Crea sito

ALMANACCO DEL 17 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 17 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


sorriso7MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 17 AGOSTO

Guardiamo prima in alto e poi guardiamo noi stessi. L’infinita distanza che intercorre tra l’azzurro e l’abisso genera umiltà (T, 54)

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
Madonna_dell'Uragano_CocumolaMADONNA DELL’URAGANO
MADONNA DI BELMONTE 
Letture di giovedì 17 agosto 2017
SANTA CHIARA DA MONTEFALCO
NOVENA ALLE DIVINE TENEREZZE
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE

“…oggi in modo particolare vi invito a pregare per i miei sacerdoti, per i miei diletti, a pregare per i Vescovi e per il Santo PadrePregate, cari figli, per i miei pastori, pregate più che mai. … “

(Tratto dal messaggio del 17 agosto 2012)

——————————————————————————

Carovigno- Madonna-del-Belvedere-diventa dell'uraganoMADONNA DELL’URAGANO

Carovigno – 17 agosto 1841

Particolarmente sentita è la festa della Madonna dell’Uragano in tutto il salento, dove secondo la leggenda, a fronte delle insistenti preghiere dei fedeli un pericolosissimo uragano deviò la sua corsasalvando la città di Carovigno (BR)

La storia e la venerazione della Madonna dell’Uragano nel salento su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-delluragano/

————————————————————————–

MADONNA DI BELMONTEVergine_di_Belmonte

Valperga Canavese (To) – 17 agosto

Nel 1016 la Vergine apparve ad un monaco benedettino, Arduino (già conte e marchese d’Ivrea, che nel 1002 era stato eletto re d’Italia dai principi insofferenti del giogo tedesco) mentre giaceva gravemente ammalato nel suo castello, ordinandogli di edificare tre chiese in suo onore: a Belmonte (To) nella quale dovevano ufficiare i Benedettini), a Torino (sotto il titolo della Consolazione) ed a Crea nel Monferrato. Ma si tratta di leggenda o realtà?

Storia, leggende e miracoli su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-di-belmonte/ 

—————————————————————————–

LETTURE DI GIOVEDÌ

17 agosto 2017

XIX Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“… il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi.…”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-giovedi-17-agosto-2017/

—————————————————————————

SANTA CHIARA DA MONTEFALCOSanta_Chiara_da_Montefalco(Salvi_Castellucci-1660circa).

Badessa (1308) 17 agosto

Il Signore la favorì di visioni ed estasi, nonchè del dono della scienza infusa, alla quale tutti attingevano. I suoi resti rimasero incorrotti, l’immagine della croce e altri strumenti della passione apparvero nel tessuto fibroso del suo cuoreil suo sangue dopo la morte si liquefaceva.  

In briciole di luce la storia e la video-storia  su  http://biscobreak.altervista.org/2013/08/santa-chiara-da-montefalco/

—————————————————————————

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

NOVENA ALLE DIVINE TENEREZZE

Dal 16 al 24 Agosto

1SantissimaTrinit

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.  

1. Eterno Padre, che preso da infinita tenerezza per gli uomini hai mandato il tuo Divin Figlio Gesù sulla terra, concedimi la grazia di conoscere le tue tenerezze e di lasciarmi coprire da Esse, onde vivere secondo la tua Volontà.

 

 Gloria al Padre…

2. O Gesù, Tenerezza del Padre, che sei venuto sulla terra per effondere sugli uomini la tua misericordiosa tenerezza, concedimi la grazia di lasciarmi invadere da questa tua tenerezza onde possa vivere nella speranza dell’eterna salvezza.

– Gloria al Padre…

3. O Spirito Santo, Amore tenerissimo che procede dal Padre e dal Figlio e che dopo l’Ascensione di Gesù al Cielo, preso da tenerezza per gli uomini sei disceso sugli Apostoli e su tutta la Chiesa, accendi nel mio cuore una scintilla di questo Amore per gustare l’ineffabile dolcezza ed essere docile alle divine ispirazioni.

– Gloria al Padre…

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE ALLA VOLONTÀ DEL PADRE

(Da recitare preferibilmente davanti a Gesù Eucaristia)

Eucarestia (4)O Gesù, siamo tutti qui non davanti a Te, ma con Te; a Te uniti con tutto quello che Tu sei, per fare con Te una cosa sola in questo divino Sacramento.

Tu sei qui, e noi con Te, prima di tutto per fare pienamente la divina volontà del PADRE; e in ogni istante, in uno stato di offerta, dici: Io sempre faccio la volontà del PADRE.

Questa volontà è tuo esistere, la tua Forza, il tuo nutrimento; questa volontà è la tua sofferenza, la tua gioia, ogni motivo per non dare spazio, in ogni momento del tuo vivere ad altro che non sia quello che il PADRE VUOLE.

Questa divina volontà del PADRE, per essere noi con Te, riempia ogni momento il nostro esistere; e per questo vogliamo essere sempre più preparati alla comunione con Te, nella consacrazione alla volontà del PADRE di quel che siamo e di quello che a noi si aggiunge mentre viviamo quaggiù. Amen

(Madre Eugenia E. Ravasio)

***********************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di giovedì 17 agosto 2017

LETTURE DI GIOVEDÌ

17 agosto 2017

XIX Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“… il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi.…”

Carovigno- Madonna-del-Belvedere-diventa dell'uraganoMADONNA DI BELMONTE

MADONNA DELL’URAGANO

Carovigno – 17 agosto 1841 – Particolarmente sentita è la festa della Madonna dell’Uragano in tutto il salento, dove secondo la leggenda, a fronte delle insistenti preghiere dei fedeli un pericolosissimo uragano deviò la sua corsa salvando la città di Carovigno (BR)

Santa Chiara da MontefalcoSanta_Chiara_da_Montefalco(Salvi_Castellucci-1660circa).

Badessa (1308) 17 agosto – Il Signore la favorì di visioni ed estasi, nonchè del dono della scienza infusa, alla quale tutti attingevano. I suoi resti rimasero incorrotti, l’immagine della croce e altri strumenti della passione apparvero nel tessuto fibroso del suo cuoreil suo sangue dopo la morte si liquefaceva.  In briciole di luce la storia e la video-storia.

“Sii fedele, Signore, alla tua alleanza, non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri. Sorgi, Signore, difendi la tua casa, non dimenticare le suppliche di coloro che ti invocano.”

PREGHIERA DEL MATTINO

Dio onnipotente ed eterno, che ci dai il privilegio di chiamarti Padre fa’ crescere in noi lo spirito di figli adottivi, perché possiamo entrare nell’eredità che ci hai promesso. Per Cristo nostro Signore. Amen

PRIMA LETTURA

Gs 3, 7-10.11.13-17 – Dal libro di Giosuè

arca dell'alleanza- i sacerdoti aprono le acque del giordano

In quei giorni, il Signore disse a Giosuè: «Oggi comincerò a renderti grande agli occhi di tutto Israele, perché sappiano che, come sono stato con Mosè, così sarò con te. Da parte tua, ordina ai sacerdoti che portano l’arca dell’alleanza: “Una volta arrivati alla riva delle acque del Giordano, vi fermerete”». Disse allora Giosuè agli Israeliti: «Venite qui ad ascoltare gli ordini del Signore, vostro Dio». Disse ancora Giosuè: «Da ciò saprete che in mezzo a voi vi è un Dio vivente: proprio lui caccerà via dinanzi a voi il Cananeo, l’Ittita, l’Eveo, il Perizzita, il Gergeseo, l’Amorreo e il Gebuseo. Ecco, l’arca dell’alleanza del Signore di tutta la terra sta per attraversare il Giordano dinanzi a voi. Quando le piante dei piedi dei sacerdoti che portano l’arca del Signore di tutta la terra si poseranno nelle acque del Giordano, le acque del Giordano si divideranno: l’acqua che scorre da monte si fermerà come un solo argine». Quando il popolo levò le tende per attraversare il Giordano, i sacerdoti portavano l’arca dell’alleanza davanti al popolo. Appena i portatori dell’arca furono arrivati al Giordano e i piedi dei sacerdoti che portavano l’arca si immersero al limite delle acque – il Giordano infatti è colmo fino alle sponde durante tutto il tempo della mietitura –, le acque che scorrevano da monte si fermarono e si levarono come un solo argine molto lungo a partire da Adam, la città che è dalla parte di Sartàn. Le acque che scorrevano verso il mare dell’Aràba, il Mar Morto, si staccarono completamente. Così il popolo attraversòdi fronte a Gerico. I sacerdoti che portavano l’arca dell’alleanza del Signore stettero fermi all’asciutto in mezzo al Giordano, mentre tutto Israele attraversava all’asciutto, finché tutta la gente non ebbe finito di attraversare il Giordano.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.113

RITTrema o terra, davanti al Signore.

Sole-terraQuando Israele uscì dall’Egitto, la casa di Giacobbe da un popolo barbaro, Giuda divenne il suo santuario, Israele il suo dominio. RIT

Il mare vide e si ritrasse, il Giordano si volse indietro, le montagne saltellarono come arieti, le colline come agnelli di un gregge. RIT

Che hai tu, mare, per fuggire, e tu, Giordano, per volgerti indietro?
Perché voi, montagne, saltellate come arieti e voi, colline, come agnelli di un gregge? RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Fa’ risplendere il tuo volto sul tuo servo e insegnami i tuoi decreti.

Alleluia.

VANGELO

Mt 18, 21 – 19, 1 – Dal Vangelo secondo Matteo

il-regno-dei-cieli-è-simile-a-un-re

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette. Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito. Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto. Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».
Terminati questi discorsi, Gesù lasciò la Galilea e andò nella regione della Giudea, al di là del Giordano.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

Quante volte bisogna attraversare il Mar Rosso?

gesu_perdonoIl racconto dal libro di Giosuè ripropone la pagina certamente più epica del passaggio del Mar Rosso. Infatti, qui gli Israeliti si trovano “solo” a guadare un fiume, ma esso è il confine che li divide dalla terra promessa e dunque riveste un’importanza fondamentale per la storia di questo popolo disperso per tanti anni nel deserto. Le cose non saranno state di certo così facili, la convivenza e/o lo scontro con altre popolazioni indigene avranno senz’altro portato delle integrazioni a scapito della purezza della fede, oppure delle lotte per salvaguardarne l’integrità. Ma tutto questo ci dice ancora una volta che quella del credente è una vita in cui bisogna ricominciare sempre da capo, in cui occorre attraversare mari (o fiumi) che ci fanno agognare la “terra promessa”. È insomma un essere “gettati” senza sicurezze nel grande mare dell’avventura con Dio che ci provoca a scoprire sempre nuovi orizzonti, a dirigerci verso mete inesplorate, ad osare di continuo senza farci troppe domande. È il medesimo procedimento che dovremmo applicare per il perdono cristiano, così come è espresso nel vangelo. Anche questa maniera essenziale di “esserci” del cristiano, si sostanzia come una magnifica avventura, in cui si è chiamati, non solo a dare il perdono, ma ad essere segno del medesimo perdono di cui ognuno di noi è stato fatto oggetto da parte di Dio. Il perdono, però, non è qualcosa che si improvvisa dall’oggi al domani, ma cresce con il crescere della consapevolezza di essere stati amati prima di tutto noi dal Signore. E queste possono risuonare ancora una volta come belle espressioni prive di qualsivoglia contenuto. E di nuovo occorre sottolineare come il cristianesimo si vive sulla propria pelle, facendone esperienza, non è cioé un espressione intellettuale o cultuale. E’ esperienza di vita. Concreta. Viva. D’ogni giorno… (Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

pace e perdonoAccogli, o Padre, le preghiere che Ti rivolgiamo con grande umiltà, sapendo di essere spesso simili al servo ingrato ed esoso, e dona la pace ai nostri cuori. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. Amen.

 

ALMANACCO DEL 16 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 16 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


sorriso10MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 16 AGOSTO

Umiliati sempre ed amorosamente avanti a Dio ed agli uomini, perchè Dio parla a chi tiene veramente umile il suo cuore davanti a lui e l’arricchisce dei suoi doni. (T, 54)

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
Madonna di Torcoroma - Ocana 1MADONNA DELLE GRAZIE DI TORCOROMA
Letture di mercoledì 16 agosto 2017
SAN ROCCO DA MONTPELLIER
Santo Stefano di Ungheria
NOVENA ALLE DIVINE TENEREZZE
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE

 “… vivere i miei messaggi e di trasmetterli a tutti coloro che incontrate. …”

(Tratto dal messaggio del 16 agosto 1984)

——————————————————————————-

Madonna di Torcoroma - Ocana 1MADONNA DELLE GRAZIE DI TORCOROMA

16 agosto

In questo giorno negli altopiani del nord-est della Colombia, la gente di Ocaña celebra la Madonna delle Grazie, la cui immagine è apparsa più di 300 anni fa, sotto la corteccia di un albero.

La storia e i video  su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-delle-grazie-di-torcoroma/

—————————————————————————–

LETTURE DI MERCOLEDÌ

16 agosto 2017

XIX Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“…se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-mercoledi-16-agosto-2017/

—————————————————————————

SAN ROCCO DA MONTPELLIER

Bernardo_Strozzi_-SAN ROCCOPellegrino e taumaturgo francese (secolo XIV) 16 agosto 

In tutti i posti dove San Rocco passava, con un segno di croce guariva dalla peste e grazie anche al ritrovamento della tavoletta che porta incisa la frase “Chi invocherà il mio servo sarà guarito“, in molte città italiane ed europee vennero costruite chiese proprio in ringraziamento per la sua potente intercessione.

In briciole di luce la storia, la video-storia e le feste patronali su http://biscobreak.altervista.org/2015/08/san-rocco-da-montpellier/

————————————————————————-

Santo Stefano di Ungheria

Santo Stefano di Ungheria2(1038) 16 agosto

Vaik era il figlio del terzo duca d’Ungheria di razza magiara. A circa dieci anni il padre,convertitosi al cristianesimo, lo fece battezzare con il nome di Istav, o Stefano. Nel 995,. All’età di vent’anni, sposò Gisella, sorella di Enrico, duca di Baviera (l’imperatore S. Enrico II; 13 giu.) e due anni dopo succedette al padre.

In briciole di luce la storia, la video-storia e un video-storico dei festeggiamenti in Ungheria per la festa di Santo Stefano su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/santo-stefano-di-ungheria/

————————————————————————–

NOVENA ALLE DIVINE TENEREZZE

Dal 16 al 24 Agostotrinità2

Un brevissima ma allo stesso tempo tenerissima novena adatta anche a coloro che non sono abituati a pregare, unitamente alla preghiera di consacrazione alla volontà del Padre.

Su http://biscobreak.altervista.org/2014/08/novena-alle-divine-tenerezze/

—————————————————————————

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

NOVENA ALLE DIVINE TENEREZZE

Dal 16 al 24 Agosto

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.  

1. Eterno Padre, che preso da infinita tenerezza per gli uomini hai mandato il tuo Divin Figlio Gesù sulla terra, concedimi la grazia di conoscere le tue tenerezze e di lasciarmi coprire da Esse, onde vivere secondo la tua Volontà.

 Gloria al Padre…

1SantissimaTrinit2. O Gesù, Tenerezza del Padre, che sei venuto sulla terra per effondere sugli uomini la tua misericordiosa tenerezza, concedimi la grazia di lasciarmi invadere da questa tua tenerezza onde possa vivere nella speranza dell’eterna salvezza.

 Gloria al Padre…

3. O Spirito Santo, Amore tenerissimo che procede dal Padre e dal Figlio e che dopo l’Ascensione di Gesù al Cielo, preso da tenerezza per gli uomini sei disceso sugli Apostoli e su tutta la Chiesa, accendi nel mio cuore una scintilla di questo Amore per gustare l’ineffabile dolcezza ed essere docile alle divine ispirazioni.

