Crea sito

Via Crucis della Misericordia

VIA CRUCIS DELLA MISERICORDIA  

ViaCrucisSignore Gesù, noi tutti eravamo dispersi, ognuno di noi seguiva la sua strada. Ti sei caricato delle nostre sofferenze, ti sei addossato i nostri dolori, maltrattato, ti sei lasciato umiliare, non hai aperto bocca; come agnello sei stato condotto al macello. Con la violenza e un’ingiusta sentenza sei stato tolto di mezzo, schiacciato dalle nostre iniquità. (Is 53,4-8)

INTRODUZIONE E PREGHIERA INIZIALE

Nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo.

Amen.

In questo Anno Santo, Giubileo della Misericordia, percorriamo la Via Crucis come pellegrini e mendicanti di misericordia. Tenendo fisso lo sguardo sul Gesù, passeremo da una stazione all’altra come attraverso altrettante Porte Sante e ci recheremo spiritualmente nelle più sperdute e desolate periferie esistenziali dell’umanità, dove Cristo ancora soffre, è lasciato morire di fame e di freddo, è rifiutato e respinto, è incarcerato e privato della logo misericordiasua umano-divina dignità, è perseguitato e ucciso… Per vivere autenticamente la nostra Via Crucis sulle orme di Gesù, occorre tuttavia avere innanzitutto l’umiltà e il coraggio di scendere nelle zone più nascoste del nostro cuore, quelle ancora da evangelizzare. È là che Gesù ci attende per donarci il suo perdono e cominciare con noi, dall’abisso della nostra povertà, la salita al Calvario, alla vetta del più grande amore. Egli, infatti, nella sua bontà misericordiosa, vuole non solo salvarci, ma anche unirci a Sé nell’opera di salvezza universale.

Padre, fontale Amore, che hai tanto amato il mondo da dare il tuo dilettissimo Figlio per la nostra salvezza, visita con il tuo Santo Spirito le profondità del nostro cuore, perché, percorrendo la Via della Croce, ci lasciamo trasformare interiormente, e diventiamo per i nostri fratelli segni vivi della tua misericordia. E tu, Madre della divina Misericordia, accompagnaci lungo il cammino, negli intricati sentieri della storia, negli anonimi agglomerati urbani, nei desolati deserti del non-senso, dove ogni giorno l’uomo è immerso nelle tenebre del Venerdì Santo e attende una parola e un gesto di umana-divina misericordia per risorgere a vita nuova.

PRIMA STAZIONE

Gesù è condannato a morte

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Mt 26,11-12.24.26

Al mattino, Gesù comparve davanti al governatore [Pilato]. E mentre i capi dei sacerdoti e gli anziani lo accusavano, non rispose nulla…, tanto che il governatore rimase assai stupito. Pilato, visto che non otteneva nulla, anzi che il tumulto Gesù condannato a morteaumentava, prese dell’acqua e si lavò le mani davanti alla folla, e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso.

BREVE MEDITAZIONE

Il Giusto, accusato, tace. È il silenzio consapevole di chi sa che è giunta la “sua ora”. Tra le urla degli accusatori Gesù ascolta la voce del Padre che nel suo grande amore per gli uomini lo consegna a loro salvezza. È un silenzio pieno di amore di chi alla difesa preferisce il perdono, alla vita per sé l’offerta per gli altri. È un silenzio che stupisce, perché è nuovo. E chiama ad una vita nuova, ad una nuova mentalità. Quale contrasto con il gesto di lavarsi le mani compiuto da Pilato! Gesto d’indifferenza e di egoismo che si ripete ancora oggi, quando, chiudendo il nostro cuore all’accoglienza, noi decretiamo la condanna a morte di tanti poveri senza voce, inghiottiti nei mari burrascosi della storia.

SECONDA STAZIONE

Gesù è caricato della croce

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Mc 15,16-20, passim

Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, intrecciarono una corona di spine e gliela misero attorno al capo. Poi presero a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!». E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano davanti a lui. Dopo essersi fatti beffe di lui, lo condussero fuori per Gesù caricato della crocecrocifiggerlo.

