Crea sito

L’amicizia nei messaggi di Medjugorje

L’AMICIZIA NEI MESSAGGI DI MEDJUGORJE

30 luglio – giornata mondiale dell’amicizia

Forse non tutti hanno notato che nei messaggi della Regina della Pace si è fatto uso più volte del termine amicizia e amici. Questo perché si tratta di un messaggio prima di tutto evangelico e di un rapporto fondamentale nella vita di ogni uomo. Non possiamo dimenticare le Sue parole: “…Voi siete miei amici…Io ho scelto voi …”.

Messaggio di Medjugorje, 25 giugno 1997

“… Aprite il vostro cuore e date del tempo al Signore, che Lui sia il vostro amico. Quando si crea una vera amicizia con Dio, nessuna tempesta può distruggerla. … ”

Dunque la Regina della Pace ci invita a credere sinceramente in un rapporto stretto con Dio, che ci era già stata confermata da Nostro Signore nel Vangelo di Giovanni:

 13Nessuno ha un amore più grande  di questo: dare la vita per i propri amici.14Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. 15Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi16Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda.”(Gv. 15, 13-16)

Dunque, se Cristo ci ha scelti come amici per insegnarci e guidarci meglio al Padre, dobbiamo credere in questo rapporto così importante e serio. Gesù è l’amico per eccellenza, quello vero e sincero che non ci volterà mai le spalle e ci sarà sempre, ogni volta che avremo l’ardore di invocarlo e supplicarlo, di chinare il capo e chiedere perdono per tutte le volte in cui lo abbiamo abbandonato. Questo perchè non noi abbiamo scelto lui, ma lui stesso ha dato la sua vita per noi. Di sua spontanea volontà ha dato tutto ciò che aveva per questa amicizia, che troppo spesso, a causa del nostro fare umano, dimentichiamo essere assai più forte e importante di qualunque rapporto terreno.    

Ecco cosa ci ha detto la Regina della Pace sulla figura dell’amico.

AMICO

Messaggio di Medjugorje, 25 febbraio 1992

“Cari figli, oggi vi invito ad avvicinarvi ancora di più a Dio attraverso la preghiera; solo così potrò aiutarvi e proteggervi da ogni attacco satanico. Io sono con voi e intercedo per voi presso Dio affinché Lui vi protegga; però mi sono necessarie le vostre preghiere e il vostro ‘sì’. Voi vi perdete facilmente nelle cose materiali e umane e dimenticate che Dio è il vostro più grande amico. Perciò, cari figlioli, avvicinatevi a Dio affinché Lui vi protegga e vi preservi da ogni male. Grazie per aver risposto alla mia chiamata! ”

Messaggio di Medjugorje, 25 novembre 1993

“Cari figli, vi invito a preparavi in questo tempo, come mai prima d’ora per la venuta di Gesù. Che il piccolo Gesù regni nei vostri cuori e sarete felici solo quando Gesù è vostro amico. Non vi sarà difficile né pregare, né offrire sacrifici, né testimoniare la grandezza di Gesù nella vostra vita, perché lui vi darà la forza e la gioia in questo tempo. Io vi sono vicina con la mia intercessione e la preghiera. Vi amo e benedico tutti. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. ”

Messaggio di Medjugorje, 25 settembre 1995

“Cari figli! Oggi v’invito ad innamorarvi del Santissimo Sacramento dell’altare. Adoratelo, figlioli, nelle vostre parrocchie e cosi’ sarete uniti con tutto il mondo. Gesu’ vi diventerà amico e non parlerete di lui come di qualcuno che appena conoscete. L’unità con Lui sarà per voi gioia e diventerete testimoni dell’amore di Gesu’, che ha per ogni creatura. Figlioli quando adorate Gesu’ siete vicini anche a me. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. ”

Messaggio di Medjugorje, 25 marzo 1999

“[…] Mettete Dio al primo posto e allora Gesù risorto diventerà vostro amico. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

Messaggio di Medjugorje, 25 settembre 2016

“Cari figli! Oggi vi invito alla preghiera. La preghiera sia per voi vita. Soltanto così il vostro cuore si riempirà di pace e di gioia. Dio vi sarà vicino e voi lo sentirete nel vostro cuore come un amico. Parlerete con Lui come con qualcuno che conoscete e, figlioli, sentirete il bisogno di testimoniare perché Gesù sarà nel vostro cuore e voi sarete uniti in Lui. Io sono con voi e vi amo tutti con il mio amore materno. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”. “

 

Attraverso questi messaggi la Regina della Pace ci mostra molto chiaramente come essere amici di Gesù, nella SS. Trinità. Più volte sottolinea che il modo più diretto è la preghiera, attraverso una preghiera sincera, fatta con il cuore ci si avvicina a Lui e Lui entra in noi, donandoci la pace e la gioia. Non solo, ci parla anche di un desiderio di dare testimonianza. Proprio questo desiderio ci fa comprendere che è Lui ad operare in noi. Il cuore sembra esploderti nel petto quando parli delle sue opere, come della sua infinita misericordia. Questo è ciò che fa, senza rendersene nemmeno conto, chi è amico di Nostro Signore.

