Crea sito

FESTA DELLA SANTISSIMA TRINITÀ

FESTA DELLA SANTISSIMA TRINITÀ

DOMENICA SUCCESSIVA ALLA PENTECOSTE

trinitàLa prima testimonianza in merito a questa festa ci viene dal monaco Alcuino di York, che decise la redazione di una Messa votiva in onore del mistero della Santissima Trinità. Tale Messa era però soltanto un fatto privato, un ausilio alla devozione personale — almeno fino al 1022, in cui fu riconosciuta ufficialmente dal Concilio di Seligenstadt.

Papa Giovanni XXII, nella prima metà del Trecento, in un decreto sancì che la Chiesa cattolica accettava la festa della Santissima Trinità e la estendeva a tutte le Chiese locali, collocandola nella I Domenica dopo Pentecoste.

Nel Compedio di Benedetto XVI, si parla della Trinità come il mistero centrale della fede e della vita cristiana, sottolineando come i cristiani vengono battezzati proprio nel nome del Padre, e del Figlio e dello Spirito Santo. Ma vi è una domanda inerente alla Santissima Trinità nel Catechismo della Chiesa Cattolica di grande rilievo su questo argomento:

Il mistero della Santissima Trinità può essere conosciuto dalla sola ragione umana?

La risposta di Benedetto XVI: “Dio ha lasciato qualche traccia del suo Essere trinitario nella creazione e nell’Antico Testamento, ma l’intimità del suo Essere come Trinità Santa costituisce un mistero inaccessibile alla sola ragione umana, e anche alla fede d’Israele, prima dell’incarnazione del Figlio di Dio e dell’invio dello benedetto-xvi-586x439Spirito Santo.Tale mistero è stato rivelato da Gesù Cristo, ed è la sorgente di tutti gli altri misteri.  “

Proseguendo:

Come la Chiesa esprime la sua fede trinitaria?

“La Chiesa esprime la sua fede trinitaria confessando un solo Dio in tre Persone: Padre e Figlio e Spirito Santo. Le tre Persone divine sono un solo Dio perché ciascuna di esse è identica alla pienezza dell’unica e indivisibile natura divina. Esse sono realmente distinte tra loro, per le relazioni che le mettono in riferimento le une alle altre: il Padre genera il Figlio, il Figlio è generato dal Padre, lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio. 

Come operano le tre Persone divine?

s_agostino

Sant’Agostino

Inseparabili nella loro unica sostanza, le Persone divine sono inseparabili anche nel loro operare: la Trinità ha una sola e medesima operazione. Ma, nell’unico agire divino, ogni Persona è presente secondo il modo che le è proprio nella Trinità

Sant’Agostino passeggiava lungo la spiaggia di Ostia, meditando sul grande mistero della Trinità quando vide un bambino che, scavata un buca nella sabbia, vi versava l’acqua che attingeva con una conchiglia dal mare. – Che fai, bambino mio? Voglio mettere il mare in questa buca…- E’ impossibile… mettere il mare così vasto in una buca così piccola...- E allora – rispose bambino – come puoi tu richiudere nella tua piccola testa… Dio così infinito?... E l’angelo sparì.

A tale proposito è interessante leggere quanto scritto da sant’Agostino nel De Trinitate e in altre opere per tentare una chiarificazione del concetto di unica Sostanza e tre Persone. Nell’uomo, ragiona Agostino, si può distinguere la sua realtà corporale (esse), la sua intelligenza (nosse) e la sua volontà (velle). Se Dio ha creato l’uomo a propria immagine e somiglianza è allora necessario che questi tre aspetti appartengano anche alla Divinità, anche se in modo perfetto e divino, non imperfetto e umano: così Dio è Essere (Padre), Verità (Figlio) e Amore (Spirito Santo). Ecco alcune citazioni bibliche al riguardo:

«  Dio disse a Mosè: «Io sono colui che sono!». Poi disse: «Dirai agli Israeliti: Io-Sono mi ha mandato a voi». »   (Esodo 3, 14)

«  Gli disse Gesù: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me“. »   (Giovanni 14, 6)

Sant'Ilario 3

Sant’Ilario

«  Dio è amore; chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui. »   (1 Giovanni 4, 16)

Un’altro santo, seppur meno conosciuto, si propose il compito di spiegare e diffondere il culto alla Santissima Trinità, scrivendo un vero e proprio trattato, parlo di sant’Ilario:

Gesù «ha comandato di battezzare nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo (cfr Mt 28,19), cioè nella confessione dell’Autore, dell’Unigenito e del Dono. Uno solo è l’Autore di tutte le cose, perché uno solo è Dio Padre, dal quale tutto procede. E uno solo il Signore nostro Gesù Cristo, mediante il quale tutto fu fatto (1 Cor 8,6), e uno solo è lo Spirito (Ef 4,4), dono in tutti … In nulla potrà essere trovata mancante una pienezza così grandein cui convergono nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo l’immensità nell’Eterno, la rivelazione nell’Immagine, la gioia nel Dono» (2,1).