– Gloria al Padre…

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE ALLA VOLONTÀ DEL PADRE

(Da recitare preferibilmente davanti a Gesù Eucaristia)

Eucarestia (4)O Gesù, siamo tutti qui non davanti a Te, ma con Te; a Te uniti con tutto quello che Tu sei, per fare con Te una cosa sola in questo divino Sacramento.

Tu sei qui, e noi con Te, prima di tutto per fare pienamente la divina volontà del PADRE; e in ogni istante, in uno stato di offerta, dici: Io sempre faccio la volontà del PADRE.

Questa volontà è tuo esistere, la tua Forza, il tuo nutrimento; questa volontà è la tua sofferenza, la tua gioia, ogni motivo per non dare spazio, in ogni momento del tuo vivere ad altro che non sia quello che il PADRE VUOLE.

Questa divina volontà del PADRE, per essere noi con Te, riempia ogni momento il nostro esistere; e per questo vogliamo essere sempre più preparati alla comunione con Te, nella consacrazione alla volontà del PADRE di quel che siamo e di quello che a noi si aggiunge mentre viviamo quaggiù. Amen

(Madre Eugenia E. Ravasio)

***********************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di mercoledì 16 agosto 2017

LETTURE DI MERCOLEDÌ

16 agosto 2017

XIX Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“…se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro …”

Madonna di Torcoroma - Ocana2MADONNA DELLE GRAZIE DI TORCOROMA

26 agosto – In questo giorno negli altopiani del nord-est della Colombia, la gente di Ocaña celebra la Madonna delle Grazie, la cui immagine è apparsa più di 300 anni fa, sotto la corteccia di un albero. La storia e i video.

Santo Stefano di Ungheria

S. Rocco da Montpellier

Bernardo_Strozzi_-SAN ROCCOPellegrino e taumaturgo francese (secolo XIV) 16 agosto – In tutti i posti dove San Rocco passava, con un segno di croce guariva dalla peste e grazie anche al ritrovamento della tavoletta che porta incisa la frase “Chi invocherà il mio servo sarà guarito“, in molte città italiane ed europee vennero costruite chiese proprio in ringraziamento per la sua potente intercessione. In briciole di luce la storia, la video-storia e le feste patronali.

“Sii fedele, Signore, alla tua alleanza, non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri. Sorgi, Signore, difendi la tua casa, non dimenticare le suppliche di coloro che ti invocano.”

PREGHIERA DEL MATTINO

Dio onnipotente ed eterno, che ci dai il privilegio di chiamarti Padre fa’ crescere in noi lo spirito di figli adottivi, perché possiamo entrare nell’eredità che ci hai promesso. Per Cristo nostro Signore. Amen

PRIMA LETTURA

Dt 34, 1-12 – Dal libro del Deuteronòmio

mosè

In quei giorni, Mosè salì dalle steppe di Moab sul monte Nebo, cima del Pisga, che è di fronte a Gerico. Il Signore gli mostrò tutta la terra: Gàlaad fino a Dan, tutto Nèftali, la terra di Èfraim e di Manasse, tutta la terra di Giuda fino al mare occidentale e il Negheb, il distretto della valle di Gerico, città delle palme, fino a Soar. Il Signore gli disse:«Questa è la terra per la quale io ho giurato ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe: “Io la darò alla tua discendenza”. Te l’ho fatta vedere con i tuoi occhi, ma tu non vi entrerai!». Mosè, servo del Signore, morì in quel luogo, nella terra di Moab, secondo l’ordine del Signore. Fu sepolto nella valle, nella terra di Moab, di fronte a Bet-Peor. Nessuno fino ad oggi ha saputo dove sia la sua tomba. Mosè aveva centoventi anni quando morì. Gli occhi non gli si erano spenti e il vigore non gli era venuto meno. Gli Israeliti lo piansero nelle steppe di Moab per trenta giorni, finché furono compiuti i giorni di pianto per il lutto di Mosè. Giosuè, figlio di Nun, era pieno dello spirito di saggezza, perché Mosè aveva imposto le mani su di lui. Gli Israeliti gli obbedirono e fecero quello che il Signore aveva comandato a Mosè. Non è più sorto in Israele un profeta come Mosè, che il Signore conosceva faccia a faccia, per tutti i segni e prodigi che il Signore lo aveva mandato a compiere nella terra d’Egitto, contro il faraone, contro i suoi ministri e contro tutta la sua terra, e per la mano potente e il terrore grande con cui Mosè aveva operato davanti agli occhi di tutto Israele.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.65

RITSia benedetto Dio: è lui che ci mantiene tra i viventi.

lode 3Acclamate Dio, voi tutti della terra, cantate la gloria del suo nome,
dategli gloria con la lode. Dite a Dio: «Terribili sono le tue opere!». RIT

Venite e vedete le opere di Dio, terribile nel suo agire sugli uomini. Popoli, benedite il nostro Dio, fate risuonare la voce della sua lode. RIT

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio, e narrerò quanto per me ha fatto. A lui gridai con la mia bocca, lo esaltai con la mia lingua. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Dio ha riconciliato a sé il mondo in Cristo, affidando a noi la parola della riconciliazione.

Alleluia.

VANGELO

Mt 18, 15-20 – Dal Vangelo secondo Matteo

preghiera1 (2)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

La correzione fraterna e la gioia di sciogliere.

Sgorga dal comandamento dell’amore il dovere di correggere il fratello. Molti per dovere e per missione debbono assolvere a tale compito perché maestri, educatori e comunque impegnati nell’insegnamento. La chiesa tutta, sin dalle origini per comando dello stesso Cristo, ha ricevuto il mandato di andare di annunciare e di testimoniare le verità rivelate. Così il Regno di Dio si sta estendendo sino agli estremi confini della terra. Nella vita quotidiana sperimentiamo continuamente debolezze ed errori; ciò è insito nella nostra fragile natura umana. Come è importante e salutare allora che ogni volta ci sia accanto a noi un fratello che pieno di amore intervenga a darci la salutare correzione!Occorre però da ambo le parti, in chi corregge e in chi riceve l’ammonizione, la bella virtù dell’umiltà, che ci consente di dare e di accogliere quanto viene suggerito nel modo migliore. Invocare la libertà dell’individuo per esimersi dal correggere o dal ricevere la correzione è un gravissimo errore che induce al lassismo e a gravi mancanze di carità cristiana. È intimamente legata alla correzione fraterna la legge del perdono, la capacità di sciogliere i lacci del male, i desideri di vendetta e le barriere dell’odio. Senza questa virtù dovremmo rassegnarci a vivere in continua tensione, in incessanti conflitti famigliari e di ben più ampie proporzioni, come frequentemente accade. Dovremmo essere per vocazione e per grazia, costruttori di pace perché datori di perdono. Non dovremmo mai dimenticare che Cristo si è incarnato, ha accettato la passione e la morte proprio per garantirci il perdono, per scioglierci dai lacci del male e garantirci la risurrezione finale. (Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

PREGHIERA BIMBIO Dio, generoso verso quanti Ti invocano, esaudisci la preghiera che osiamo rivolgerTi, fiduciosi nel Tuo amore e nella Tua misericordia. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. Signore sostieni la nostra povera capacità di amore ed insegnaci ad amare Amen.

ALMANACCO DEL 15 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 15 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


sorriso26MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 15 AGOSTO

L’umiltà e la carità vanno di pari passo. L’una glorifica  e l’altra santifica. L’umiltà e la purezza dei costumi sono aliche elevano fino a Dio e quasi divinizzano (T, 54)

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
Assunzione BV Maria-donna vestita di soleASSUNZIONE DELLA B.V.M.
Madonna dei Bagni
Santa Maria del Ponte 
MADONNA DELL’ORDINE DEI SERVITI
Letture di martedì 15 agosto 2017
San Stanislao Kostka
Beato Claudio (Riccardo) Granzotto
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE 

“ State ben attenti a non spegnere in voi lo spirito di preghiera. Satana è arrabbiato con coloro che digiunano e si convertono. / “… pregare per i giovani … Aiutatevi l’un l’altro ed io aiuterò voi. …” / “…genitori e figli preghino insieme nelle loro famiglie.”

(Tratto dal messaggio del 15 agosto 1983/88/89)

——————————————————————————-

ASSUNZIONE DELLA B.V.M.

15 agostoassunzione2

LA SEMPLICITA’ IMPAVIDA DI MARIA NEL DIRE QUEL “SI” AL SIGNORE

Siamo sicuri di sapere proprio tutto sulla Vergine Maria? Per esempio, a quale missione è stata chiamata? E quali privilegi ottenne da Dio per compiere la sua missione? Dove e quando nacque la Madonna?

Su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/assunzione-della-beata-vergine-maria/

————————————————————————-

MADONNA DEI BAGNImadonna_bagni di scafati

Scafati (SA) 15 agosto

Un giorno un lebbroso si recò presso la fonte e si bagnò con l’acqua per rinfrescarsi un po’. Il malato guarì e la sua guarigione fu subito legata a Maria, che si fece acqua per riportare la felicità e la vita nell’uomo. Da quel momento iniziarono i pellegrinaggi presso la fonte.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-dei-bagni/

————————————————————————–

SANTA MARIA DEL PONTE 

Caltagirone (CT) 15 Agosto 1572santa maria del ponte

Il riflesso della Vergine con in braccio il bambino Gesù ad  una bimba sordomuta cambieranno le sorti di un’intero paese che diventa meta di pellegrinaggio soprattutto dopo una seconda apparizione. Nel santuario troviamo anche un pezzo della Santa Croce di Cristo. 

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2014/08/santa-maria-ponte/

————————————————————————–

MADONNA DELL’ORDINE DEI SERVITI

Nascita dell’ordine dei servi di Maria – 15 agosto 1233

servi di Maria3Il 15 agosto 1233 la Vergine apparve a sette nobili fiorentini: «Come già amicizia li univa e avevano gioia l’uno dell’altro nelle cose di Dio e nelle cose umane, così furono ispirati ad abbandonare tutto per fare vita insieme … ed aver ancor più gioia nell’aiutarsi l’un l’altro con buoni gesti e parole». …Tratto dalla più antica storia dell’Ordine.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2014/08/madonna-dellordine-dei-serviti/

—————————————————————————–

LETTURE DI MARTEDÌ

15 agosto 2017

Assunzione della Beata Vergine Maria

“… «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,…”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-martedi-15-agosto-2017/

—————————————————————————

Santo_Stanislao_Kostka_HSan Stanislao Kostka

gesuita polacco (1550-1568) 15 Agosto

Entra nella Compagnia di Gesù appena maggiorenne. Considerato fin da giovane “strano per la sua stessa famigliaa causa del suo rigore, spende tutte le sue energie nel progetto gesuita. La storia e un video sul miracolo della buona morte di San Stanislao.

In briciole di luce la storia e un video sul miracolo della buona morte di San Stanislao su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/san-stanislao-kostka/

————————————————————————–

BEATO CLAUDIO (Riccardo) GRANZOTTO

beato claudioFrancescano (1900-1947) 15 agosto

Nel museo di Chiampo, dove si trova la sua riproduzione della grotta di Lourdes, troviamo diversi suoi gessi originali e aggetti che gli sono appartenuti. Il primo miracolo autentificato dalla chiesa è stato quello di un bambino di Verona guarito da peridacriocistiteimprovvisamente e senza postumi.

La storia e la preghiera su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/beato-claudio-riccardo-granzotto/ 

—————————————————————————

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture martedì 15 agosto 2017

assunzioneLETTURE DI MARTEDÌ

15 agosto 2016

ASSUNZIONE DELLA B.V.M.

“… «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,…”

MADONNA DEI BAGNI
servi di Maria3SANTA MARIA DEL PONTE 
MADONNA DELL’ORDINE DEI SERVITI

Nascita dell’ordine dei servi di Maria – 15 agosto 1233 – Il 15 agosto 1233 la Vergine apparve a sette nobili fiorentini: «Come già amicizia li univa e avevano gioia l’uno dell’altro nelle cose di Dio e nelle cose umane, così furono ispirati ad abbandonare tutto per fare vita insieme … ed aver ancor più gioia nell’aiutarsi l’un l’altro con buoni gesti e parole». …Tratto dalla più antica storia dell’Ordine.

Beato Claudio (Riccardo) Granzotto
Santo_Stanislao_Kostka_HSan Stanislao Kostka

gesuita polacco (1550-1568) 15 Agosto – Entra nella Compagnia di Gesù appena maggiorenne. Considerato fin da giovane “strano per la sua stessa famigliaa causa del suo rigore, spende tutte le sue energie nel progetto gesuita. La storia e un video sul miracolo della buona morte di San Stanislao.In briciole di luce la storia e un video sul miracolo della buona morte di San Stanislao.

Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna ammantata di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul capo una corona di dodici stelle.

PREGHIERA DEL MATTINO

Dio onnipotente ed eterno, che hai innalzato alla gloria del cielo in corpo e anima l’immacolata Vergine Maria, madre di Cristo Tuo Figlio, fà che viviamo in questo mondo costantemente rivolti ai beni eterni, per condividere la sua stessa gloria.  Amen

PRIMA LETTURA

Ap 11,19;12,1-6.10 – Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

la donna vestita di sole

Si aprì il tempio di Dio che è nel cielo e apparve nel tempio l’arca della sua alleanza. Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle.Era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto. Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; la sua coda trascinava un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra. Il drago si pose davanti alla donna, che stava per partorire, in modo da divorare il bambino appena lo avesse partorito. Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e suo figlio fu rapito verso Dio e verso il suo trono. La donna invece fuggì nel deserto, dove Dio le aveva preparato un rifugio. Allora udii una voce potente nel cielo che diceva: «Ora si è compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio e la potenza del suo Cristo».
C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal 44

L'incoronazione della Vergine 1641RITRisplende la Regina, Signore, alla tua destra.

Figlie di re fra le tue predilette; alla tua destra sta la regina, in ori di Ofir. RIT

Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio: dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre. RIT

Il re è invaghito della tua bellezza. È lui il tuo signore: rendigli omaggio. RIT

Dietro a lei le vergini, sue compagne, condotte in gioia ed esultanza, sono presentate nel palazzo del re. RIT

SECONDA LETTURA

1Cor 15, 20-26 – Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

paolo-di-tarso

Fratelli, Cristo è risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti. Perché, se per mezzo di un uomo venne la morte, per mezzo di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti. Come infatti in Adamo tutti muoiono, così in Cristo tutti riceveranno la vita. Ognuno però al suo posto: prima Cristo, che è la primizia; poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo. Poi sarà la fine, quando egli consegnerà il regno a Dio Padre, dopo avere ridotto al nulla ogni Principato e ogni Potenza e Forza. È necessario infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L’ultimo nemico a essere annientato sarà la morte, perché ogni cosa ha posto sotto i suoi piedi.
C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Maria è assunta in cielo; esultano le schiere degli angeli.

Alleluia.

VANGELO

Lc 1, 39-56 – Dal Vangelo secondo Luca

elisabetta (2)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

C: Parola del Signore
A: Lode a Te o Cristo

COMMENTO

Ave!, “Piena di grazia”…

L’angelo la saluta “piena di grazia”, irrorata e fecondata dallo Spirito Santoè lei la prescelta da Dio per diventare la Madre del Salvatore. Diventa lei l’altare e il talamo dove nasce il Figlio di Dio. È lei la perfetta discepola che adempie fino ai piedi della croce la sua solenne promessa di fedeltà: “si compia in me secondo la tua parola”. Lei diventa Madre e resta sempre Vergine. Già santa ed immacolata, preservata dal peccato originale in vista della sua particolarissima missione, viene ulteriormente adornata di luce e di grazia dalla presenza viva del suo unigenito, il Signore Gesù. Sul Calvario assume, per volere dello stesso suo Figlio, il compito di essere la madre di tutti i credenti, la madre della Chiesa, un compito universale che la innesta indissolubilmente alla redenzione. Tutto questo è l’opera mirabile di Dio su Maria che trova l’apice, il culmine, la logica conclusione nella sua Assunzione al cielo in anima e corpo. Lo stesso amore che l’ha resa madre, ora l’attrae verso il Cielo. Ora ci appare come la donna vestita di sole, come colei che in modo speciale partecipa alla gloria della risurrezione. È accolta ed innestata nella trinità divina, Lei ci sollecita a pensare ad una Chiesa splendente come Lei, a vedere la nostra meta, meno lontana a pregustare la gloria riservata agli eletti di Dio. La onoriamo come Madre e regina del cielo e della terra nella gloria dei santi. La ammiriamo come modello eccelso di santità, la desideriamo come Madre, la invochiamo come nostra avvocata e madre di misericordia. Come Gesù anche lei, la madre ci ripete per alimentare la nostra fiducia, vado a prepararvi un posto perché anche voi siete chiamati alla mia stessa meta, siete destinati alla vittoria. Ecco il nostro desiderio, la nostra preghiera. (Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

assunzione4

Maria, Madre del Signore, splendi sempre sul nostro cammino, attraverso di Te il Padre ci dona Cristo parola e pane di vita eterna. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio, in cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, di questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi. Accogli, o Padre, le preghiere del Tuo popolo e fà che contemplando il mistero di Maria, associata in corpo e anima al trionfo del Tuo Figlio, e fa che riconosciamo in ogni persona umana il segno della Tua immagine e il riflesso della Tua gloria. Per Cristo nostro Signore. Amen.

