Crea sito

Il Purgatorio descritto dal B. Enrico Suso

IL PURGATORIO

descritto dal B. Enrico Suso  

Di Don Marcello Stanzionebig_Beato Enrico_1

Dal più famoso angiologo del gruppo cattolico “La Comunità della Milizia di San Michele Arcangelo” un articolo davvero interessante per conoscere meglio il beato Enrico Suso.

Nel 41° capitolo della “Vita” troviamo questo racconto riguardante un suo collega di studi e amico. Quando da giovane Enrico Suso frequentava le scuole superiori il Signore gli fece incontrare un caro compagno pieno di timor di Dio. Mentre un giorno avevano a lungo parlato confidenzialmente di Dio, il suo compagno con tutta confidenza lo pregò di lasciargli vedere il nome di Gesù che egli aveva disegnato sul suo cuor egli non lo faceva volentieri, ma poi vedendo la sua grande devozione esaudì la sua preghiera, aprì il suo abito all’altezza del cuore e gli mostrò il piccolo gioiello, come il suo compagno desiderava.

Quando dopo essere stati alcuni anni assieme i due amici dovettero separarsi si diedero vicendevolmente la benedizione come segno di fedeltà e si accordarono che dovevano conservare sempre la loro amicizia anche dopo morti e colui che sarebbe rimasto vivo doveva celebrare settimanalmente due sante Messe per l’amico defunto: un Requiem al lunedì e una Messa della Passione il venerdì. Dopo qualche anno l’amico del Beato morì, ma questo dimenticò la promessa delle sunnominate ss. Messe, conservando tuttavia viva l’amicizia e il ricordo.

Ma un giorno mentre il Beato se ne stava nella sua cappella tutto raccolto in se stesso gli apparve in visione il suo amico, gli si pose big_Beato Enrico_3davanti e gli disse con voce lamentevole:

Oh, amico mio quanto sei infedele! Mantieni per me la promessa nostra delle ss. Messe, perché scenda per me quaggiù il Sangue innocente, per liberarmi dal fuoco che non risparmia, in tal modo sarò presto liberato dal Purgatorio!

E il Beato fece quanto doveva con gran premura e con grande rincrescimento per la propria dimenticanza, e così l’amico venne liberato dalle sue pene. Il Beato Enrico riteneva con assoluta certezza che colui al quale sarebbe toccata una grave condanna in Purgatorio, avrebbe potuto facilmente espiarla sulla terra o abbreviarla almeno.

Leggiamo, infatti: ”In quale maniera l’uomo viene maggiormente messo alla prova da Dio viene in tal modo maggiormente glorificato, egli ricorda fra le varie specie di sofferenze anche questo; alcune sofferenze vengono mandate da Dio all’uomo nell’intento di risparmiargli anche maggiori dolori come accade a quelle persone alle quali Dio permette di espiare quaggiù, il loro Purgatorio con malattie, povertà o altro, cosicché essi sfuggono alle conseguenti pene del Purgatorio…” .

Nel V° capitolo del suo “Horologium sapientiae” che ha per sottotitolo :”Quant’è utile al servo di Dio aver molto da  soffrire in questa vita” si legge :

La tribolazione è così salutare, che non c’è quasi nessuno che si volesse sottrarre al suo benefico influsso, sia egli un principiante, o un progredito o un perfetto. La tribolazione tira via la ruggine del peccato, essa fa crescere le virtù e porta con sé abbondanza di grazia. Che ci potrebbe essere di più utile di questo tesoro? Esso cancella i peccati, diminuisce il Purgatorio, allontana le tentazioni, spegne la passione, rinnova lo spirito, e fortifica la speranza.

Sempre nel medesimo libro il santo mette in rilievo quanto grande vantaggio provengaSuso2 dalla frequente meditazione della Passione del Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo. Fra le altre cose consolanti che possiamo così vivere, il Beato in primo luogo, la diminuzione della pena del Purgatorio; e ciò da due punti di vista, primo perché già sulla terra noi possiamo abbreviare la pena che ci sarebbe dovuta in Purgatorio del tutto o almeno in parte e secondo perché in tal modo possiamo abbreviare la pena alle povere anime o abbreviarla:” Il creatore della Natura non lascia disordine nella natura”. Però nemmeno la Giustizia divina lascia impunita alcuna colpa e niente di cattivo. Egli corregge convenientemente o in questa o nell’altra vita ciò che è distorto.

Che cosa credi o quando pensi che finisca il castigo di un peccatore colpevole di molti misfatti e che non ha riparato nemmeno la millesima parte del suo debito e quindi dovrebbe restare nei tormenti del Purgatorio fino a che ha pagato, fino all’ultimo centesimo del suo debito? Oh che infinitamente lunga sarebbe la sua attesa! Quale continuo e doloroso tormento, incommensurabile tormento! Una penitenza più dura di qualsiasi tortura terrena! Ora vedi come uno  può facilmente e presto soddisfare ad un così grosso debito. Ciò lo può fare colui che sa attingere all’immenso tesoro della Passione dell’Agnello innocente.