BREVE MEDITAZIONE

La condanna, inappellabile, è appena pronunziata e subito il mistero dell’iniquità si manifesta in tutta la sua cattiveria. Per i soldati, che lo ricevono in consegna, Gesù è oggetto di scherno, di gratuita violenza e di disprezzo. Incoronato di spine, diventa per loro un re da burla. Quale tragica rivelazione del cuore umano! Quale perverso gusto di far soffrire e di veder soffrire!… Ogni senso di pietà è scomparso. E Gesù ancora tace. Nella sua mitezza si lascia condurre, spogliare e rivestire, bendare e incoronare di spine…, come un personaggio di teatro tragicomico. Silenzio di mansuetudine di chi, Signore dell’universo, si consegna inerme, per vincere non con la forza, ma con la debolezza. Mistero insondabile dell’umiltà di Dio, cui non si riconosce neppur più la dignità di Uomo. E questo ancora tragicamente accade nei tanti lager, gulag e foibe della storia, per non dire nelle carceri sovraffollate del terzo millennio cristiano, dove di nuovo e sempre Cristo è vilipeso, e proprio da chi dovrebbe mettersi al servizio dell’uomo, fermamente credendo nell’altissima dignità conferita da Dio all’umana persona. È da questo punto di estremo, inumano abbassamento che Gesù comincia il suo cammino verso la vetta del più grande amore.

TERZA STAZIONE

Gesù cade la prima volta sotto la Croce

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

 perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Is 53,4-5

Egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori; e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato. Egli è stato trafitto per le nostre colpe, schiacciato per le nostre caduta2iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui.

BREVE MEDITAZIONE

Fin dai primi passi sulla via verso il Calvario Gesù crolla sotto il peso di una croce troppo pesante da portare anche per Lui, che non è venuto a salvare con la potenza, ma facendosi debole con i deboli. Cadono oggi migliaia e migliaia di bambini sotto croci che superano le loro forze, ma cadono anche i giovani e gli adulti; cadono gli anziani e interi popoli sotto insostenibili prove. Sempre troppo pesante è ogni croce quando si è soli a portarla. Soltanto insieme si può sostenerne il peso e scoprirne la grazia, poiché nella solidarietà della compassione essa viene trasfigurata. Allora, infatti, si rivela la presenza del Padre sempre pronto ad accogliere nelle sue mani l’uomo fatto di fragile argilla, per riplasmarlo e infondergli lo Spirito di fortezza, affinché possa riprendere il cammino della vita verso la vetta del più grande amore.

QUARTA STAZIONE

Gesù incontra la sua SS. Madre

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Mt 5,4.7; Lc 1, 42; Gdt 15,10

Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia… Benedetta tu fra le donne! Sii per sempre benedetta dal Signore onnipotente.Incontro di Maria con Gesù (4)

BREVE MEDITAZIONE

Sempre una madre si affretta là dove il figlio è in pericolo, dove lo vede soffrire. Appena all’inizio del cammino verso il Calvario, Gesù cade sotto il peso della Croce, ed ecco subito accorrere la Madre che vorrebbe sollevarlo, vorrebbe mettersi sotto di Lui come una strada non accidentata; vorrebbe togliergli il peso che lo schianta. Vorrebbe ancora portarlo in braccio! Così Maria si fa presente anche a noi tutti, poiché a Lei Gesù ci ha affidati come figli. Con Lei accanto, il cammino della nostra vita si fa meno aspro, con Lei la paura di soccombere scompare. Ancor prima che la invochiamo, viene in nostro aiuto; ci avvolge di tenerezza con il suo sguardo, ci dà pace e fortezza con il suo abbraccio; in comunione d’amore porta con noi la Croce, come fece con Gesù, il nostro Fratello maggiore.

QUINTA STAZIONE

Gesù è aiutato da Simone di Cirene a portare la croce

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Lc 23,26

Mentre conducevano via Gesù, fermarono un certo Simone di Cirene, che tornava dai campi, e gli misero addosso la croce, da portare Gesù+Cireneo_dietro a Gesù.