ALMANACCO DEL 14 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 14 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


serio17MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 14 AGOSTO

Padre, voi siete tanto buono! – Io non sono buono, solo Gesù è buono. Non so come quest’abito di san Francesco che indosso non scappi via da me! L’ultimo delinquente della terra è d’oro al pari di me (T, 118).

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
Madonna della consolazione1MADONNA DI STRUGNANO
LA ROTONDA DELLA MADONNA DEL MONTE
MADONNA DELLA CONSOLAZIONE
MADONNA DELLA CAVA
Letture di lunedì 14 agosto 2017
San Massimiliano Maria Kolbe
Beata Elisabetta Renzi
Fra Modestino il “figlio spirituale” di San Pio
Padre Angelo Maggioni
Novena alla B. V. M. Assunta in Cielo
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE

“… Ringraziate nella preghiera per tutto quello che avete ricevuto questo anno. …”

(Tratto dal messaggio del 14 agosto 1989)

——————————————————————————-

MADONNA DI STRUGNANOMADONNA DI STRUGNANO1

Istria – Slovenia – Notte tra il 14 ed il 15 Agosto 1512

A Strugnano Maria Vergine espresse il suo dispiacere per l’abbandono di una chiesa e lasciò in un cespuglio le sue preziose lacrime. Difficile trovare in natura delle gocce tanto splendenti.

In articoli vari la storia della visione della Madonna di Strugnano su http://biscobreak.altervista.org/2014/08/madonna-strugnano/

—————————————————————————–

LA ROTONDA DELLA MADONNA DEL MONTE

colombaBologna 14 agosto 1443

La Rotonda della Madonna del Monte a Villa Aldini

Una storia curiosa, in un momento storico in cui ancora ci si prendeva il tempo di guardare i segni del cielo ed ecco che grazie al minuzioso lavoro di una colomba sorge la Rotonda della Madonna del Monte.  

Su http://biscobreak.altervista.org/2014/08/la-rotonda-della-madonna-del-monte/

———————————————————————-

Madonna della ConsolazioneMadonna della consolazione1

Ghisalba (Bergamo – Italia) 14 Agosto 1453

Antoniola, una contadina di 60 anni, chiamata col diminutivo di Tonolla, la mattina ebbe la visione di Maria, mentre faceva colazione,… Per la prima volta la Vergine, per essere creduta, compirà ungesto estremo.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/madonna-della-consolazione/

———————————————————————-

LA MADONNA DELLA CAVA

Madonna Della CavaPietraperizia (Enna) Sicilia – 14 agosto

Si racconta che la contrada “Cava” prese nome dal leggendario ritrovamento in una cava dell’immagine della Madonna (dipinta su una lastra di pietra arenaria), da parte di un muto trapanese, prima del 1223. Nell’istante del ritrovamento il muto riacquistò la parola lodando ad alta voce Maria.

La storia e i festeggiamenti su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-della-cava/

—————————————————————————–

LETTURE DI LUNEDÌ

14 agosto 2017

XIX Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

San Massimiliano Maria Kolbe

“… per evitare di scandalizzarli,[…] troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala loro per me e per te». …”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-lunedi-14-agosto-2017/

—————————————————————————

San Massimiliano Maria KolbeSan Massimiliano Maria Kolbe

martire (1894-1941) 14 agosto 

Lavorò tutta la vita come “Combattente dell’Immacolata”finendola nel campo di concentramento ad Auschwitz, muore volontariamente al posto di un padre di famiglia presente poi alla sua santificazione.

In briciole di luce la storia, la video-storia, i video storici e il film su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/san-massimiliano-maria-kolbe/

—————————————————————————

BEATA ELISABETTA RENZI

Vergine e Fondatrice (1786-1859) 14 agosto

Educata dalle Clarisse non entra in convento poichè Napoleone sopprime il Monastero, ma dopo una caduta da cavallo la sua corsa riprende e arriverà a fondare la congregazione delle Maestre Pie dell’Addolorata. 

La storia e la preghiera su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/beata-elisabetta-renzi/

———————————————————————-

5 fra modestinoFra Modestino il “figlio spirituale” di San Pio

Muore il 14 agosto del 2011 a 94 anni nell’ospedale Casa sollievo della sofferenza. La mamma era compagna d’infanzia del frate dalle stimmate, che lo ha visto crescere e gli garantì la sua continua protezione.

Nel tuo spazio il “figlio spirituale” di San Pio, la storia e una sua video testimonianza su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/fra-modestino/

—————————————————————–

PADRE ANGELO MAGGIONIPADRE ANGELO MAGGIONI

Sacerdote missionario martire (1917 – 1972) 14 agosto

Un sacerdote che avendo vissuto nelle ristrettezze vuole aiutare chi si trova più in difficoltà recandosi nel martoriato e appena nato Bangladesh dove i problemi certo non mancano, a partire dal clima, dalla politica, dalla povertà, dalla guerra…

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/padre-angelo-maggioni/

—————————————————————————

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

Novena alla B.V.M. Assunta in Cielo

Iniziata il 6 agosto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

I. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste invitata dal vostro Signore al cielo.

Ave Maria piena di grazia il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del Tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

II. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste assunta dagli Angeli santi in cielo.

Ave Maria …

III. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui tutta la corte celeste vi venne incontro.

Ave Maria …

IV. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste ricevuta con tanto onore in cielo.

Ave Maria …

V. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale sedeste alla destra del vostro Figlio in cielo.

Ave Maria …

VI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste coronata con tanta gloria in cielo.

Ave Maria …

VII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui vi fu dato il titolo di Figlia, Madre e Sposa del Re del cielo.

Ave Maria …

VIII. Sia benedetta, Maria, l’ora nella quale foste riconosciuta Regina suprema di tutto il cielo.

Ave Maria …

43-Assunzione-Tiziano

IX. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale tutti gli Spiriti e Beati del cielo vi acclamarono.

Ave Maria …

X. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste costituita Avvocata nostra in cielo.

Ave Maria …

XI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale cominciaste a intercedere per noi in cielo.

Ave Maria …

XII. Sia benedetta. o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di riceverci tutti in cielo.

Ave Maria …

Preghiamo

O Dio, che volgendo lo sguardo all’umiltà della Vergine Maria l’hai innalzata alla sublime dignità di madre del tuo unico Figlio fatto uomo e oggi l’hai coronata di gloria incomparabile, fa’ che, inseriti nel mistero di salvezza, anche noi possiamo per sua intercessione giungere fino a te nella gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

*****************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di lunedì 14 agosto 2017

LETTURE DI LUNEDÌ

14 agosto 2017

XIX Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

San Massimiliano Maria Kolbe

“… per evitare di scandalizzarli,[…] troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala loro per me e per te». …”

LA ROTONDA DELLA MADONNA DEL MONTE

MADONNA DI STRUGNANO1

MADONNA DELLA CONSOLAZIONE
MADONNA DELLA CAVA

MADONNA DI STRUGNANO

Istria – Slovenia – Notte tra il 14 ed il 15 Agosto 1512 – A Strugnano Maria Vergine espresse il suo dispiacere per l’abbandono di una chiesa e lasciò in un cespuglio le sue preziose lacrime. Difficile trovare in natura delle gocce tanto splendenti..In articoli vari la storia della visione della Madonna di Strugnano.

Beata Elisabetta Renzi

Vergine e Fondatrice (1786-1859) 14 agosto – Educata dalle Clarisse non entra in convento poichè Napoleone sopprime il Monastero, ma dopo una caduta da cavallo la sua corsa riprende e arriverà a fondare la congregazione delle Maestre Pie dell’Addolorata. La storia e la preghiera.

“Venite, benedetti del Padre mio”, dice il Signore, “ero malato e mi avete visitato. In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno dei miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.

PREGHIERA DEL MATTINO

O Dio, che hai dato alla Chiesa e al mondo san Massimiliano Maria Kolbe, sacerdote e martire, ardente di amore per la Vergine Immacolata, interamente dedito alla missione apostolica e al servizio eroico del prossimo, per sua intercessione concedi a noi, a gloria del tuo nome, di impegnarci senza riserva al bene dell’umanità per imitare, in vita e in morte, il Cristo tuo Figlio. Per Cristo nostro Signore. Amen.

PRIMA LETTURA

Dt 10, 12-22 – Dal libro del Deuteronòmio

mosè-parlò-al-popolo-dicendo-264x300

Mosè parlò al popolo dicendo:
«Ora, Israele, che cosa ti chiede il Signore, tuo Dio, se non che tu tema il Signore, tuo Dio, che tu cammini per tutte le sue vie, che tu lo amiche tu serva il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore e con tutta l’anima, che tu osservi i comandi del Signore e le sue leggi, che oggi ti do per il tuo bene?
Ecco, al Signore, tuo Dio, appartengono i cieli, i cieli dei cieli, la terra e quanto essa contiene. Ma il Signore predilesse soltanto i tuoi padri, li amò e, dopo di loro, ha scelto fra tutti i popoli la loro discendenza, cioè voi, come avviene oggi.
Circoncidete dunque il vostro cuore ostinato e non indurite più la vostra cervìce; perché il Signore, vostro Dio, è il Dio degli dèi, il Signore dei signori, il Dio grande, forte e terribile, che non usa parzialità e non accetta regali, rende giustizia all’orfano e alla vedova, ama il forestiero e gli dà pane e vestito. Amate dunque il forestiero, perché anche voi foste forestieri nella terra d’Egitto.
Temi il Signore, tuo Dio, servilo, restagli fedele e giura nel suo nome. Egli è la tua lode, egli è il tuo Dio, che ha fatto per te quelle cose grandi e tremende che i tuoi occhi hanno visto. I tuoi padri scesero in Egitto in numero di settanta persone; ora il Signore, tuo Dio, ti ha reso numeroso come le stelle del cielo».
C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.147

RIT: Celebra il Signore, Gerusalemme.Gesù e il tempio di Gerusalemme

Celebra il Signore, Gerusalemme, loda il tuo Dio, Sion, perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte, in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli. RIT

Egli mette pace nei tuoi confini e ti sazia con fiore di frumento. Manda sulla terra il suo messaggio: la sua parola corre veloce. RIT

Annuncia a Giacobbe la sua parola, i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele. Così non ha fatto con nessun’altra nazione, non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Dio ci ha chiamati mediante il Vangelo, per entrare in possesso della gloria del Signore nostro Gesù Cristo.

Alleluia.

VANGELO

Mt 17, 22-27 – Dal Vangelo secondo Matteo

pietro-pesceIn quel tempo, mentre si trovavano insieme in Galilea, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà». Ed essi furono molto rattristati.
Quando furono giunti a Cafàrnao, quelli che riscuotevano la tassa per il tempio si avvicinarono a Pietro e gli dissero: «Il vostro maestro non paga la tassa?». Rispose: «Sì».
Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: «Che cosa ti pare, Simone? I re della terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli estranei?». Rispose: «Dagli estranei».
E Gesù replicò: «Quindi i figli sono liberi. Ma, per evitare di scandalizzarli, va’ al mare, getta l’amo e prendi il primo pesce che viene su, aprigli la bocca e vi troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala loro per me e per te».
C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

Quando la fede non chiede privilegi

moneta dal pesce Cappella_brancacci,_Pagamento_del_tributo

Gesù, dopo il secondo annuncio della passione, che vede gli apostoli molto rattristati (cf v. 23), per non dare scandalo (cioè per non creare ostacolo alla fede di tanti) si assoggetta al pagamento della tassa del tempio, prendendo però il denaro dalla bocca di un pesce appena pescato. Un episodio molto enigmatico, che trova l’unica ragione d’essere in una fede che non chiede e non vuole privilegi. Poiché, come mostra la prima lettura, l’unico privilegio del credente è quello della salvezza che ha conseguito gratuitamente. Il passo del libro del Deuteronomio è sintomatico nell’indicare la realtà della fede come un dono che non riguarda soltanto la modalità cultuale, ma si estende ai rapporti sociali (vv. 18-19). Non solo, ma l’oggetto della lode di Israele (cf v. 21) è capace di compiere cose portentose e inimmaginabili per chi lo teme e si sottomette a lui. Chi crede, quindi, ha sì una sicurezza che gli viene da Dio, ma ha anche una grande responsabilità verso tutti gli uomini e il creato, e soprattutto nei confronti delle categorie più deboli, quali l’orfano, la vedova, il forestiero. E qui noi potremmo sostituire tutte le “razze umane” che ci sono particolarmente antipatiche e vedere se messi di fronte ad una situazione di comprensione e di compassione del prossimo sappiamo reagire con forza cristiana. Potrebbe rivelarsi un buon metodo per verificare la nostra fede e vedere quanto ci sentiamo perbene e giustificati per il fatto di essere bravi cristiani osservanti e timorati. (Omelia dei Monaci Benedettini Silvestrini da lachiesa.it)

PREGHIERA DELLA SERA

Oggi o Signore, ci hai parlato nuovamente della Tua passione. O Padre Santo donaci la forza di accettare le sofferenze e le prove della nostra vita avendo sempre in mente quella del nostro Signore Gesù Cristo. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello che fai per noi e ci dai ogni giorno. O Dio, che conosci le Tue creature, non permettere che siamo provati al di sopra delle nostre forze e non lasciarci mancare, in questa settimana, la gioia del Tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Beata Elisabetta Renzi

BEATA ELISABETTA RENZI

Vergine e Fondatrice (1786-1859) 14 agosto

Educata dalle Clarisse non entra in convento poichè Napoleone sopprime il Monastero, ma dopo una caduta da cavallo la sua corsa riprende e arriverà a fondare la congregazione delle Maestre Pie dell’Addolorata. 

Maria Elisabetta, questo il suo nome completo, secondogenita di Giambattista Renzi e di Vittoria Boni, nacque a Saludecio, un paese situato nelle verdi colline dell’entroterra riminese, prospiciente il Mare Adriatico. La famiglia di Elisabetta si trasferì a Mondaino nel 1791. Le ragioni di questo trasferimento si possono trovare in una suddivisione dell’asse paterno e nella convenienza di suo padre di esercitare meglio la professione di perito estimatore e di amministratore dei suoi beni e di quelli del monastero delle Clarisse, posti in q Elisabetta entrò nel monastero delle Clarisse come educanda, e poco dopo ricevette la Prima Comunione. La sua permanenza come educanda, dovette lasciare tracce marcate nel suo spirito e ciò, soprattutto, attraverso l’insegnamento e l’esempio delle monache addette direttamente alla formazione delle giovinette.

Elisabetta ha iniziato qui a percepire la presenza di Dio nella sua vita, agevolata da un “naturale dolcissimo” e dalla forte esperienza di vita cristiana fatta con i genitori.