Chi non ricorda il caro vecchio Don Camillo, il personaggio immaginario creato dallo scrittore e giornalista italiano Giovannino Guareschi. Nella sua semplicità e umanità, egli parlava direttamente con il crocifisso e questi gli rispondeva altrettanto semplicemente. Forse non ci sarà possibile sentire così distintamente le sue risposte, ma io credo che nel profondo del nostro cuore la risposta arrivi, sempre. Spesso non vogliamo sentirla, perché fa male, ci indispone, non è secondo i nostri parametri quello che vorremmo sentirci dire, ma non possiamo negare che sappiamo cosa ci direbbe Nostro Signore. Dunque non possiamo affermare che la sua amicizia non abbia una risposta.

Se proprio non riusciamo a sentire questi suoi messaggi diamo ascolto a ciò che ancora una volta ci ha suggerito la Madonna a Medjuorje, ovvero, di aprire la Bibbia, perché ogni risposta è contenuta in essa.      

Ma scusate un attimo. Se l’amico è Dio … chi sono gli amici? leggiamo dunque questi messaggi, per scoprirlo.

AMICI

Messaggio di Medjugorje, 7 maggio 1985 – L’apparizione annuale a Ivanka

“[…]Ivanka, grazie per aver risposto alla chiamata del mio Figlio e per essere stata così perseverante come Lui si aspettava. Figlia, di ai tuoi amici che mio Figlio ed io saremo sempre con loro quando ci cercheranno ed invocheranno. Quello che ti ho detto in questi anni a proposito dei SEGRETI non riverlarlo a nessuno, fino a quando io non te lo dirò. Ivanka, la grazia che tu ed i tuoi fratelli avete ricevuto non l’ha ricevuta nessuno fino ad ora in terra! “

Messaggio di Medjugorje, 25 febbraio 1999

“Cari figli, anche oggi sono con voi in un modo speciale meditando e vivendo nel mio cuore la passione di Gesù. Figlioli aprite i vostri cuori e datemi tutto ciò che vi è in essi: le gioie, le tristezze ed ogni dolore anche il più piccolo, perché io possa offrirli a Gesù, affinché Egli con il suo amore incommensurabile bruci e trasformi le vostre tristezze nella gioia della sua resurrezione. Ecco perché adesso vi invito, figlioli, in modo particolare ad aprire i vostri cuori alla preghiera, cosicché attraverso essa diventiate amici di Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

Messaggio di Medjugorje, 25 febbraio 2002

“Cari figli, in questo tempo di grazia vi invito a diventare amici di Gesù. Pregate per la pace nei vostri cuori e lavorate sulla conversione personale. Figlioli, solo così potrete diventare testimoni della pace e dell’amore di Gesù nel mondo. […] ”

Messaggio di Medjugorje, 25 ottobre 2003

“Cari figli, vi invito nuovamente a consacrarvi al mio cuore e al cuore di mio figlio Gesù. Desidero , figlioli, condurvi tutti sulla via della conversione e della santità. Solo così, attraverso di voi, possiamo condurre quante più anime possibile sulla via della salvezza. Non indugiate, figlioli, ma dite con tutto il cuore: Desidero aiutare Gesù e Maria affinchè quanti più fratelli e sorelle conoscano la via della santità. Così sentirete la contentezza di essere amici di Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

 

L’amicizia con Dio non è unisona né unilaterale. Non la si può contenere. In genere quando abbiamo un amico del cuore, desideriamo che sia tutto nostro, difficilmente accettiamo ch’egli possa essere altrettanto amico con qualcun’altro. Diventiamo gelosi ed irritabili se abbiamo altre persone che vogliono stargli vicino. Questo con Dio non accade, anzi, succede proprio l’opposto. Perchè Dio entra in noi e ci fa sentire il suo amore, la sua grazia penetra nel profondo fino a farci provare un affetto, che si estende a macchia d’olio verso ogni persona che incontriamo. Facendoci provare un desiderio irrefrenabile di farlo conoscere, di far si che ogni uomo possa comprendere come si sta bene in sua compagnia. E’ talmente bello essere Suoi amici che non conteniamo la felicità e dobbiamo assolutamente condividerla.

Noi abbiamo amici ed è a questi amici che la Regina della Pace ci suggerisce di portare l’amore di Cristo, la pace di Dio e la conversione dello Spirito Santo. Non siamo più noi ad operare, ma Dio opera in noi e ci fa capire cosa significa essere realmente amici suoi: essere una cosa sola con tutti i nostri fratelli.     

Dunque, se l’amico è Lui, gli amici siamo tutti noi, una cosa sola in Lui, come la SS Trinità, ovviamente, se facciamo ciò che ci suggerisce. Non basta la preghiera a farci amici suoi, bisogna dimostrare che abbiamo deciso volontariamente di abbandonare il peccato e percorrere la via della conversione. Accogliendo con fede, speranza e amore i suoi suggerimenti di vita. A questo punto egli camminerà accanto a noi, insieme alla Sua SS Madre ed intercederà presso il Padre per ognuno di noi. Lo crediamo, perchè Lui stesso ce lo ha confermato, nel Vangelo.

Quale mistero meraviglioso è questo amore di Dio! 

ARTICOLI COLLEGATI

ESPERIMENTI SULLA PREGHIERA
LA VERA PREGHIERA DEL CUORE

Comments are closed.