BREVE MEDITAZIONE

Le guardie che conducevano Gesù verso il patibolo avevano permesso che la Madre gli si avvicinasse. Ora, vedendo il condannato stremato di forze e tutto martoriato, gli cercano un aiuto, perché non soccomba prima di arrivare al colle del patibolo. E così Simone di Cirene – un uomo qualunque, potrebbe essere ognuno di noi – si trova all’improvviso caricato di un peso detestabile e condotto su una via diversa da quella che stava percorrendo. L’hanno costretto a dare un simile aiuto, ma in realtà egli è scelto dal Padre, per una missione unica di solidarietà. In silenzio, Simone prende la croce; mite, segue il Mite, formando una cosa sola con Lui. Era un “uomo qualunque”; mettendo in pratica il comandamento dell’amore che consiste nel portare i pesi gli uni degli altri, egli diventa un discepolo di Gesù.

SESTA STAZIONE

Gesù è asciugato in volto da Veronica

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Is 53,2-3; Sal 63,2; 27,7

Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per poterci piacere. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia. O Dio, Tu sei il mio Dio, dall’aurora io ti cerco, ha sete di te l’anima mia. Il tuo volto, Signore, io cerco. Non Gesù e Veronicanascondermi il tuo volto.

BREVE MEDITAZIONE

Maria, la Vergine Madre… Simone di Cirene… E ora un’altra donna si avvicina a Gesù: è la pia Veronica. Non solo non parla, ma di lei nessuna traccia è rimasta nei Vangeli. Eppure ognuno di noi vorrebbe proprio essere quella donna dal cuore grande e compassionevole che asciugando il volto sofferente di Gesù lo riceve impresso nel suo lino e soprattutto nel suo cuore. La Vera Icona di Cristo è infatti quella impressa nei nostri cuori, se partecipiamo con amore alla sua Passione, che continua nella passione di ogni sofferente, abbandonato, umiliato, «davanti al quale ci si copre la faccia» e si voltano le spalle. Volto di dolore che splenderà di indicibile bellezza nella risurrezione.

SETTIMA STAZIONE

Gesù cade la seconda volta

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA 1 Cor 1,25.27-30

Ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini. Quello che è stolto per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i sapienti; quello che è debole per il mondo, Dio lo ha scelto per confondere i forti; quello che è ignobile e disprezzato per il mondo, quello che è nulla, Dio lo ha scelto. Grazie a lui voi siete in Cristo Gesù, il quale per noi è diventato sapienza per opera di Dio, giustizia, santificazione e caduta1redenzione.

BREVE MEDITAZIONE

Tutta la missione redentrice di Gesù è stata un continuo discendere, un continuo abbassamento. Dal cielo, dal seno del Padre, venne sulla terra a cercare la pecorella smarrita, per caricarsela sulle sue sacre spalle e riportarla ai pascoli dei cieli. Davanti agli apostoli si abbassò a lavare loro i piedi… Davanti alla donna adultera, si chinò in silenzio a scrivere per terra. Anche le sue cadute lungo la salita del Calvario nascondono un mistero di misericordiosa compassione. Lui, il Re e Giudice divino, non giudica né condanna l’uomo che cade e torna a cadere, non discute le nostre debolezze, ma si fa debole con chi è debole. E così si trova là, accanto ai peccatori recidivi di cui nessuno ha pietà. È là perché l’uomo non disperi; è là per dirci che in loro Egli è presente e può trarre tanto bene anche da situazioni di male, poiché, con l’intervento della sua grazia, chi oggi è caduto, domani potrà rialzarsi e diventare un grande santo, come ci dimostra la storia. È là, perché l’Amore è umile, ha viscere di misericordia.