Giancarlo Renzi, fratello di Elisabetta testimonia:

Fanciulla schiuse se stessa nel silenzio e nella preghiera; Elisabetta passò tra le agiatezze della casa che la vide nascere, come raggio di luce sull’oro diffuso; non attinse bellezza dalle cose preziose che la circondavano, ma le cose preziose rese belle essa stessa con la sua grande bontà e soavità“.

Già da fanciulla amava stare raccolta, per trascorrere con l’amato Gesù il suo tempo; si impegnava a crescere nella virtù, tanto che si racconta, si scelse una compagna con la quale fare a gara per vedere chi amasse di più Gesù.

Nel 1807 all’età di 21 anni, desiderosa di donarsi completamente a Dio e ai fratelli, chiese di poter fare esperienza nel monastero agostiniano di Pietrarubbia, nella Contea di Carpegna (PU). Esso godeva grande fama per la profonda spiritualità delle Monache Agostiniane: era poverissimo, situato su terreno franoso di un dirupo, per cui, a dire del Vescovo del Montefeltro, ci voleva una speciale vocazione per la totale solitudine che ivi regnava e per i disagi causati dalle abbondanti nevi e dall’intenso freddo.

Elisabetta avvertì subito tutta la forza di una intensa vita di consacrazione al Signore, come appare dalla lettera da lei scritta al padre, in cui manifesta la decisa volontà di darsi unicamente alla gloria di Dio, nella casa di Dio:

« Date lode al Signore perché Egli è buono: eterna è la sua misericordia. All’infuori di Dio, non v’è cosa solida, nessuna, nessuna al mondo! Se è la vita, passa; se è la ricchezza sfugge; se è la salute, perdesi, se è la reputazione, la ci viene intaccata; ah, tutte le cose se ne vanno, precipitano. O babbo, mi permetta che io attenda qui il premio di opere buone, di buoni pensieri, di desideri buoni, imperocché Dio, che solo è buono, anche dei buoni desideri tien conto. Dio mi fa tante offerte! Vuole dunque che non mi curi tosto della Sua amicizia, che non faccia tosto gran caso delle Sue promesse? Babbo veneratissimo, glielo dico: ho un vivo desiderio di far del bene, di pregare tanto per la gloria di Dio, anzi per la maggior gloria di Dio… nella casa di Dio».

Nel Monastero agostiniano di Pietrarubbia passò momenti felicissimi in unione col Signore onde portarlo a chi non lo conosceva come scrisse all’Abadessa del Monastero delle Clarisse di Mondaino:

Immagini di vedere la meschina e fortunata Elisabetta in una cellina che le è tanto cara e che è il suo santuario, fatto solo per Gesù e per me, e indovinerà facilmente le ore felici che passo col mio Diletto Come sarebbero vuote le nostre celle ed i chiostri se non li riempisse Lui! Ma noi Lo vediamo attraverso tutto, perché Lo portiamo in noi e la nostra vita è un paradiso anticipato. La cella è qualcosa di sacro! Rievoco, madre Badessa, la sua giusta espressione; è un intimo santuario destinato a Lui e alla sua sposa; e vi stiamo così bene tutti e due! Vorrei che tutto il mio essere tacesse e in me tutto adorasse, e così penetrare ognor più in Lui ed esserne così piena da poterlo dare a quelle povere anime che non conoscono il dono di Dio! Che io me ne stia sempre sotto la grande visione di Dio”.

Fra queste mura il Signore la preparò a quella missione apostolica a cui l’avrebbe chiamata. Nel 1810 il Monastero fu soppresso per decreto napoleonico ed Elisabetta, dopo esperienze tanto felici, dovette abbandonare il monastero e riprendere la vita in famiglia; questo passo ha segnato un momento doloroso per lei, ma la forgerà maggiormente per le prove che dovranno venire.

Intanto, fatti nuovi concorsero a renderle più faticoso questo periodo di dolorosa attesa: nel 1813, l’unica sorella, Dorotea, mori all’età di vent’anni.

Abbandonò il primitivo fervore, ma continuò a chiedere al Signore nella preghiera il suo progetto: “Signore, quale progetto hai su di me ?Un giorno, mentre stava cavalcando assieme ad una domestica venne sbalzata via dal cavallo imbizzarrito. Si rialzò incolume ed interpretò questa caduta come il segno di una chiamata da parte di Dio, ma non sapeva bene dove dirigere i suoi passi.

Si consigliò con il suo direttore Spirituale don Vitale Corbucci che la rassicurò dicendole che la sua missione era quella di educatrice e le indicò Coriano dove funzionava un “Conservatorio” cioè una scuola per le ragazze e le donne più povere. Elisabetta arrivò a Coriano il 29 aprile 1824.

Si adoperò per unire il “Conservatorio”di Coriano con l’opera delle Canossiane. Santa Maddalena di Canossa visitando la piccola comunità di Coriano conobbe personalmente Elisabetta Renzi e di lei ebbe a dire:

Tra il Signore ed Elisabetta vi è tale effusione di reciproco amore, tale perfetta donazione scambievole da tenere per certissimo che, nel porre piede in Coriano, si stringesse fra la creatura e il Creatore, quel nodo che s’insempra nel Cielo

Maddalena consigliò Elisabetta a prendere la direzione del Conservatorio ed Elisabetta accettò dalle mani di Dio la decisione del Vescovo di Rimini Monsignor Ottavio Zollio che la nominò Superiora della piccola comunità. Sofferenze, imprevisti, non la fermarono, anzi la resero sempre più forte e coraggiosa

Nel 1828 Elisabetta tracciò alcune norme di vita spirituale e comunitaria con il Regolamento delle “Povere del Crocifisso”: vi insiste sul distacco dal mondo per vivere lo spirito della croce, indispensabile per “fare la più amorevole conversazione con lo Sposo divino e sentire l’amorosa sua voce nella solitudine e nel raccoglimento di spirito”.

Il 26 agosto 1839 Monsignor Francesco Gentilini, Vescovo di Rimini eresse canonicamente la nuova Congregazione delle Maestre Pie dell’Addolorata. Il 29 agosto 1839 nella Chiesa parrocchiale di Coriano Elisabetta Renzi e le sue dieci compagne offrirono la loro vita a Dio e ai fratelli con la professione dei Consigli evangelici e ricevettero l’abito delle Maestre Pie dell’Addolorata. Dopo Coriano Madre Elisabetta fondò le comunità di Sogliano al Rubicone, Roncofreddo, Faenza, Cotignola, Savignano di Romagna, Mondaino. A Coriano il 14 agosto 1859 all’età di 72 anni, Madre Elisabetta muore, soavemente abbandonata fra le braccia del suo Sposo Crocifisso e Risorto.

Madre Elisabetta fu proclamata Beata dal Papa Giovanni Paolo II il 18 giugno 1989. I suoi resti mortali sono venerati nella Cappella della Casa Madre a Coriano, in Provincia e Diocesi di Rimini.

Presso la Congregazione per le Cause dei Santi è in corso lo studio per il riconoscimento di un ulteriore miracolo ottenuto per intercessione della Beata Elisabetta Renzi dalla brasiliana Livia Mara Santos Simao che è inspiegabilmente guarita da un trombo dopo aver invocato ripetutamente e con fede la Beata Elisabetta Renzi che in un giorno, ormai non lontano, speriamo la Chiesa proclamerà Santa.

La spiritualità elisabettiana scaturisce dall’amore al Crocifisso, all’Addolorata, all’Eucarestia. Come per Madre Elisabetta, anche per coloro che oggi vivono il carisma ricevuto dallo Spirito, attraverso di lei, da questi Amori scaturiscono: carità, umiltà, fede, abbandono in Dio, ubbidienza, semplicità, allegrezza di spirito, gioia del dovere, dono di sé, amore al sacrificio e al nascondimento.

Il carisma educativo della Beata Elisabetta Renzi è diffuso, oggi, in quattro continenti: EUROPA, AMERICA, AFRICA e ASIA dove le Maestre Pie dell’Addolorata, testimoniano l’amore di predilezione di Cristo verso i poveri, i piccoli e i deboli.

A fianco alle Maestre Pie dell’Addolorata, con approvazione ecclesiastica, opera dal 1994 il Movimento Per l’Alleluia, costituito da laici che vivono la spiritualità ed il carisma della Beata Elisabetta in tutti gli ambiti della quotidianità.

Lo Stemma dell’Istituto “Maestre Pie dell’Addolorata” è formato da un cuore che arde e sprigiona luce, trapassato da una spada, circondato da gigli, arricchito dalla frase programma: “ARDERE ET LUCERE” – Ardere per illuminare.

Preghiera per ottenere grazie attraverso l’intercessione della Beata ELISABETTA RENZI

Ti benedico, Signore Gesù Cristo, che hai voluto scegliere la Beata Elisabetta Renzi per manifestare al mondo la gioia di conoscerti, amarti e seguirti. Infondi, Ti prego nel mio cuore il suo grande amore verso i fratelli e l’ardente sua brama di annunziare dovunque il Vangelo della salvezza, affinché tutti possano conoscere amare e seguire Te, via verità e vita. Per sua intercessione concedimi anche, se è tua volontà, la grazia particolare che umilmente ti chiedo. Amen. (3 Gloria alla SS.ma Trinità)

Per informazioni e comunicazioni: Istituto Maestre Pie dell’Addolorata (curiampda@ols.org)

Autore: Sr Sabrina, Maestra Pia dell’Addolorata

FONTE:  http://www.santiebeati.it/dettaglio/91602

 

ALMANACCO DEL 13 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 13 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


 

sorriso44MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 13 AGOSTO

Che cosa è la felicità se non il possedimento di ogni sorta di bene, che rende l’uomo del tutto pago? Ma su questa terra si trova mai qualcuno che sia pienamente felice? No, certamente . L’uomo sarebbe stato tale, se si fosse mantenuto fedele al suo Dio. Ma giacché l’uomo èpieno di delitti, cioè pieno di peccati, non può mai essere pienamente felice. Quindi solo in cielo si trova la felicità: ivi non pericoli di perdere Dio , non patimenti, non morte, ma sempiterna vita con Gesù Cristo (CS, n. 67, p. 172).

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
MoglianoMADONNA DELLE GRAZIE
Letture di domenica 13 agosto 2017
Santa Radegonda
San Giovanni Berchmans
TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE
Novena alla B. V. M. Assunta in Cielo
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE 

 “Pregate il Rosario ogni giorno.Pregate insieme”/ “Bisogna annunciare al mondo la realtà, cioè la serietà degli eventi futuri. Però non bisogna togliere la speranza perché Dio ha un suo programma e ciò che realmente conta per la gente è la conversione e la vita di fede. .”/ “… pregate per i vostri sacerdoti, i vescovi e i il santo Padre.” /

(Tratto dal messaggio del 13 agosto 1981/83/2004)

——————————————————————————-

MADONNA DELLE GRAZIEMogliano

Mogliano Veneto – Treviso (Italia) Agosto 1479

La storia di questo Santuario non è legata ad un solo miracolo ma a più segni miracolosi. Nell’agosto del 1479 la Vergine apparve ad una sordomuta donandole la guarigione, poi una statua miracolosa appare durante gli scavi fin quando un altro miracolato completerà l’opera.

In articoli vari la storia storia della costruzione del santuario e dei suoi miracoli su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/madonna-delle-grazie-di-mogliano-veneto/

—————————————————————————–

LETTURE DI DOMENICA

13 agosto 2017

XIX Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)

“… «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». …”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-di-domenica-13-agosto-2017/

—————————————————————————

SANTA RADEGONDASanta Radegonda

Regina di Francia (518-587) 13 agosto

Rapita all’età di dodici anni, obbligata a sposarsi a diciotto, diventa una  regina in fuga da un marito violento e bigamo. Non mancano miracoli e colpi di scena. Gli spunti per un romanzo ci sono tutti, eppure è una storia vera.

In briciole di luce la storia di una regina di Francia su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/santa-radegonda/

——————————————————————————

SAN GIOVANNI BERCHMANS

Sacerdote gesuita (1599 – 1621) 13 agosto

Primo dei cinque figli di un calzolaio, a causa di una grave malattia che aveva colpito la madre venne affidato alle cure di due zie e poi di un sacerdote. Lavorando riuscì a permettersi di studiare. Era amato da tutti per la sua pietà sincera, la schietta carità e l’allegria incessante. Patrono della gioventù studentesca.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/san-giovanni-berchmans/

—————————————————————————

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE

kolbe_auschwitz

Dall’11 al 13 agosto 

1. O Dio, che hai infiammato di zelo per le anime e di carità per il prossimo san Massimiliano Maria, concedi a noi di lavorare intensamente per la tua gloria al servizio di ogni uomo, nostro fratello.

Gloria al Padre, Ave Maria

2. O Dio, che in san Massimiliano Maria, seguace fedelissimo del Poverello di Assisi, ci hai donato un apostolo della devozione alla Vergine Immacolata, donaci il coraggio di affidare a Lei i nostri corpi, i nostri cuori, le anime nostre, le nostre attività.

Gloria al Padre, Ave Maria

3. O Signore, Ti supplichiamo, perché sull’esempio di san Massimiliano Maria, impariamo a offrire per Te la nostra vita.

Gloria al Padre, Ave Maria

kolbeimm4. O Signore, Ti chiediamo che quel fuoco di carità che san Massimiliano Maria attinse dal Sacrificio Eucaristico, accenda anche i nostri cuori.

Gloria al Padre, Ave Maria

5. O Vergine Immacolata, Madre del Signore e Madre della Chiesa, ottienici di amarti, di servirti, di testimoniarti con una generosità e un ardore almeno pari a quello del tuo apostolo e martire san Massimiliano Maria.

Gloria al Padre, Ave Maria

O San Massimiliano Kolbe, prega per noi, aiutaci nella presente difficoltà, ottienici un grande amore verso la Vergine Immacolata, un amore ancor più grande del tuo.

Preghiamo:

O Dio, che hai infiammato di zelo per le anime e di carità per il prossimo San Massimiliano Maria, tuo sacerdote, martire e apostolo dell’Immacolata, concedi a noi, per sua intercessione, di lavorare intensamente per la tua gloria al servizio degli uomini, per rassomigliare anche alla morte al Figlio tuo. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen

*****************

Novena alla B.V.M. Assunta in Cielo

Iniziata il 6 agosto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

I. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste invitata dal vostro Signore al cielo.

Ave Maria piena di grazia il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del Tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

II. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste assunta dagli Angeli santi in cielo.

Ave Maria …

III. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui tutta la corte celeste vi venne incontro.

Ave Maria …

IV. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste ricevuta con tanto onore in cielo.

Ave Maria …

V. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale sedeste alla destra del vostro Figlio in cielo.

Ave Maria …

VI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste coronata con tanta gloria in cielo.

Ave Maria …

VII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui vi fu dato il titolo di Figlia, Madre e Sposa del Re del cielo.

Ave Maria …

VIII. Sia benedetta, Maria, l’ora nella quale foste riconosciuta Regina suprema di tutto il cielo.

Ave Maria …

43-Assunzione-Tiziano

IX. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale tutti gli Spiriti e Beati del cielo vi acclamarono.

Ave Maria …

X. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste costituita Avvocata nostra in cielo.

Ave Maria …

XI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale cominciaste a intercedere per noi in cielo.

Ave Maria …

XII. Sia benedetta. o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di riceverci tutti in cielo.

Ave Maria …

Preghiamo

O Dio, che volgendo lo sguardo all’umiltà della Vergine Maria l’hai innalzata alla sublime dignità di madre del tuo unico Figlio fatto uomo e oggi l’hai coronata di gloria incomparabile, fa’ che, inseriti nel mistero di salvezza, anche noi possiamo per sua intercessione giungere fino a te nella gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

*****************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di domenica 13 agosto 2017

LETTURE DI DOMENICA

13 agosto 2017

XIX Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)

“…«Coraggio, sono io, non abbiate paura!». …”

MADONNA DELLE GRAZIEMogliano

Mogliano Veneto – Treviso (Italia) Agosto 1479 – La storia di questo Santuario non è legata ad un solo miracolo ma a più segni miracolosi. Nell’agosto del 1479 la Vergine apparve ad una sordomuta donandole la guarigione, poi una statua miracolosa appare durante gli scavi fin quando un altro miracolato completerà l’opera. In articoli vari la storia storia della costruzione del santuario e dei suoi miracoli.