Dio Padre, essendo tutto amore, è capace di comunicare in pienezza la sua divinità al Figlio. Trovo particolarmente bella la seguente formula di sant’Ilario:

«Dio non sa essere altro se non amore, non sa essere altro se non Padre. E chi ama non è invidioso, e chi è Padre lo è nella sua totalità. Questo nome non ammette compromessi, quasi che Dio sia padre in certi aspetti, e in altri non lo sia» (ibid., 9,61).trinita_salimbeni_montalcin

Per questo il Figlio è pienamente Dio senza alcuna mancanza o diminuzione: «Colui che viene dal perfetto è perfetto, perché chi ha tutto, gli ha dato tutto» (ibid., 2,8). Soltanto in Cristo, Figlio di Dio e Figlio dell’uomo, trova salvezza l’umanità. Assumendo la natura umana, Egli ha unito a sé ogni uomo, «si è fatto la carne di tutti noi» (Trattato sui Salmi 54,9) «ha assunto in sé la natura di ogni carne e, divenuto per mezzo di essa la vite vera, ha in sé la radice di ogni tralcio» (ibid., 51,16).

SANTUARIO DELLA SANTISSIMA TRINITÀ

Vi è un Santuario in Italia dedicato proprio alla Santissima Trinità e si trova a Vallepietra nella diocesi di Anagni in provincia di Alatri. Due sono le leggende che narrano la storia di questo santuario. La prima e più popolare ci parla di un contadino che vide cadere buoi e aratro in un precipizio e giunto a valle trovò i buoi inchinati davanti ad un quadro raffigurante la Santissima Trinità posto in una grotta.

Una seconda leggenda parla di una pergamena, (a noi è giunta solo la copia), nella quale si racconta di due ravennati in fuga a causa delle persecuzioni di Nerone, che oltre ad essere confortati dagli apostoli Pietro e Giovanni ricevettero la visita di un angelo che portò loro del cibo e fece scaturire una sorgente. Il giorno seguente apparve la Santissima Trinità.

santuario Santissima Trinità

Santuario della SS Trinità di Vallepietra

Una caratteristica piuttosto singolare che si svolge ogni anno a Vallepietra per la festa della Santissima Trinità è il famoso “Pianto delle zitelle”. Si tratta di una laude sacra composta nel 1700 rappresentata e cantata dalle cosiddette “zitelle” sul piazzale del santuario. Attraverso simboli e personaggi si ripercorrono le ultime ore della vita della passione di Gesù Cristo, fino ad un inno alla Santissima Trinità.

La melodia di questo pianto, proprio per essere stata tramandata oralmente, pare abbia subito delle modifiche nel tempo, ma il richiamo ai canti gregoriani è evidente. L’obbiettivo di questo canto sembra essere quello di portare l’ascoltatore alla commozione, esaltando il sacrificio del Cristo e il dolore della Vergine Maria. Il pianto è un messaggio di fede ed un invito alla speranza del perdono. I misteri del pianto sono 14. Tutte le informazioni sul santuario le trovate su http://www.santuariovallepietra.it/index.html

FONTI: Il Catechismo della Chiesa Cattolica (Compendio di Benedetto XVI) http://it.wikipedia.org/wiki/Trinit%C3%A0_(cristianesimo) http://it.wikipedia.org/wiki/Solennit%C3%A0_della_Santissima_Trinit%C3%A0

ARTICOLI COLLEGATI

NOVENA ALLA SS. TRINITÀ
TRATTATO SULLA TRINITÀ
PENTECOSTE
SANT’ILARI DI POITIERS
SAN GIOVANNI EUDES
BEATA ELISABETTA DELLA SS. TRINITÀ
MARIA ANTONIETTA GEUSER

 

One comment

  1. Joana Pagnoncelli ha detto:

    o comentário foi interessante, acompanhado de exemplos de pessoa que viveram a experiência da presença da Santíssima Trindade.
    Explique um pouco mais em que a pessoa humana representa a Santíssima Trindade, além do que foi considerado no texto acima.
    Agradeço, Joana Pagnoncelli

    traduzione automatica dal portoghese: il commento è stato interessante, accompagnata da esempi di persone che hanno vissuto l’esperienza della presenza della Santissima Trinità.
    Spiega un po ‘di più che la persona umana è la Santissima Trinità, al di là di quello che è stato considerato nel testo di cui sopra.
    Grazie, Joan Pagnoncelli