 OTTAVA STAZIONE

Gesù incontra le donne di Gerusalemme

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

 perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Lc 23,27-28

Una grande moltitudine di popolo e di donne seguiva Gesù battendosi il petto e facendo lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli».Gesù incontra le donne

BREVE MEDITAZIONE

Dopo la Madre e dopo la pia Veronica, ecco avvicinarsi a Gesù, spinte dalla compassione, un gruppo di donne piangenti. Per la prima volta durante la sua salita al Calvario, Gesù esce dal suo silenzio. Egli ha qualcosa di importante da dire loro: ha una missione da affidare, proprio in quando donne e madri. Esse sono venute per consolarlo, sono venute per esprimergli tutto il loro affetto e il loro dissenso circa l’ingiusta condanna da cui lo vedono colpito e davanti alla quale null’altro possono fare, se non piangere. Gesù, però, allontana l’attenzione da sé. Egli è l’Uomo per gli altri. Non di Lui si devono preoccupare le donne di Gerusalemme, ma dei loro “figli” in pericolo di soccombere nell’ora più tragica della storia: l’ora dello scontro frontale tra la Luce e le tenebre, tra la Vita e la morte, tra Dio e il maligno. Questo mistero tenebroso è ancora in atto e lo sarà fino alla fine: e la donna, per sua natura orientata all’amore oblativo e al servizio alla vita, è chiamata, con il sacrificio di se stessa, a proteggere il mondo dalla barbarie, ad esserne vigile custode e ispiratrice di scelte di vita contro la tentazione di scelte di morte.

NONA STAZIONE

Gesù cade la terza volta

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Eb 4,15-16

Non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato. Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da cadutaessere aiutati al momento opportuno.

BREVE MEDITAZIONE

Gesù ancora cade. La salita al Calvario è come scandita da tre cadute che tanto fanno pensare alle tre tentazioni nel deserto. Mentre il Figlio dell’Uomo sta per portare a compimento la sua missione redentrice, satana di nuovo lo assale, lo getta a terra e tenta di sbarrargli la via. Ma Gesù ogni volta si rialza e riprende il cammino umilmente, con perseveranza, senza indietreggiare né scoraggiarsi. Un grande insegnamento è racchiuso per noi in queste tre cadute. Così è la vita dell’uomo nella sua quotidianità: un continuo cadere e rialzarsi. Il segreto sta nell’intrecciare i fili della debolezza con i fili della misericordia: allora lungo il cammino della vita si va tessendo la veste candida per il banchetto delle nozze eterne.

 DECIMA STAZIONE

Gesù è spogliato delle sue vesti

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Mt 27,33-34; Gv 19,23-24

Giunti al luogo detto Gòlgota, che significa «Luogo del cranio», gli diedero da bere vino mescolato con fiele. Egli lo assaggiò, ma non ne volle bere. I soldati presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato – e la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca».gesù spogliato

BREVE MEDITAZIONE

Gesù è arrivato al termine della sua faticosa salita, è giunto sulla vetta del Calvario, nome che significa “luogo del cranio”, perché è un’altura rocciosa, spoglia. Qui il più bello dei figli dell’Uomo, l’Innocente, il Dio umile che, incarnandosi, ha nascosto la sua gloria divina sotto il velo del fragile corpo umano, viene spogliato delle sue vesti, viene denudato ed esposto allo sguardo di tutti. Quale irriverente umiliazione! Quale dissacrazione! Ma, nuovo Adamo, nella sua immacolata nudità, Gesù sta sotto lo sguardo del Padre che lo avvolge con il suo amore. Là è presente anche la Madre: mentre le vesti vengono divise e la tunica sorteggiata, una spada – sempre quella spada profetizzata da Simeone quando il Bambino era stato presentato al tempio – trafigge la sua anima. E oggi trafigge la Madre Chiesa ferita nell’intimo per la divisione dei suoi figli. Ma anche in quest’ora è all’opera lo Spirito Santo che, attraverso la totale spogliazione del Figlio di Dio, va preparando la bianca veste dell’immortalità per ogni uomo che, sepolto con Cristo nella sua morte, nascerà nuovo dalle acque battesimali.