San Giovanni Berchmans

Santa RadegondaSanta Radegonda

Regina di Francia (518-587) 13 agosto – Rapita all’età di dodici anni, obbligata a sposarsi a diciotto, diventa una  regina in fuga da un marito violento e bigamo. Non mancano miracoli e colpi di scena. Gli spunti per un romanzo ci sono tutti, eppure è una storia vera. In briciole di luce la storia di una regina di Francia.

Sii fedele, Signore, alla tua alleanza, non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri. Sorgi, Signore, difendi la tua casa, non dimenticare le suppliche di coloro che ti invocano.

PREGHIERA DEL MATTINO

Dio onnipotente ed eterno, che ci dai il privilegio di chiamarti Padre fa’ crescere in noi lo spirito di figli adottivi, perché possiamo entrare nell’eredità che ci hai promesso. Per Cristo nostro Signore. Amen.

PRIMA LETTURA

1 Re 19,9.11-13 – Dal primo libro dei Re

elia nella cavernaIn quei giorni, Elia, [essendo giunto al monte di Dio, l’Oreb], entrò in una caverna per passarvi la notte, quand’ecco gli fu rivolta la parola del Signore in questi termini: «Esci e fèrmati sul monte alla presenza del Signore».
Ed ecco che il Signore passò. Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento, un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto. Dopo il terremoto, un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco. Dopo il fuoco, il sussurro di una brezza leggera. Come l’udì, Elia si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all’ingresso della caverna.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.84

misericordia1RIT: Mostraci, Signore, la tua misericordia.

Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore: egli annuncia la pace per il suo popolo, per i suoi fedeli. Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme, perché la sua gloria abiti la nostra terra. RIT

Amore e verità s’incontreranno, giustizia e pace si baceranno. Verità germoglierà dalla terra e giustizia si affaccerà dal cielo. RIT

Certo, il Signore donerà il suo bene e la nostra terra darà il suo frutto; giustizia camminerà davanti a lui: i suoi passi tracceranno il cammino. RIT

SECONDA LETTURA

Rm 9, 1-5 – Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Paolo2Fratelli, dico la verità in Cristo, non mento, e la mia coscienza me ne dà testimonianza nello Spirito Santo: ho nel cuore un grande dolore e una sofferenza continua.
Vorrei infatti essere io stesso anàtema, separato da Cristo a vantaggio dei miei fratelli, miei consanguinei secondo la carne.
Essi sono Israeliti e hanno l’adozione a figli, la gloria, le alleanze, la legislazione, il culto, le promesse; a loro appartengono i patriarchi e da loro proviene Cristo secondo la carne, egli che è sopra ogni cosa, Dio benedetto nei secoli. Amen.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Io spero, Signore. Spera l’anima mia, attendo la sua parola.

Alleluia.

VANGELO

Mt 14, 22-33 – Dal Vangelo secondo Matteo

acqua pietro2[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».
Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Lettura e commento di Don Ferdinando Colombo su

http://www.sacrocuore-bologna.it/it/audio.php (DISPONIBILE DA DOMENICA)

COMMENTO

Signore, salvami.
acqua pietroGesù è solo sul monte a pregare. Bisogna ogni tanto cercare solitudine e silenzio per entrare in comunione vera con Dio e sperimentare la profondità della preghiera. Quando poi Egli scende dai suoi non soffre più i condizionamenti della natura: cammina sulle acque e non è un fantasma. Pietro invece che è ancora legato alla pesantezza della sua umanità ed è forse appesantito anche da una dose di presunzione, al soffiare del vento, rischia di affondare nelle acque del mare. Anch’egli allora deve pregare, deve lanciare il suo grido di aiuto: “Signore, salvami”. È confortante il gesto immediato di Gesù in risposta alla preghiera di Pietro: “E subito Gesù tese la mano…”. Questa mano tesa verso di noi è ormai il segno visibile della sua redenzione, della sua misericordia, del suo aiuto continuo. Occorre la luce speciale della fede, quella di cui Pietro fa difetto, per comprendere che la mano di Gesù è infinitamente più forte del vento che àgita le onde, di tutte le difficoltà o tentazioni che possono affliggerci. La stessa fede che può convincerci che Dio non è nel vento impetuoso, non è nel terremoto, ma nel mormorìo di un vento leggero: Egli si rivela essenzialmente nella pace profonda del suo amore infinito. Lo stesso amore che spinge l’apostolo Paolo a desiderare le pene peggiori pur di essere di giovamento per il suo popolo. Ancora una volta è la fede che interviene ed opera sapientemente nell’apostolo: “Passa la scena di questo mondo”. Resta l’inestimabile dono della divina adozione a figli come caparra di vittoria e di risurrezione finale. Quanto è urgente per tutti noi riscoprire l’inestimabile valore della preghiera, alimento indispensabile alla nostra fede, luce e lampada ai nostri passi verso la meta finale, capacità di discernere i valori per i quali dobbiamo spendere le energie migliori!(Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

acqua camminareSignore Gesù Tu sei il principio della creazione nuova; in Te ogni uomo si apre alla fiducia e alla speranza. Con questo spirito rivolgiamo al Padre le nostre preghiere. Ti affidiamo, o Signore le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. Ascolta, o Padre, la nostra preghiera e custodisci in noi i doni del Tuo Spirito; fà che ogni uomo conosca Te, unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo Tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

San Giovanni Berchmans

SAN GIOVANNI BERCHMANS

Sacerdote gesuita (1599 – 1621) 13 agosto

Primo dei cinque figli di un calzolaio, a causa di una grave malattia che aveva colpito la madre venne affidato alle cure di due zie e poi di un sacerdote. Lavorando riuscì a permettersi di studiare. Era amato da tutti per la sua pietà sincera, la schietta carità e l’allegria incessante. Patrono della gioventù studentesca.

Nacque il 12 marzo 1599 a Diest nelle Fiandre (Belgio), primogenito dei cinque figli di Giovanni Berchmans, calzolaio e conciatore di pelli, e di Elisabetta, figlia del borgomastro Adriano Van den Hove. Quando nel 1609 la madre fu colpita da una incurabile e lenta malattia, Giovanni venne affidato, insieme ai suoi fratelli, alle cure di due zie e, nell’ottobre, posto nel pensionato retto dal premostratense Pietro Van Emmerick, pio parroco della chiesa di N. Signora di Diest.

Avviatosi verso la vita ecclesiastica, iniziò gli studi latini nella Scuola Grande di Diest; ma nel 1612 il padre si vide costretto dalla situazione economica, a chiedere a Giovanni di abbandonare gli studi intrapresi e di imparare un mestiere; l’aiuto offerto poi da alcuni familiari rese possibile un’altra soluzione piú confacente alle doti e all’impegno del ragazzo.

A metà settembre 1612, Giovanni entrò infatti nella casa del canonico Froymont, a Malines, per continuare i suoi studi presso la Scuola Grande di questa città, ma serviva al tempo stesso come cameriere il Froymont e come istitutore alcuni giovanissimi ragazzi della nobiltà, convittori nella canonica. Avendo nel 1615 i Gesuiti aperto un collegio a Malines, Giovanni poté compiere sotto la loro direzione gli studi di retorica e divenne anche membro della Congregazione Mariana.

Provate alcune incertezze nei riguardi della forma concreta in cui attuare la sua vocazione sacerdotale, leggendo una biografia di s. Luigi Gonzaga, capí che Dio lo chiamava nella Compagnia di Gesú. Dovette tuttavia ancora superare la resistenza oppostagli dal padre, che sognava per lui una ricca prebenda vi riuscí in maniera cosí convincente che il padre stesso, dopo la morte della moglie, avvenuta nel 1616, abbracciò lo stato ecclesiastico e divenne sacerdote.

Conclusi gli studi umanistici in maniera brillante, Giovanni iniziò a Malines il noviziato sotto la direzione di A. Sucquet, autore della celebre opera Via Vitae Aeternae. I progressi spirituali furono cosí rapidi e sicuri che i superiori gli concessero di emettere, dopo un solo anno di noviziato, i tre voti perpetui detti “di devozione” e lo nominarono ianitor, ossia prefetto dei novizi, che erano allora piú di cento.

Poco dopo la fine del noviziato (24 settembre 1618) fu prescelto per essere inviato a Roma a fare i suoi studi filosofici al Collegio Romano, ove giunse il 2 gennaio 1619. Qui ebbe la fortuna di trovare nella persona di Virgilio Cepari – uno dei migliori scrittori spirituali di quel secolo – un eccellente direttore spirituale. Al termine degli studi filosofici, Giovanni fu incaricato di sostenere l’onorifico e solenne actus publicus, nello svolgimento del quale la chiarezza della sua intelligenza e la profondità delle sue conoscenze destarono grande ammirazione cosí come la sua modestia, umiltà e dolcezza.

Il rigido tenore di vita da lui seguito e il clima di Roma, poco confacentesi a lui, ne avevano però minato l’alquanto delicata salute; quando, il 7 agosto 1621, fu assalito da violente febbri, accompagnate da catarro intestinale e da infiammazione polmonare, i dottori disperarono di poterlo salvare e infatti egli spirò il 13 agosto 1621 dando esempio di una morte santissima.

Se Giovanni raggiunse nella breve durata della sua vita, svoltasi in circostanze del tutto ordinarie, le vette della santità canonizzata, ciò deve naturalmente essere ascritto innanzitutto alla grazia e provvidenza di Dio che—oltre ad avergli dato un temperamento felice, dei genitori cristiani esemplari e dei direttori spirituali di primo ordine—lo guidò manifestamente e lo colmò di grazie, fra le quali spicca il dono della piú perfetta castità.

Già un anno dopo la morte di Giovanni si fecero le prime indagini canoniche in Roma e in Belgio; i decreti di Urbano VIII (1625) e di Innocenzo XI (1678) in materia di processi e procedura e, poi, la soppressione della Compagnia di Gesú ritardarono lo svolgimento della causa. Quando essa fu riattivata nel 1830 i progressi furono rapidissimi: 5 giugno 1843, decreto sulla eroicità delle virtú; 9 maggio 1865, beatificazione; 27 novembre 1887, decreto detto del tuto; 15 gennaio 1888, solenne canonizzazione.

Il corpo del santo riposa nella chiesa di S.Ignazio a Roma, mentre il suo cuore è venerato nella chiesa dei padri gesuiti a Lovanio. La sua festa si celebre il 13 agosto, mentre la Compagnia di Gesù festeggia la memoria il 26 novembre. Insieme a s. Luigi Gonzaga, Giovanni è venerato come patrono della gioventù studentesca.

Fonte: http://www.santiebeati.it/dettaglio/66050

 

ALMANACCO DEL 12 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 12 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


serio6

MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 12 AGOSTO

Tu hai costruito male. Distruggi e ricostruisci bene (AdFP, 553)

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————-
 INDICE
MADONNA DI MACERETO2MADONNA DI MACERETO
Letture di sabato 12 agosto 2017
BEATO INNOCENZO XI
S. GIOVANNA FRANCESCA de CHANTAL
Beata Vittoria Diez y Bustos de Molina
TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE
Novena alla B. V. M. Assunta in Cielo
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE

 “… pregate in modo speciale per i giovani e le famiglie. …” 

(Tratto dal messaggio del 12 agosto 2005)

——————————————————————————-

MADONNA DI MACERETOMADONNA DI MACERETO

12 agosto 1359

Ancora una volta sono gli animali a farsi tramite nei desideri del cielo. In questo caso dei muli che trasportavano una statua della Madonna inginocchiatisi non vollero più ripartire nonostante i maltrattamenti loro inflitti

La storia e la nascita del santuario con un video su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-di-macereto/ 

—————————————————————————–

LETTURE DI SABATO

12 agosto 2017

XVIII Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“…«Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. .…”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-di-sabato-12-agosto-2017/

—————————————————————————

BEATO INNOCENZO XIcultura

Papa (1611-1689) 12 agosto 

Uomo di abitudini semplici e di natura generosa, fermo e sicuro nel combattere contro l’eresia e contro lo sfarzo e gli abusi del clero. Gli abitanti di Roma, pur avendolo prima osteggiato, avevano iniziato a venerarlo già subito dopo la morte

In briciole di luce la storia e un video d’epoca  su  http://biscobreak.altervista.org/2013/08/beato-innocenzo-xi/

————————————————————————–

S. GIOVANNA FRANCESCA de CHANTAL

Fondatrice (1572-1641) 12 agosto

San Francesco di Sales era il suo confessore, San Vincenzo de Paoli la definì “una delle anime più sante mai incontrate”.  Fatto sta che nonostante una vita realmente segnata dalla sofferenza e dalle crisi interiori ebbe la grazie di seguire i loro insegnamenti, creando  la congregazione della Visitazione della Vergine Maria.

In briciole di luce la storia e la video storia  su  http://biscobreak.altervista.org/2012/08/s-giovanna-francesca-de-chantal/

——————————————————————————-

B. VITTORIA DIEZ Y BUSTOS DE MOLINA

Vergine e martire (1903-1936) 12 agosto

Maestra uccisa durante la persecuzione spagnola per aver sostenuto la fede. Prima di essere uccisa esortò gli altri a fare altrettanto gridando: “Viva Cristo Re, e viva la Sua Madre. … Coraggio, vedo il cielo aperto”.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/beata-vittoria-diez-y-bustos-de-molina/

——————————————————————————

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE

kolbe_auschwitz

Dall’11 al 13 agosto 

1. O Dio, che hai infiammato di zelo per le anime e di carità per il prossimo san Massimiliano Maria, concedi a noi di lavorare intensamente per la tua gloria al servizio di ogni uomo, nostro fratello.

Gloria al Padre, Ave Maria

2. O Dio, che in san Massimiliano Maria, seguace fedelissimo del Poverello di Assisi, ci hai donato un apostolo della devozione alla Vergine Immacolata, donaci il coraggio di affidare a Lei i nostri corpi, i nostri cuori, le anime nostre, le nostre attività.

Gloria al Padre, Ave Maria

3. O Signore, Ti supplichiamo, perché sull’esempio di san Massimiliano Maria, impariamo a offrire per Te la nostra vita.

Gloria al Padre, Ave Maria

kolbeimm4. O Signore, Ti chiediamo che quel fuoco di carità che san Massimiliano Maria attinse dal Sacrificio Eucaristico, accenda anche i nostri cuori.

Gloria al Padre, Ave Maria

5. O Vergine Immacolata, Madre del Signore e Madre della Chiesa, ottienici di amarti, di servirti, di testimoniarti con una generosità e un ardore almeno pari a quello del tuo apostolo e martire san Massimiliano Maria.

Gloria al Padre, Ave Maria

O San Massimiliano Kolbe, prega per noi, aiutaci nella presente difficoltà, ottienici un grande amore verso la Vergine Immacolata, un amore ancor più grande del tuo.

Preghiamo:

O Dio, che hai infiammato di zelo per le anime e di carità per il prossimo San Massimiliano Maria, tuo sacerdote, martire e apostolo dell’Immacolata, concedi a noi, per sua intercessione, di lavorare intensamente per la tua gloria al servizio degli uomini, per rassomigliare anche alla morte al Figlio tuo. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen

*****************

Novena alla B.V.M. Assunta in Cielo

Iniziata il 6 agosto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

I. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste invitata dal vostro Signore al cielo.

Ave Maria piena di grazia il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del Tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

II. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste assunta dagli Angeli santi in cielo.

Ave Maria …

III. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui tutta la corte celeste vi venne incontro.

Ave Maria …

IV. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste ricevuta con tanto onore in cielo.

Ave Maria …

V. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale sedeste alla destra del vostro Figlio in cielo.

