Crea sito

MADONNA DELLE GRAZIE DI ANDERLECHT

MADONNA DELLE GRAZIE DI ANDERLECHT

Belgio – 21 febbraio

Tutto inizia con il gesto di devozione di un vecchio contadino che inserisce all’interno di un albero una statua della Madonna con il Bambino. Un bagliore attirerà poi i pellegrini che verranno ricompensati da numerose grazie.

Nel 1443, Pierre Van Assche, un vecchio contadino piantò un tiglio e due alberi di biancospino su una collina nella zona di Scheut (oggi un quartiere di Anderlecht) lungo la strada per Bruxelles.

In uno di questi alberi (che la tradizione a volte trasforma in una quercia) inserì una statuetta lignea della Vergine con il Bambino.

Nel 1449, la notte prima della Pentecoste, alcuni paesani videro un bagliore provenire dal luogo dove si trovava la statuetta, fu così che iniziarono i pellegrinaggi alla Madonna delle Grazie.

Il 21 febbraio, 1450, Carlo il Temerario, allora conte di Charolais, pose la prima pietra per una cappella per poter celebrare la prima Messa.

La chiesa gotica della Madonna delle Grazie fu consacrata nel 1531. A causa delle guerre di religione venne abbandonata nel 1578.

Danneggiata per essere poi ricostruita nel corso del 1580 durante la Riforma, la cappella è stata venduta sotto la Repubblica francese intorno al 1795, mentre il monastero venne trasferito a Bruxelles. L’area circostante rimase rurale fino al 20° secolo.

La Congregazione del Cuore Immacolato di Maria , fondato nel 1862, si stabilì in una casa sul Ninoofsesteenweg di Scheut. I missionari che si sono recati ad evangelizzare la Cina ne portarono con loro una copia così anche nelle missioni venne conosciuta come Scheutists. L’antica cappella è stata incorporata nella chiesa di Scheutist demolita nel 1974.

Nonostante tutte le sue vicissitudini, la statuetta è sopravvissuta ed ora si trova nella cappella di Notre Dame de Grâce nella Chiesa Collegiata di Sts. Peter e Guy in Anderlecht.

Il 12 settembre o comunque il sabato più vicino alla sua festa, un corteo medievale passa attraverso le strade della città.

Fontihttp://www.wherewewalked.info/feasts/02-February/02-21.htmhttps://nl.wikipedia.org/wiki/Scheut_(Anderlecht)

Be Sociable, Share!

Comments are closed.