 UNDICESIMA STAZIONE

Gesù è inchiodato alla croce

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Lc 23,33-34.39.42-43

Quando giunsero sul luogo chiamato Cranio, vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. Gesù diceva: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno». Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava. L’altro invece disse: «Gesù, ricòrdati di Gesù inchiodato alla croceme quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

BREVE MEDITAZIONE

Tre Croci sul Calvario sorreggono tre uomini condannati alla morte più umiliante e atroce. Al centro Gesù, l’Innocente, ai lati due malfattori. Gesù non grida, non deplora la sua ingiusta condanna, anzi, si fa avvocato dei suoi crocifissori e per loro implora dal Padre il perdono, perché… non sono cattivi, soltanto non sanno quello che fanno. Bisogna, dunque, averne pietà. Toccato nell’intimo, uno dei due malfattori tenta il suo ultimo furto, prima di morire: «Gesù, ricordati di me…» (Lc 23,42). Lo chiama proprio per nome, come un amico che parla ad un amico, lo dichiara re, lo supplica come Signore. Immediata la risposta: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso» (Lc 23,43). All’Amore basta un fremito di desiderio, un gemito di nostalgia del bene, per rispondere a chi lo invoca togliendo ogni ostacolo alla salvezza. Ecco come anche un malfattore può, rivolgendosi al Cristo Crocifisso, diventare santo in extremis. La salvezza sperata per un tempo futuro gli viene garantita già per l’oggi, un oggi che riguarda tutta l’estensione del tempo. In esso viene riscattato il passato con il perdono, è ricolmato il presente con la grazia divina ed è aperto il futuro con la speranza di «una vita veramente viva» per sempre con Lui in Paradiso.

 DODICESIMA STAZIONE

Gesù muore sulla croce

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Gv 19,30.34

lancia00Dopo questo, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito. Uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua.

BREVE MEDITAZIONE

L’esistenza terrena di Gesù iniziata a Betlemme si compie sul Calvario; là è nato nell’estrema povertà e umiltà, qui muore nell’estrema spogliazione e umiliazione. È la scelta di Dio, la scelta dell’amore. Innalzato sulla croce come sul trono della mansuetudine e della misericordia, Gesù regna, scortato da due malfattori, rappresentanti di tutta l’umanità con Lui crocifissa: Egli innocente, noi colpevoli; Egli Misericordioso, noi miseri. Chinato il capo, Gesù spira in dolce, filiale abbandono. È un morire nella bellezza stupenda dell’amore, nella pace dell’adesione alla volontà del Padre per la salvezza dei fratelli. E ai piedi della Croce sta Maria, la Madre, crocifissa nell’anima, in silenziosa supplica. Alle nozze di Cana ella aveva detto al Figlio: «Non hanno più vino», ora sembra dire a Dio Padre: «Non hanno più vita…». E dal Cuore trafitto del Figlio scaturisce una sorgente della grazia. Nasce così la Chiesa, Madre dal cui grembo riceviamo la vita nuova, la vita in Cristo. Per questo dono di sovrabbondante amore, noi oggi possiamo sentire, pur nell’indicibile dolore, la dolcezza della Passione; la più immane tragedia diventa la realtà più dolce che l’uomo possa sperimentare, nel segreto del cuore.

TREDICESIMA STAZIONE

Gesù è deposto dalla croce

V/ Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

R/ perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Gv 19,38-40

Giuseppe di Arimatea chiese a Pilato di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo concesse. Allora egli andò… Vi andò anche Nicodèmo. Essi presero il corpo di Gesù e lo avvolsero con teli, insieme ad aromi, per gesù deposto dalla crocepreparare la sepoltura.

BREVE MEDITAZIONE

Con gesto brutale, mani empie hanno spogliato Gesù delle sue vesti e lo hanno inchiodato al legno della Croce. Con gesto delicato, mani pie staccano ora il corpo di Gesù dalla Croce, lo cospargono di aromi, lo avvolgono in un candido lenzuolo e lo consegnano alla Madre. Ella è là ai piedi della Croce pronta ad accogliere il corpo esanime del Figlio con lo stesso amore con cui lo aveva accolto in grembo e stretto tra le braccia Bambino. Accanto a Gesù, dalla nascita fino alla morte in croce, l’umile, silenzioso servizio di Maria alla vita umana del Figlio di Dio è tutto un mistero di pietà che raggiunge il suo culmine sul Calvario, dove la sua materna com-passione diventa pianto silenzioso – più prezioso del puro nardo – che lava le ferite e profuma d’amore quel Corpo martoriato, offerto a Dio come sacrificio santo di valore infinito. Mistero di pietà che avvolge nella pace quella tragica ora. Mentre in commosso silenzio adoriamo la maestà della morte in un corpo pronto al risveglio, davanti allo sguardo del nostro cuore passano altre immagini di morti strazianti, altri volti di madri disperate; altri corpi di morti da nessuno pianti, gettati là in quelle fosse comuni che sono il simbolo della nostra disumanità. E Maria è oggi, come Madre Chiesa, presso ogni Calvario. E piange su suoi figli morti, piange su tutta l’umanità…