Ave Maria …

VI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste coronata con tanta gloria in cielo.

Ave Maria …

VII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui vi fu dato il titolo di Figlia, Madre e Sposa del Re del cielo.

Ave Maria …

VIII. Sia benedetta, Maria, l’ora nella quale foste riconosciuta Regina suprema di tutto il cielo.

Ave Maria …

43-Assunzione-Tiziano

IX. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale tutti gli Spiriti e Beati del cielo vi acclamarono.

Ave Maria …

X. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste costituita Avvocata nostra in cielo.

Ave Maria …

XI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale cominciaste a intercedere per noi in cielo.

Ave Maria …

XII. Sia benedetta. o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di riceverci tutti in cielo.

Ave Maria …

Preghiamo

O Dio, che volgendo lo sguardo all’umiltà della Vergine Maria l’hai innalzata alla sublime dignità di madre del tuo unico Figlio fatto uomo e oggi l’hai coronata di gloria incomparabile, fa’ che, inseriti nel mistero di salvezza, anche noi possiamo per sua intercessione giungere fino a te nella gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

*****************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di sabato 12 agosto 2017

LETTURE DI SABATO

12 agosto 2017

XVIII Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“…«Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. .…”

MADONNA DI MACERETOMADONNA DI MACERETO

12 agosto 1359 – Ancora una volta sono gli animali a farsi tramite nei desideri del cielo. In questo caso dei muli che trasportavano una statua della Madonna inginocchiatisi non vollero più ripartire nonostante i maltrattamenti loro inflitti

S. Giovanna Francesca de Chantal

B. Innocenzo XIcultura

Papa (1611-1689) 12 agosto – Uomo di abitudini semplici e di natura generosa, fermo e sicuro nel combattere contro l’eresia e contro lo sfarzo e gli abusi del clero. Gli abitanti di Roma, pur avendolo prima osteggiato, avevano iniziato a venerarlo già subito dopo la morte… In briciole di luce la storia e un video d’epoca.

O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. Sei tu il mio soccorso, la mia salvezza: Signore, non tardare.

PREGHIERA DEL MATTINO

Mostraci la tua continua benevolenza, o Padre, e assisti il tuo popolo, che ti riconosce suo pastore e guida; rinnova l’opera della tua creazione e custodisci ciò che hai rinnovato. Per Cristo nostro Signore. Amen

PRIMA LETTURA

Dt 6, 4-13 – Dal libro del Deuteronòmio

i-dieci-comandamenti

Mosè parlò al popolo dicendo: «Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, unico è il Signore. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forzeQuesti precetti che oggi ti do, ti stiano fissi nel cuore. Li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando ti troverai in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte. Quando il Signore, tuo Dio, ti avrà fatto entrare nella terra che ai tuoi padri Abramo, Isacco e Giacobbe aveva giurato di darti, con città grandi e belle che tu non hai edificato, case piene di ogni bene che tu non hai riempito, cisterne scavate ma non da te, vigne e oliveti che tu non hai piantato, quando avrai mangiato e ti sarai saziato, guàrdati dal dimenticare il Signore, che ti ha fatto uscire dalla terra d’Egitto, dalla condizione servile.
Temerai il Signore, tuo Dio, lo servirai e giurerai per il suo nome».C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.17

ti amo signore mia forzaRITTi amo, Signore, mia forza.

Ti amo, Signore, mia forza, Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore. RIT

Mio Dio, mia rupe, in cui mi rifugio; mio scudo, mia potente salvezza e mio baluardo. Invoco il Signore, degno di lode, e sarò salvato dai miei nemici. RIT

Viva il Signore e benedetta la mia roccia, sia esaltato il Dio della mia salvezza. Egli concede al suo re grandi vittorie, si mostra fedele al suo consacrato. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Il salvatore nostro Cristo Gesù ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita per mezzo del Vangelo.

Alleluia.

VANGELO

Mt 17, 14-19 – Dal Vangelo secondo Matteo

epilettico (1)In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo». E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me». Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito. Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

La forza della fede.

epilettico guarito da gesù

“Nulla è impossibile a Dio: egli è l’onnipotente, il suo stesso pensiero è in se creativo. A chi agisce nel suo nome viene dato il potere di compiere le sue stesse opere. Egli ha promesso: “In verità, in verità vi dico: chi crede in me farà anch’egli le opere che io faccio; anzi ne farà di più grandi di queste, perché io vado al Padre “. In questo contesto comprendiamo la delusione e l’amarezza di Gesù sentendo dire da un padre che implora la guarigione del figlio epilettico: “L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non hanno potuto guarirlo”. Deve costatare di avere a che fare con una generazione incredula e perversa e con discepoli ai quali deve dire di non aver potuto scacciare quel demonio: “Per la vostra poca fede“. È significativo che Gesù non chiede ai suoi e a noi una fede eroica, ma ci dice semplicemente: «Se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile». Dobbiamo ricordarci però che i doni di Dio, la fede è sicuramente uno dei più importanti, sono conservati in vasi di argilla e sono simili alle lampade delle vergini che attendono l’arrivo dello sposo nel cuore della notte: devono essere opportunamente alimentate e con prudenza bisogna conservare sempre una scorta di olio. Ciò significa concretamente: la pratica della vita cristiana, la frequenza ai sacramenti, le opere buone, la carità fraterna. Mosè nella prima lettura di oggi ci ricorda i precetti da vivere ed insegnare: “Tu amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze. Questi precetti che oggi ti dò, ti stiano fissi nel cuore; li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai”. Così quel granellino di fede potrà germogliare anche in ciascuno di noi.

PREGHIERA DELLA SERAvolto

O Dio, nostro rifugio e nostra forza, la vita dei santi ci fà sentire piccoli e incapaci. Ci sostenga la fiducia nell’amore ristoratore del Tuo Figlio Gesù, nel ricordo glorioso di san Domenico, fà che  illuminati dalla sua predicazione e sostenuti dalle  preghiere, raggiungiamo la piena comunione con Te. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. Amen.

 

Beata Vittoria Diez y Bustos de Molina

BEATA VITTORIA DIEZ Y BUSTOS DE MOLINA 

Vergine e martire (1903-1936) 12 agosto

Maestra uccisa durante la persecuzione spagnola per aver sostenuto la fede. Prima di essere uccisa esortò gli altri a fare altrettanto gridando: “Viva Cristo Re, e viva la Sua Madre. … Coraggio, vedo il cielo aperto”.

E’ figlia unica e, forse, un po’ soffocata dall’affetto di mamma e papà. E lei, nata a Siviglia l’11 novembre 1903, cresce con questi genitori iperprotettivi, preoccupati sempre per la gracilità della sua costituzione, interiormente divisa tra il senso del dovere verso la sua famiglia e un desiderio missionario che di anno in anno si fa più insistente. A prezzo di non pochi sacrifici i genitori, di condizione piuttosto modesta, riescono a farla studiare e lei si diploma maestra nel 1923.

Quasi contemporaneamente conosce la spiritualità di Santa Teresa d’Avila e ne resta affascinata; viene in contatto con l’Istituzione Teresiana e ne resta conquistata. Si tratta di un’associazione di laici, uomini e donne, che secondo le loro specifiche vocazioni, realizzano nei diversi campi educativi, culturali e professionali, la vocazione cristiana dei laici nel mondo “secondo lo stile dei primi cristiani”.

A fondarla è stato un sacerdote infiammato d’amore per le anime, don Pedro Poveda Castroverde (ora anch’egli elevato alla gloria degli altari). Lei, la maestrina che sta cercando una sede e sta facendo concorsi per poter insegnare, sente che l’ Istituzione Teresiana può rappresentare la realizzazione della sua vocazione missionaria perché le permette, pur restando nel mondo, di vivere il suo ruolo di insegnante e di donna impegnata con spirito evangelizzatore, aiutando gli altri a fare lo stesso.

Nel 1927 vince il suo primo concorso di insegnante e ottiene la prima sospirata nomina, ma deve trasferirsi a Cheles, un paesino dell’Estremadura, quasi al confine con il Portogallo, dove resta per un anno, in compagnia della mamma. L’anno successivo ottiene l’avvicinamento di sede e si trasferisce a Hornachuelos, a metà strada tra Cordova e Siviglia.

Il 1928 è anche l’anno della sua consacrazione al Signore nell’Istituzione Teresiana e questo avvenimento sembra mettere le ali al suo apostolato. Perché nel paese in cui ha ottenuto il trasferimento non c’è che da rimboccarsi le maniche e tuffarsi nel lavoro, senza cercare l’impossibile ma anche senza accontentarsi del poco che già esiste.

Così organizza e dà nuovo impulso all’Azione Cattolica, programma corsi serali per le donne lavoratrici, trova un nuovo locale per la sua scuola, instaura nuovi rapporti con le famiglie delle sue alunne e riesce a mettere in piedi una rete di sostegno e di aiuto concreto per quelle più bisognose, organizza il catechismo per i ragazzi della parrocchia, addirittura diventa presidente del Consiglio Comunale.

A livello personale sostiene il suo apostolato con una robusta vita di fede e con atti di squisita carità verso le alunne più bisognose, per le quali si priva addirittura del cibo che la mamma le procura. Così facendo è inevitabile che in paese rivesta un ruolo di primo piano e che, allo scoppio della guerra civile spagnola e della persecuzione religiosa contro la Chiesa Cattolica, finisca subito nell’occhio del ciclone.

La propaganda antireligiosa ingiunge la soppressione dalle aule scolastiche del crocifisso, che lei si porta a casa, e fa distribuire libri e opuscoli, che lei meticolosamente distrugge per evitare che influiscano negativamente sulla formazione morale e religiosa delle sue alunne.

Il 20 luglio 1936 viene assaltata la chiesa parrocchiale e arrestato il parroco; l’11 agosto tocca a lei essere imprigionata insieme ad altri in una casa adattata a carcere. All’alba del giorno dopo, legati a due a due, sono diciotto i condannati a morte che sfilano per il paese, scortati dai miliziani, in direzione della miniera ed è lei, unica donna del gruppo, a incitare e incoraggiare gli uomini, soprattutto quelli che tremano al pensiero della morte imminente.

Giunti alla miniera, dopo un processo-farsa, ciascun condannato è posizionato accanto alla bocca del pozzo e fucilato, in modo che il corpo vi cada direttamente dentro. L’ultima ad essere chiamata è lei, alla quale promettono l’immediata libertà se grida “Viva il comunismo”.

Basterebbe davvero poco per aver salva la vita, ma sarebbe un rinnegare la sua fede e insieme a questa, rinnegare tutta la sua vita e l’impegno apostolico fino ad allora profuso. Allora risponde nel solo modo che sa: “Dico quello che penso: Viva Cristo Re e viva la Madre miae le sue parole sono coperte dagli spari che la fanno scomparire insieme agli altri nel pozzo della miniera. Di lì la tireranno fuori a novembre per seppellirla nel cimitero del paese e trent’anni dopo la trasferiscono nella cripta dell’Istituzione Teresiana di Cordoba. La Chiesa riconosce in Vittoria Diez y Bustos de Molina una testimone della fede, la cui morte è avvenuta in “odium fidei” e Giovanni Paolo II° la proclama beata il 10 ottobre 1993.

Fonte: http://www.santiebeati.it/dettaglio/92553

 

ALMANACCO DELL’11 AGOSTO 2017

ALMANACCO DELL’11 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


giardinoMESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 11 AGOSTO

Se dobbiamo aver pazienza a sopportare le miserie altri, tanto più dobbiamo sopportare noi stessi.Nelle tue quotidiane infedeltà umiliati, umiliati, umiliati sempre. Quando Gesù ti vedrà umiliato fino a terra, ti stenderà la mano e penserà lui stesso ad attirarti fino a sé (AP).

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
REGINA DEL MONTE SANTO DI LUSSARI3REGINA DEL MONTE SANTO DI LUSSARI
Letture di venerdì 11 agosto 2017
SANTA CHIARA D’ASSISI
Santa Susanna di Roma
Guido Cenedella
TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE
Novena alla B. V. M. Assunta in Cielo
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE 

 “… pregate per la pace nel mondo, pregate per la pace nelle vostrefamiglie! …”/ “…rinunciare a qualcosa che vi è cara e ad offrirla come sacrificio.” 

(Tratto dal messaggio del 11 agosto 2006/1989)

——————————————————————————-

REGINA DEL MONTE SANTO DI LUSSARIREGINA DEL MONTE SANTO DI LUSSARI2

11 agosto

Le pecore sono le prime adoratrici di questa Madonnina con in braccio Gesù Bambino, trovata nel bel mezzo di un cespuglio. In una zona di incomparabile bellezza unisce il popolo slavo, italiano e tedesco.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/regina-del-monte-santo-di-lussari/ 

—————————————————————————–

LETTURE DI VENERDÌ

11 agosto 2017

SANTA CHIARA D’ASSISI

“… «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.…”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-di-venerdi-11-agosto-2017/

—————————————————————————

SANTA CHIARA D’ASSISIsanta_chiara

fondatrice delle Clarisse (ca. 1193-1253) 11 agosto

Colpita dalla predicazione di  san Francesco  divenne il suo modello al femminile. Conosciuta in tutto il mondo per aver fondato le Clarisse o “sorelle minori” è diventata anche la protettrice di tutti gli operatori televisivi grazie ad una visione che ebbe del presepe posto in chiesa, un giorno in cui, a causa della malattia, era costretta a letto.

In briciole di luce la storia, la video-storia, la preghiera e il film completo su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/santa-chiara-dassisi/

————————————————————————–

Santa Susanna di Romasusanna1

martire (IV sec.) 11 agosto

Figlia del presbitero Gabinio, fratello del vescovo Gaio e cugino dell’imperatore Diocleziano, fu chiesta per sposa del figlio dell’imperatore, Massimiano ma essendosi rifiutata, fu condannata a morte e decapitata nella sua stessa casa.

In briciole di luce la storia e il martirio su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/santa-susanna-di-roma/

—————————————————————————

GGUIDO CENEDELLAuido Cenedella

Giovane laico (1943 – 1966 ) 11 Agosto

Guido Cenedella è diviso tra la scelta della vita coniugale e l’opera missionaria. Non troverà pace fino a quando non si rende conto che può unire entrambe le sue più grandi aspirazioni. Ma Dio ancora una volta dimostra che la Sua volontà non sempre è la nostra.

La storia su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/guido-cenedella/

—————————————————————————–

TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE

kolbe immacolataInizio 11 Agosto

Se già a cavallo della seconda guerra mondiale Massimiliano Kolbe (1894-1941)  ebbe  l’impressione che l’Europa si stesse allontanando da Dio e che i diversi mezzi, sia antichi che moderni («letteratura, arte, teatro, cinema, moda…»)  contribuissero a questo processo di alienazione e indifferenza, cosa non direbbe ora… Oggi più che mai abbiamo davvero un grande bisogno della sua intercessione.

Su http://biscobreak.altervista.org/2014/08/triduo-san-massimiliano-kolbe/

——————————————————————————-

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

TRIDUO A SAN MASSIMILIANO KOLBE

Dall’11 al 13 agosto 

1. O Dio, che hai infiammato di zelo per le anime e di carità per il prossimo san Massimiliano Maria, concedi a noi di lavorare intensamente per la tua gloria al servizio di ogni uomo, nostro fratello.

Gloria al Padre, Ave Maria

2. O Dio, che in san Massimiliano Maria, seguace fedelissimo del Poverello di Assisi, ci hai donato un apostolo della devozione alla Vergine Immacolata, donaci il coraggio di affidare a Lei i nostri corpi, i nostri cuori, le anime nostre, le nostre attività.

Gloria al Padre, Ave Maria

3. O Signore, Ti supplichiamo, perché sull’esempio di san Massimiliano Maria, impariamo a offrire per Te la nostra vita.

Gloria al Padre, Ave Maria

kolbeimm4. O Signore, Ti chiediamo che quel fuoco di carità che san Massimiliano Maria attinse dal Sacrificio Eucaristico, accenda anche i nostri cuori.