Questo tesoro che è il prezioso per via della grandezza dell’amore, per la dignità della Persona e per l’intensità del dolore, è sufficiente, più che sufficiente! L’uomo potrebbe fare suo questo merito tanto facilmente e potrebbe acquistarsi tanto di questo merito, che se meritava mille anni di Purgatorio per essere purificato dalle sue colpe, in breve tempo per questi meriti infiniti piamente invocati potrebbe esserne liberato. Nel libro della eterna Sapienza a conclusione di queste note si legge…”cosicché l’anima entra nella gloria eterna senza alcun Purgatorio”.

anime1Ora se il Beato Suso si attende così tanto solo dalla meditazione della Passione di Cristo per la diminuzione della pena o del tempo di essa nel Purgatorio, tanto e infinitamente di più dalla rinnovazione del sacrificio della Croce nella santa Messa. Perciò egli raccomanda di celebrare il s. Sacrificio della Messa per i defunti, perché per i meriti del sangue innocente sia spento il rigore del Purgatorio. H. Denifle, che pubblicò gli scritti del B. Suso nota a proposito del succitato luogo e di altri ancora degli scritti del Beato, che la dottrina cattolica sul Purgatorio e del valore del s. Sacrificio della Messa non potrebbe essere rappresentato più efficacemente e splendidamente. Mosso dal suo confidenziale rapporto con le povere anime il Beato propose di frequentare meditazioni sul purgatorio; e queste meditazioni non solo lo spinsero a pregare e riparare sempre più per le povere anime, ma anche a trarne salutari ammaestramenti per la sua vita.

Ciò che egli scrisse nel libretto dell’eterna sapienza e che raccomandava sempre ai suoi penitenti e a quanti ricorrevano a lui per consigli egli applicò sempre e prima di tutto a se stesso. Il miglior consiglio, la più grande sapienza e previdenza che ci sia al mondo è questa che tu prepari con una confessione generale e poiché ti comporti in seguito sempre come se tu dovessi andartene di là entro il giorno o al massimo entro la settimana.

Immaginati che la tua anima sia destinata al Purgatorio e vi si dovesse fermare per una decina di anni a causa dei suoi peccati. Essa piange dicendo: ecco adesso è venuta l’ora, ora capisco che non potrebbe essere diversamente. Ecco che le mani incominciano a morire. La vista mi vien meno, gli occhi si spengono, i passi della morte si accordano al battito del cuore. Incomincio a respirare profondamente, la luce di questo mondo se ne va; vedo ormai in quel mondo… Oh mio Dio quale vista! Appaiono orribili figure, mi animecircondano belve infernali; esse si appostano per vedere se la mia anima sarà data loro in pasto; Oh giudice di tremenda giustizia. Come tu soppesi le minime cose, delle quali nessuno per vedere si era curato data la loro piccolezza! Mi copre un freddo sudore. O tremendo sguardo del rigoroso giudice, quanto duro il tuo giudizio!

Ora rivolgo i miei pensieri al Purgatorio, dove tra poco sarò condotto; e in quel territorio di tormenti vedo angoscia e miseria! Vedo le fiamme cocenti salire oltre il capo delle genti castigate, quelle povere anime salgono in quelle fiamme nere come faville nel camino. Esse gridano: ”Quanto grande è la nostra pena” . Tutti i cuori uniti assieme non potrebbero comprendere e misurare la nostra angoscia e la grandezza della nostra miseria. Si sente ripetersi continuamente il grido :”Aiuto! Aiuto!” dove sono tutti gli aiuti dei nostri amici? Dove sono le false promesse dei nostri amici infedeli? Come ci hanno potuto abbandonare così del tutto, dimenticarci! Abbiate pietà di noi, pietà almeno voi che ci siete amici. Poveri noi che non  abbiamo per tempo espiato ciò che ci tormenta. Lo avremmo potuto fare tanto facilmente da vivi! Qui la più piccola pena è assai più grande di qualsiasi tormento sulla terra!

Un’ora in Purgatorio ha la durata di cento anniMa ciò che più ancora ci tormenta è di essere private delle beatificante visione dell’Altissimo! Oltre quanto detto sulla morte, giudizio e Purgatorio, la divina sapienza aggiunge: “Tutto questo lo devi considerare bene e devi cercare di farlo finchè sei giovane, sano e forte. Quando poi verrà davvero l’ora, e non potrai più farlo bene, allora niente hai più da considerare sulla terra se non la mia morte e la mia misericordia insondabile, perché tu non abbia a perdere la speranza”.

Fonte: http://www.miliziadisanmichelearcangelo.org/content/view/2253/160/lang,it/

ARTICOLI COLLEGATI

BEATO ENRICO SUSO
OCCULTISMO -Intervista a Maria Simma
COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI
ANGELI E DEFUNTI
STORIE DI ANIME
LE INDULGENZE
UN’ANIMA DEL PURGATORIO
IL PURGATORIO VISTO DA MARGHERITA MARIA ALACOQUE
PER LE ANIME ABBANDONATE
Be Sociable, Share!

Comments are closed.