QUATTORDICESIMA STAZIONE

Gesù è deposto nel sepolcro

Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

LETTURA BIBLICA Gv 19, 41-42; Lc 23,56

Nel luogo dove Gesù era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora posto. Là dunque, poiché era il giorno della Parasceve dei Giudei e dato che il sepolcro era vicino, posero Gesù. Le donne che erano venute con Gesù dalla Galilea osservarono la tomba, poi tornarono gesù è deposto nel sepolcroindietro e prepararono aromi e oli profumati.

BREVE MEDITAZIONE

Un giardino, un sepolcro nuovo… Là viene deposto il Corpo di Gesù. Tutto sembra preludere alla Pasqua. Una grossa pietra, però, viene rotolata davanti all’ingresso e vengono posti i sigilli, quasi a dire che la morte ha detto l’ultima parola, l’evento si è concluso. Su questo scenario inquietante scende, benefico, il grande silenzio della sera che prosegue per tutta la notte e il giorno successivo, il grande sabato. Silenzio, grembo materno, dove si placano gli animi e si ritrova l’essenziale. Nei cuori riecheggiano le ultime parole di Gesù: «Nelle tue mani, Padre, affido il mio spirito», parole di pace che generano speranza. Eppure l’evidenza della morte si impone. Mentre Gesù, disceso nelle profondità degli inferi, sta combattendo l’estremo duello con la morte per strappargli la preda, nei cuori delle pie donne e dei discepoli la desolazione e la speranza si combattono. Come vivere quest’attesa? «Nulla è impossibile a Dio», aveva detto l’Angelo a Maria nel momento dell’Annunciazione. Questa Parola risuona ora per noi che, celebrando il Mistero pasquale, vegliamo presso il sepolcro di Gesù; e risuona in tutte le desolate situazioni umane, dove sembra che vi sia solo una morte senza speranza. Ma ostinatamente davanti a ogni sepolcro aspettiamo il miracolo, l’incredibile, l’umanamente impossibile; aspettiamo, con incrollabile speranza, quello che davvero si compie: la risurrezione. Immenso dolore, Padre, ci pesa sul cuore: «È morto nel mondo l’Amore?». Non si vedono le stelle in questa notte di pianto… È tramontata la luna… E ancora non viene l’aurora. Perché, mio Signore, s’è fatto così buio? Risplendi, o mia Luce, agli occhi del mio cuore! Oh! Risorga l’Amore!

PREGHIERA CONCLUSIVA 

Signore Gesù, abbiamo camminato con Te passo dopo passo lungo la Via della Croce, lungo la Via della tua grande misericordia, fino al tuo ultimo respiro. Ora il tuo Corpo riposa e noi vogliamo indugiare accanto al tuo sepolcro, saldi nella speranza che, con un impeto irrefrenabile, la Vita risorgerà, esploderà la luce nuova, incomincerà l’ottavo giorno, il giorno della vita risorta, perché più forte della morte è l’Amore.

XV° STAZIONE
Gesù è risorto

risortoL’angelo disse alle donne: “Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù crocifisso. Non è qui. E’ risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto. Presto, andate a dire ai suoi discepoli: “E’ risuscitato dai morti, e ora vi attende in Galilea; là lo vedrete. Ecco io ve l’ho detto”.L’annuncio pasquale degli angeli alle donne e agli apostoli: “Gesù, il crocifisso, è risorto!”, è proclamato attraverso i secoli, a tutti gli uomini, dalla chiesa.
Questa è la nostra fede.

ARTICOLI COLLEGATI

LA POTENZA DELLA VIA CRUCIS
PREGHIERE DEL VENERDì SANTO
VIA CRUCIS PER I SACERDOTI
Be Sociable, Share!

Comments are closed.