Gloria al Padre, Ave Maria

5. O Vergine Immacolata, Madre del Signore e Madre della Chiesa, ottienici di amarti, di servirti, di testimoniarti con una generosità e un ardore almeno pari a quello del tuo apostolo e martire san Massimiliano Maria.

Gloria al Padre, Ave Maria

O San Massimiliano Kolbe, prega per noi, aiutaci nella presente difficoltà, ottienici un grande amore verso la Vergine Immacolata, un amore ancor più grande del tuo.

Preghiamo:

O Dio, che hai infiammato di zelo per le anime e di carità per il prossimo San Massimiliano Maria, tuo sacerdote, martire e apostolo dell’Immacolata, concedi a noi, per sua intercessione, di lavorare intensamente per la tua gloria al servizio degli uomini, per rassomigliare anche alla morte al Figlio tuo. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen

*****************

Novena alla B.V.M. Assunta in Cielo

Iniziata il 6 agosto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

assunta

I. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste invitata dal vostro Signore al cielo.

Ave Maria piena di grazia il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del Tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

II. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste assunta dagli Angeli santi in cielo.

Ave Maria …

III. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui tutta la corte celeste vi venne incontro.

Ave Maria …

IV. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste ricevuta con tanto onore in cielo.

Ave Maria …

V. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale sedeste alla destra del vostro Figlio in cielo.

Ave Maria …

VI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste coronata con tanta gloria in cielo.

Ave Maria …

VII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui vi fu dato il titolo di Figlia, Madre e Sposa del Re del cielo.

Ave Maria …

VIII. Sia benedetta, Maria, l’ora nella quale foste riconosciuta Regina suprema di tutto il cielo.

Ave Maria …

43-Assunzione-Tiziano

IX. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale tutti gli Spiriti e Beati del cielo vi acclamarono.

Ave Maria …

X. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste costituita Avvocata nostra in cielo.

Ave Maria …

XI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale cominciaste a intercedere per noi in cielo.

Ave Maria …

XII. Sia benedetta. o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di riceverci tutti in cielo.

Ave Maria …

Preghiamo

O Dio, che volgendo lo sguardo all’umiltà della Vergine Maria l’hai innalzata alla sublime dignità di madre del tuo unico Figlio fatto uomo e oggi l’hai coronata di gloria incomparabile, fa’ che, inseriti nel mistero di salvezza, anche noi possiamo per sua intercessione giungere fino a te nella gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

*****************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di venerdì 11 agosto 2017

LETTURE DI VENERDÌ

11 agosto 2017

SANTA CHIARA D’ASSISI

La storia, la video-storia, la preghiera e il film completo.

“… «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.…”

REGINA DEL MONTE SANTO DI LUSSARIREGINA DEL MONTE SANTO DI LUSSARI2

11 agosto – Le pecore sono le prime adoratrici di questa Madonnina con in braccio Gesù Bambino, trovata nel bel mezzo di un cespuglio. In una zona di incomparabile bellezza unisce il popolo slavo, italiano e tedesco.

Santa Susanna di Romasusanna1

martire (IV sec.) 11 agosto – Figlia del presbitero Gabinio, fratello del vescovo Gaio e cugino dell’imperatore Diocleziano, fu chiesta per sposa del figlio dell’imperatore, Massimiano ma essendosi rifiutata, fu condannata a morte e decapitata nella sua stessa casa.

Vieni, sposa di Cristo, ricevi la corona, che il Signore ti ha preparato per la vita eterna.

PREGHIERA DEL MATTINO

Dio misericordioso, che hai ispirato a santa Chiara un ardente amore per la povertà evangelica, per sua intercessione concedi anche a noi di seguire Cristo povero e umile, per godere della Tua visione nella perfetta letizia del Tuo regno. Per Cristo nostro Signore. Amen

PRIMA LETTURA

Dt 4,32-40 – Dal libro del Deuteronòmio

Mosè parlò al popolo dicendo: «Interroga pure i tempi antichi, che furono prima di te: dal giorno in cui Dio creò l’uomo sulla terra e da un’estremità all’altra dei cieli, vi fu mai cosa grande come questa e si udì mai cosa simile a questa? Che cioè un popolo abbia udito la voce di Dio parlare dal fuoco, come l’hai udita tu, e che rimanesse vivo? O ha mai tentato un dio di andare a scegliersi una nazione in mezzo a un’altra con prove, segni, prodigi e battaglie, con mano potente e braccio teso e grandi terrori, come fece per voi il Signore, vostro Dio, in Egitto, sotto i tuoi occhi? Tu sei stato fatto spettatore di queste cose, perché tu sappia che il Signore è Dio e che non ve n’è altri fuori di lui. Dal cielo ti ha fatto udire la sua voce per educarti; sulla terra ti ha mostrato il suo grande fuoco e tu hai udito le sue parole che venivano dal fuoco. Poiché ha amato i tuoi padri, ha scelto la loro discendenza dopo di loro e ti ha fatto uscire dall’Egitto con la sua presenza e con la sua grande potenza, scacciando dinanzi a te nazioni più grandi e più potenti di te, facendoti entrare nella loro terra e dandotene il possesso, com’è oggi. Sappi dunque oggi e medita bene nel tuo cuore che il Signore è Dio lassù nei cieli e quaggiù sulla terra: non ve n’è altro. Osserva dunque le sue leggi e i suoi comandi che oggi ti do, perché sia felice tu e i tuoi figli dopo di te e perché tu resti a lungo nel paese che il Signore, tuo Dio, ti dà per sempre».

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.76

RIT: Ricordo i prodigi del Signore.

LODERicordo i prodigi del Signore, sì, ricordo le tue meraviglie di un tempo. Vado considerando le tue opere, medito tutte le tue prodezze. RIT

O Dio, santa è la tua via; quale dio è grande come il nostro Dio?
Tu sei il Dio che opera meraviglie, manifesti la tua forza fra i popoli. RIT

Hai riscattato il tuo popolo con il tuo braccio, i figli di Giacobbe e di Giuseppe. Guidasti come un gregge il tuo popolo per mano di Mosè e di Aronne. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.

Alleluia.

VANGELO

Mt 16, 24-28 Dal Vangelo secondo Matteo

croce1In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Qual vantaggio infatti avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima? O che cosa l’uomo potrà dare in cambio della propria anima? Poiché il Figlio dell’uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e renderà a ciascuno secondo le sue azioni. In verità vi dico: vi sono alcuni tra i presenti che non morranno finché non vedranno il Figlio dell’uomo venire nel suo regno».
C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

Pietro e gli altri undici avevano appena raggiunto la vetta spirituale che consiste nel riconoscere la filiazione divina, quando Gesù cominciò a darsi pena di ricordare loro che l’essere un vero discepolo implicava un reale sacrificio personale per il raggiungimento della beatitudine promessa. Seguire Gesù, in vista della gloria futura, La crocesignifica innanzi tutto seguirlo nella sua umiliazione, perché “un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più del suo padrone”. A causa del peccato di Adamo e di Eva, che ha portato nel mondo la morte e l’infelicità, non è possibile a noi, loro discendenti, seguire la verità e la giustizia nella nostra vita, senza dover affrontare e vincere nella nostra persona le forze del male dirette contro di noi. Ognuno dovrà inevitabilmente soffrire, sia pure in misura ridotta, ciò che Gesù stesso ha sofferto. È proprio questo che voleva far capire dicendo: “Chi perderà la propria vita, per causa mia, la troverà”. Non possiamo evitare né rimandare questa lotta dolorosa, perché chi farà così finirà per perdere la vita, volendo salvarla. La mia stessa vita, la mia persona: ecco cosa devo offrire al Signore! E certo perderò la mia vita e il mio Dio, candidandomi all’inferno, se mi lascerò spingere a preferire la ricchezza effimera di questo mondo in cambio della mia anima. Salvami, Signore, da un tale destino! ((Tratto da LaChiesa.it)

PREGHIERA DELLA SERA

SANTA CHIARA.1Dio ricco di grazia e misericordia, che sull’esempio di Francesco hai ispirato a santa Chiara una vita di totale amore per Te, concedi anche a noi, per sua intercessione, di ricercare il solo necessario. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. Amen

 

ALMANACCO DEL 10 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 10 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


quotidiano6MESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 10 AGOSTO

In questo mondo nessuno di noi merita nulla; è il Signore che è benevolo nei nostri confronti, ed è la sua infinita bontà che concede, perché tutto perdona (CE, 47).

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
 Madonna delle RoccheNOSTRA SIGNORA DELLE ROCCE
Nostra Signora di La Peña
Letture di giovedì 10 agosto 2017
SAN LORENZO
Beato Francesco Drzewiecki
LA MISTERIOSA NOTTE DI SAN LORENZO
TRIDUO A SANTA CHIARA
Novena alla B. V. M. Assunta in Cielo
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE 

“… pregate per i sacerdoti. …” 

(Tratto dal messaggio del 10 agosto 2002)

——————————————————————————-

Madonna delle RoccheNOSTRA SIGNORA DELLE ROCCE

Molare (Alessandria – Italia) 10 agosto

Una dolce e bella signora che chiede un pezzo di pane palesandosi poi come la Vergine Maria. Uno storpio che con fede vuole crede all’apparizione per riacquistare la sanità e proprio in virtù di questa l’acquisterà dando a tutto il paese un bellissimo santuario

In articoli vari la storia dell’apparizione su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/nostra-signora-delle-rocche/

————————————————————————–

NOSTRA SIGNORA DI LA PEÑAvirgen_pena_bogota

Bogotà (Colombia) 10 Agosto

La Chiesa della Madonna della Roccia, dichiarato un monumento nazionale, ospita al suo interno l’immagine miracolosa e venerata della Virgen de la Peña a cui il santuario è stato consacrato. L’immagine è stata trovata su di una roccia in un punto in cui sarebbe stato impossibile a quel tempo fermarsi a dipingerla senza cadere.

La storia e il video su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/nostra-signora-di-la-pena/

—————————————————————————–

LETTURE DI GIOVEDÌ

10 agosto 2017

SAN LORENZO

“…se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. …”

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-di-giovedi-10-agosto-2017/

—————————————————————————

SAN LORENZO

san_lorenzo_caravaggio_446159620martire (258) 10 agosto

Lorenzo è uno dei santi più celebrati nella storia della Chiesa. La sua fama straordinaria è dovuta principalmente ai racconti fantastici che combinano in maniera originale ironia sacra (o impertinenza) e miracolo, come nel Fabliaux e nelle Gesta Romanorum, e al suo emblema, la griglia sulla quale pare sia stato bruciato (senza soffrire, per grazia divina ottenuta dalla sua profonda fede).

In briciole di luce la storia e la video-storia  su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/san-lorenzo-martire/

————————————————————————–

Beato Francesco DrzewieckiBEATO FRANCESCO DRZEWIECKI

Sacerdote orionino, martire (1908 – 1942) 10 agosto

Adolescente nel seminario di Zdunska Wola nella Piccola Opera della Divina Provvidenza di san Luigi Orionesacerdote quando l’occupazione nazista in Polonia divenne persecuzione religiosa fu portato a Dachau. Dopo due anni di stenti, privazioni, lavori forzati e nobile presenza umana e religiosa, fu eliminato perché «invalido a lavorare». 

La storia, il martirio e la preghiera su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/beato-francesco-drzewiecki/

—————————————————————————-

LA MISTERIOSA NOTTE notte di san lorenzo

DI SAN LORENZO10 agosto

C’è chi le chiama lacrime di San Lorenzo, chi fuochi, chi bagni, e c’è chi come il grande poeta Giovanni Pascoli ci ha persino dedicato una poesia. Ovunque coppie di innamorati e non, si metteranno con il naso in su. Vediamo un po’ il perchè!

L’artico su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/la-misteriosa-notte/

——————————————————————————-

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

TRIDUO A SANTA CHIARA

O Serafica Santa Chiara, prima discepo­la del Poverello d’Assisi, che abbandonasti ricchezze ed onori per una vita di sacrificio e di altissima povertà, ottienici da Dio con la grazia che implo­riamo (…) di essere sempre sottomessi al divino volere e fidu­ciosi nella provvidenza del Padre.

Pater, Ave, Gloria

S.-Chiara.O Serafica Santa Chiara, che pur vivendo segregata dal mondo non dimenticasti i poveri e gli afflitti, ma ti facesti loro madre sacrificando per essi le tue ricchezze e compiendo molti miracoli in loro favore, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (…), la carità cristiana verso i nostri fratelli biso­gnosi, in tutte le necessità spirituali e materiali.

Pater, Ave, Gloria

O Serafica Santa Chiara, luce della nostra patria, che liberasti la tua città dai barbari devastatori, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (…), di vincere le insidie del mondo contro la fede e la morale conservando nelle nostre famiglie la vera pace cristiana con il santo timore di Dio e la devozione al Santissimo Sacramento dell’ altare.

Pater, Ave, Gloria.

*****************

Novena alla B.V.M. Assunta in Cielo

Iniziata il 6 agosto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

I. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste invitata dal vostro Signore al cielo.

Ave Maria piena di grazia il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del Tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

II. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste assunta dagli Angeli santi in cielo.

Ave Maria …

assuntaIII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui tutta la corte celeste vi venne incontro.

Ave Maria …

IV. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste ricevuta con tanto onore in cielo.

Ave Maria …

V. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale sedeste alla destra del vostro Figlio in cielo.

Ave Maria …

VI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste coronata con tanta gloria in cielo.

Ave Maria …

VII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui vi fu dato il titolo di Figlia, Madre e Sposa del Re del cielo.

Ave Maria …

VIII. Sia benedetta, Maria, l’ora nella quale foste riconosciuta Regina suprema di tutto il cielo.

Ave Maria …

43-Assunzione-Tiziano

IX. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale tutti gli Spiriti e Beati del cielo vi acclamarono.

Ave Maria …

X. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste costituita Avvocata nostra in cielo.

Ave Maria …

XI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale cominciaste a intercedere per noi in cielo.

Ave Maria …

XII. Sia benedetta. o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di riceverci tutti in cielo.

Ave Maria …

Preghiamo

O Dio, che volgendo lo sguardo all’umiltà della Vergine Maria l’hai innalzata alla sublime dignità di madre del tuo unico Figlio fatto uomo e oggi l’hai coronata di gloria incomparabile, fa’ che, inseriti nel mistero di salvezza, anche noi possiamo per sua intercessione giungere fino a te nella gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

*****************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.

Letture di giovedì 10 agosto 2017

LETTURE DI GIOVEDÌ

10 agosto 2017

SAN LORENZO

“…se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. …”

Madonna delle RoccheNOSTRA SIGNORA DELLE ROCCE

Molare (Alessandria – Italia) 10 agosto – Una dolce e bella signora che chiede un pezzo di pane palesandosi poi come la Vergine Maria. Uno storpio che con fede vuole crede all’apparizione per riacquistare la sanità e proprio in virtù di questa l’acquisterà dando a tutto il paese un bellissimo santuario…In articoli vari la storia dell’apparizione.

Nostra Signora di La Peña

Beato Francesco DrzewieckiBEATO FRANCESCO DRZEWIECKI

Sacerdote orionino, martire (1908 – 1942) 10 agosto – Adolescente nel seminario di Zdunska Wola nella Piccola Opera della Divina Provvidenza di san Luigi Orione e sacerdote quando l’occupazione nazista in Polonia divenne persecuzione religiosa fu portato a Dachau. Dopo due anni di stenti, privazioni, lavori forzati e nobile presenza umana e religiosa, fu eliminato perché «invalido a lavorare». La storia, il martirio e la preghiera.

“Questi è il diacono San Lorenzo, che diede la sua vita per la Chiesa: egli meritò la corona del martirio, per raggiungere in letizia il Signore Gesù Cristo.”

