medico che alla sua morte avrebbe potuto riprendersi la protesi nessuno riuscì mai a toglierla.
Dopo la sua morte, molti miracoli sono stati attribuiti alla sua intercessione. Molti di questi miracoli sono documentati nei libri seguenti. Inoltre, molte persone hanno documentato l’odore delle rose mentre pregavano per Marie Rose. Essi attribuiscono questo come un segno della sua presenza celeste.

 

Fonte: http://www.stgemmagalgani.com/2009/05/marie-rose-ferron-american-stigmatist.html

ARTICOLI COLLEGATI

SANTA GEMMA GALGANI
MARTHE ROBIN

(Stigmatizzata visse di Eucarestia una volta a settimana per cinquant’anni, senza nemmeno ingoiarla, perché svaniva tra le sue labbra)

TERESA NEUMANN

(stigmatizzata si nutrì per 36 anni della sola eucarestia.)

LUISA PICCARRETA
BEATA MADRE ELENA AIELLO
MARIA ESPERANZA MEDRANO DE BIANCHINI
TERESA NEUMANN

(Stigmatizza si nutrì per 36 anni della sola eucarestia.)

ANNA CATERINA EMMERICK

(Stigmatizzata si nutre di sola eucarestia per 10 anni) 

JULIA KIM

(Stigmatizzata, l’ostia nella sua bocca diventa carne e sangue)

RHODA WISE  e TERESA MUSCO

(stigmatizzate)

 

Be Sociable, Share!

Comments are closed.