PREGHIERA DEL MATTINO

O Dio, che hai comunicato l’ardore della Tua carità al diacono san Lorenzo e lo hai reso fedele nel ministero e glorioso nel martirio, fà che il Tuo popolo segua i suoi insegnamenti e lo imiti nell’amore di Cristo e dei fratelli. Per Cristo nostro Signore. Amen

PRIMA LETTURA

2 Cor 9, 6-10 – Dalla seconda lettera di San Paolo apostolo ai Corìnzi

il-seminatore

Fratelli, tenete presente questo: chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà e chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà. Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia. Del resto, Dio ha potere di far abbondare in voi ogni grazia perché, avendo sempre il necessario in tutto, possiate compiere generosamente tutte le opere di bene. Sta scritto infatti: «Ha largheggiato, ha dato ai poveri, la sua giustizia dura in eterno». Colui che dà il seme al seminatore e il pane per il nutrimento, darà e moltiplicherà anche la vostra semente e farà crescere i frutti della vostra giustizia.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal 111

Beato l'uomo che teme il SignoreRITBeato l’uomo che teme il Signore.

Beato l’uomo che teme il Signore e nei suoi precetti trova grande gioia. Potente sulla terra sarà la sua stirpe, la discendenza degli uomini retti sarà benedetta. RIT

Felice l’uomo pietoso che dà in prestito, amministra i suoi beni con giustizia. Egli non vacillerà in eterno: eterno sarà il ricordo del giusto. RIT

Egli dona largamente ai poveri, la sua giustizia rimane per sempre, la sua fronte s’innalza nella gloria. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita, dice il Signore.

Alleluia.

VANGELO

Gv 12, 24-26 – Dal Vangelo secondo Giovanni

pianta,-germoglio-193186

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

Se il chicco di grano caduto in terra non muore…

La figura di un martire così lontano da noi crea non pochi problemi. Alle già scarse notizie si aggiunga che il suo ricordo si è sedimentato in tradizioni che ne offuscano la veridicità storica. È come se celebrassimo un personaggio mitologico che poco o niente ha a che fare con la fede. È solo la Parola di Dio che può dare spessore a questi santi, ormai messi nel dimenticatoio se non fosse per i vari onomastici che vi si celebrano. […] Il celebrare i martiri ha senso in quanto in essi celebriamo tutti quei cristiani che nella vita testimoniano Cristo attraverso i piccoli ma altrettanto dolorosi martirii quotidiani. Insieme a san Lorenzo ricordiamo i genitori che soffrono per i loro figli senza perdere la speranza in Dio, coloro che sono oppressi dalla malattia e sanno fare del loro dolore una fonte positiva di bene, tutti coloro che pur vivendo situazioni disagiate economiche, fisiche e morali sanno mantenere viva la loro fede. Non è forse anche questo martirio? E se vissuto in unione alle sofferenze di Cristo non diventa servizio a favore di tutti i fratelli? “Se il chicco di grano caduto in terra non muore rimane solo, se muore porta molto frutto…”. (Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

preghiera (3)Padre santo, che hai dato al diacono Lorenzo la forza di proclamarti unico Dio e Signore, accogli le nostre preghiere, perchè anche noi confermiamo con la vita, la fede che professiamo con la bocca. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. Amen

 

ALMANACCO DEL 9 AGOSTO 2017

ALMANACCO DEL 9 AGOSTO 2017

Le pubblicazioni del calendario religioso di Maria Regina dell’Universo


stigmateMESSAGGIO DI P. PIO

PER IL 9 AGOSTO

La vera umiltà del cuore è quella sentita e vissuta più che mostrata. Bisogna umiliarsi sempre davanti a Dio, ma non con quella umiltà falsa che porta allo scoraggiamento, generando sconforto e disperazione. Dobbiamo avere un basso concetto di noi stessi. Crederci inferiori a tutti. Non anteporre il proprio utile a quello degli altri (AP).

Tratto da “Buona Giornata ” – Edizioni Padre Pio da Pietrelcina

———————————————————————–
 INDICE
Madonna di Nagasaki prima dell'atomicaMADONNA DI NAGASAKI
Letture di mercoledì 9 agosto 2017
S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Beato Francesco Jagerstatter
Il Rosario fa scudo all’Atomica
TRIDUO A SANTA CHIARA
Novena alla B. V. M. Assunta in Cielo
ROSARIO A DIO PADRE

———————————

IL MESSAGGIO DELLA REGINA DELLA PACE 

“ Cari figli. Pregate perché satana desidera ancora intralciare i miei piani. …” 

(Tratto dal messaggio del 9 agosto 1984)

——————————————————————————-

MADONNA DI NAGASAKIMadonna di Nagasaki

La Madonna Bombardata

9 agosto 1945

Si tratta del capo della Vergine, ritrovato sotto le macerie della cattedrale di Urakami a Nagasaki, o meglio, quanto è rimasto del bellissimo simulacro della Madonna Immacolatadopo l’esplosione della bomba atomica lanciata il 9 agosto 1945. Si dice che fosse stata donata alla Cattedrale di Urakami, da S. Massimiliano Kolbenel 1930, durante la sua missione in Giappone.

La miracolosa storia su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/madonna-di-nagasaki/

—————————————————————————–

LETTURE DI MERCOLEDÌ

9 agosto 2017

S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE

“… Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora». …

La preghiera del mattino e della sera, le letture e il commento su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/letture-di-mercoledi-9-agosto-2017/

—————————————————————————

S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCEedith stein1

 (Edith Stein) 

Carmelitana martire e patrona d’Europa ( 1891 – 1942) 9 agosto

Figlia di ebrei convinti dall’età di 15 anni decide di non pregare più. Dirà in seguito: «La ricerca della verità era la mia sola preghiera». Arriva alla conversione con il ragionamento filosofico e comprenderà suo malgrado che il destino del suo popolo era anche il suo.

La storia, la video-storia, una parte del film e il film completo su http://biscobreak.altervista.org/2013/08/santa-teresa-benedetta-della-croce/

—————————————————————————–

BEATO FRANCESCO JAGERSTATTER

Laico, martire (1907 – 1943) 9 agosto

C’è un beato che deve la sua felice collocazione in Paradiso, oltre che alla grazia di Dio, anche alla propria moglie. E non, si badi bene, in virtù del luogo comune secondo cui tutte le donne fanno guadagnare il paradiso ai rispettivi mariti, ma perchè “quella” donna è riuscita a trasformare il “suo” uomo da un cristiano qualsiasi (e neppure tanto fervente) in un martire.

La storia del contadino che disse no a Hitler su http://biscobreak.altervista.org/2017/08/beato-francesco-jagerstatter/

——————————————————————————

IL ROSARIO FA SCUDO ALL’ATOMICA

mani-rosarioFu nel 1945 che fu sganciata la bomba atomica su Hiroshima. La piccola comunità di gesuiti, situata in una canonica distante solo 8 isolati dallo scoppio della bombarimase miracolosamente illesa insieme alla casa, mentre non scampò alcuna persona nel raggio di un chilometro e mezzo. Anche un buddista grazie alla Madonna di Fatima ebbe lo stesso miracolo che lo convertì.

Le testimonianze che hanno fatto scudo all’orrore dell’atomica, lasciando illesi i protagonisti su http://biscobreak.altervista.org/2016/08/il-rosario-fa-scudo-allatomica/ 

——————————————————————————-

PREGHIERE E PROPOSTE IN CORSO

TRIDUO A SANTA CHIARA

O Serafica Santa Chiara, prima discepo­la del Poverello d’Assisi, che abbandonasti ricchezze ed onori per una vita di sacrificio e di altissima povertà, ottienici da Dio con la grazia che implo­riamo (…) di essere sempre sottomessi al divino volere e fidu­ciosi nella provvidenza del Padre.

Pater, Ave, Gloria

S.-Chiara.O Serafica Santa Chiara, che pur vivendo segregata dal mondo non dimenticasti i poveri e gli afflitti, ma ti facesti loro madre sacrificando per essi le tue ricchezze e compiendo molti miracoli in loro favore, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (…), la carità cristiana verso i nostri fratelli biso­gnosi, in tutte le necessità spirituali e materiali.

Pater, Ave, Gloria

O Serafica Santa Chiara, luce della nostra patria, che liberasti la tua città dai barbari devastatori, ottienici da Dio, con la grazia che imploriamo (…), di vincere le insidie del mondo contro la fede e la morale conservando nelle nostre famiglie la vera pace cristiana con il santo timore di Dio e la devozione al Santissimo Sacramento dell’ altare.

Pater, Ave, Gloria.

*****************

Novena alla B.V.M. Assunta in Cielo

Iniziata il 6 agosto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

I. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste invitata dal vostro Signore al cielo.

Ave Maria piena di grazia il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del Tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

II. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste assunta dagli Angeli santi in cielo.

Ave Maria …

assuntaIII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui tutta la corte celeste vi venne incontro.

Ave Maria …

IV. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste ricevuta con tanto onore in cielo.

Ave Maria …

V. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale sedeste alla destra del vostro Figlio in cielo.

Ave Maria …

VI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste coronata con tanta gloria in cielo.

Ave Maria …

VII. Sia benedetta, o Maria, l’ora in cui vi fu dato il titolo di Figlia, Madre e Sposa del Re del cielo.

Ave Maria …

VIII. Sia benedetta, Maria, l’ora nella quale foste riconosciuta Regina suprema di tutto il cielo.

Ave Maria …

43-Assunzione-Tiziano

IX. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale tutti gli Spiriti e Beati del cielo vi acclamarono.

Ave Maria …

X. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale foste costituita Avvocata nostra in cielo.

Ave Maria …

XI. Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale cominciaste a intercedere per noi in cielo.

Ave Maria …

XII. Sia benedetta. o Maria, l’ora nella quale vi degnerete di riceverci tutti in cielo.

Ave Maria …

Preghiamo

O Dio, che volgendo lo sguardo all’umiltà della Vergine Maria l’hai innalzata alla sublime dignità di madre del tuo unico Figlio fatto uomo e oggi l’hai coronata di gloria incomparabile, fa’ che, inseriti nel mistero di salvezza, anche noi possiamo per sua intercessione giungere fino a te nella gloria del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

*****************

ROSARIO A DIO PADRE

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

O Dio vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

CREDOpreghiera

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

PRIMO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nel giardino dell’Eden quando, dopo il peccato di Adamo ed Eva, promette la venuta del Salvatore.

serpente nel paradiso terrestre«Il Signore Dio disse al serpente: “poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche, sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno”». (Gen. 3,14-15)

Ave Maria

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne E benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

10 Padre Nostro

Padre nostro, che sei nei cieli,sia santificato il tuo nome,venga il tuo regno,sia fatta la tua volontà,come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano,e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,e non ci indurre in tentazione,ma liberaci dal male. Amen.

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla pietà celeste. Amen.

SECONDO MISTERO:

4annunciazione7Si contempla il trionfo del Padre al momento del “Fiat” di Maria durante l’Annunciazione. 

«L’Angelo disse a Maria: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto“». (Lc 1, 30 ss,)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

TERZO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre nell’orto del Getsemani quando dona getsemani1tutta la sua potenza al Figlio.

«Gesù pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all’angoscia, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. (Lc 22,42-44).

«Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: “Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo; ecco, colui che mi tradisce si avvicina». (Mt. 26,45-46). «Gesù si fece innanzi e disse loro: “Chi cercate?” Gli risposero: “Gesù il Nazareno“. Disse loro Gesù: “IO SONO!” Appena disse “IO SONO!” indietreggiarono e caddero a terra». (Gv 18, 4-6).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUARTO MISTERO:

il_figlio_prodigo[1]Si contempla il trionfo del Padre al momento di ogni giudizio particolare.

«Quando era allora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Disse poi ai servi: “presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l’anello al dito e i calzari ai piedi e facciamo festa questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”». (Lc 15,20. 22-24)

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

QUINTO MISTERO:

Si contempla il trionfo del Padre al momento del giudizio universale.

paradiso«Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono: “Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo ed egli sarà il “Dio-con-loro”. E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate“». (Ap. 21, 1-4).

Ave Maria

10 Padre Nostro

Gloria al Padre

«Padre mio, Padre buono, a te mi offro, a te mi dono.»

Angelo di Dio

SALVE REGINA

Salve, Regina madre di misericordia, vita dolcezza speranza nostra salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva a Te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

LITANIE DEL PADRE

dio_padre (2)Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, pietà – Cristo, pietà

Signore, pietà – Signore, pietà

Cristo, ascoltaci – Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici – Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio – abbi pietà di noi

Santa Trinità Unico Dio – abbi pietà di noi

Padre creatore e sostegno del mondo, – abbi pietà di noi

Padre sapienza eterna, – abbi pietà di noi

Padre, bontà infinita, – abbi pietà di noi

Padre,provvidenza ineffabile, – abbi pietà di noi 

Padre,sorgente di ogni cosa, – abbi pietà di noi 

Padre, santissimo, – abbi pietà di noiDio padre1

Padre, dolcissimo, – abbi pietà di noi

Padre, d’infinita misericordia, – abbi pietà di noi

Padre, nostro difensore, – abbi pietà di noi

Padre, nostra gioia e nostra gloria, – abbi pietà di noi

Padre, ricco di bontà per tutte le creature, – abbi pietà di noi

Padre, splendore per la chiesa, – abbi pietà di noi

Padre, speranza dei cristiani, – abbi pietà di noi

Padre, distruzione degli idoli, – abbi pietà di noi

Padre, saggezza dei capi, – abbi pietà di noi

Padre, regalità dei sovrani – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei popoli – abbi pietà di noi

Padre, gioia dei sacerdoti  – abbi pietà di noi

Padre, guida degli uomini  – abbi pietà di noi

Padre, dono della vita di famiglia – abbi pietà di noi

Padre, aiuto dei miseri – abbi pietà di noidiopadre

Padre, letizia dei poveri – abbi pietà di noi

Padre, guida dei giovani – abbi pietà di noi

Padre, amico dei piccoli, – abbi pietà di noi

Padre, libertà degli schiavi, – abbi pietà di noi

Padre, luce di coloro che sono nelle tenebre, – abbi pietà di noi

Padre, ricompensa degli umili, – abbi pietà di noi

Padre, lume dei giusti, – abbi pietà di noi

Padre, riposo nelle tribolazioni – abbi pietà di noi

Padre, speranza nella desolazione – abbi pietà di noi

Padre, rifugio di salvezza per i disperati  – abbi pietà di noi

Padre, consolazione dei poveri  – abbi pietà di noi

Padre, salvezza nei pericoli – abbi pietà di noi

Padre, pace e protezione dei perseguitati per la giustizia – abbi pietà di noi

Padre, consolazione degli afflitti – abbi pietà di noi

Padre, provvidenza degli orfani – abbi pietà di noi

Padre, forza degli anziani, – abbi pietà di noi

Padre, sostegno dei moribondi, – abbi pietà di noi

Padre, che ci disseti nella nostra povertà – abbi pietà di noi

Padre, vita dei morti – abbi pietà di noi

Padre, gloria dei santi – abbi pietà di noi

dio padre1Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – perdonaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – ascoltaci Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo – Abbi pietà di noi

PREGHIAMO

Padre, infinitamente buono e misericordioso, estendi il Tuo Regno d’Amore nel cuore di tutti gli uomini, per la Tua gioia e la loro felicità; e perché Tu sia conosciuto, amato ed onorato da tutti i Tuoi figli, conservi le nostre famiglie unite nella Tua Pace. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, Tuo Figlio Nostro Signore, e nostro Dio, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

Pater, Ave, Gloria per il Papa

PREGHIERA AL PADREdio padre

Padre, la terra ha bisogno di Te; l’uomo, ogni uomo, ha bisogno di Te; l’aria pesante e inquinata ha bisogno di Te. Ti preghiamo Padre, torna a camminare per le strade del mondo, torna a vivere in mezzo ai Tuoi figli, torna a governare le nazioni, torna a portare la pace e con essa la giustizia, torna a far brillare il fuoco dell’amore perché redenti dal dolore, possiamo divenire nuove creature.