Crea sito

Letture di sabato 12 maggio 2018

LETTURE DI SABATO

12 maggio 2018 

VI Settimana di Pasqua

“…«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. …”

MADONNA DELLA MISERICORDIA DI RIMINI

12 maggio 1850 – Il prodigio degli occhi vivi e la preghiera.

casalpusterlengoMADONNA DEI CAPPUCCINI

Casalpusterlengo – (LO) Italia – maggio 1574 – Nel 14° secolo un giovane vasaio pio e devoto mosso da una speciale devozione modellò con tenera argilla una statua della Vergine, ma non gli riusciva di modellare bene le teste della Madonna e del Bambino. Mentre si sforzava si trovò accanto uno sconosciuto vestito da pellegrino che gli offri il suo aiuto. … La storia della miracolosa immagine e delle apparizioni.

San Filippo di Agira

La storia del famoso esorcista siciliano con un video di alcune sue particolarissime processioni.

Beata Imelda Lambertinisantino_imelda

Novizia domenicana (1322–1333) 12 maggio – Bellissime le figure di questi santi bambini, che riescono a raggiungere vette di spiritualità impensate. Ed è proprio in questa purezza di cuore che Dio trova fertile terreno per dare a tutti noi un grande esempio di umiltà e di abbandono. La storia, la video-storia e l’invocazione.

“Voi siete un popolo redento; annunziate le grandi opere del Signore, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce. Alleluia.”

PREGHIERA DEL MATTINO

O Dio, nostro Padre, disponi sempre al bene i nostri cuori, perché, nel continuo desiderio di elevarci a Te, possiamo vivere pienamente il mistero pasquale. Per Cristo nostro Signore. Amen

PRIMA LETTURA

At 18, 23-28 – Dagli Atti degli Apostoli

paolo6Trascorso ad Antiòchia un po’ di tempo, Paolo partì: percorreva di seguito la regione della Galàzia e la Frìgia, confermando tutti i discepoli. Arrivò a Èfeso un Giudeo, di nome Apollo, nativo di Alessandria, uomo colto, esperto nelle Scritture. Questi era stato istruito nella via del Signore e, con animo ispirato, parlava e insegnava con accuratezza ciò che si riferiva a Gesù, sebbene conoscesse soltanto il battesimo di Giovanni. Egli cominciò a parlare con franchezza nella sinagoga. Priscilla e Aquila lo ascoltarono, poi lo presero con sé e gli esposero con maggiore accuratezza la via di Dio. Poiché egli desiderava passare in Acàia, i fratelli lo incoraggiarono e scrissero ai discepoli di fargli buona accoglienza. Giunto là, fu molto utile a quelli che, per opera della grazia, erano divenuti credenti. Confutava infatti vigorosamente i Giudei, dimostrando pubblicamente attraverso le Scritture che Gesù è il Cristo.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.46

RIT: Dio è re di tutta la terra.Dio -trionfo_del_cuore_del_padre

Popoli tutti, battete le mani! Acclamate Dio con grida di gioia, perché terribile è il Signore, l’Altissimo, grande re su tutta la terra. RIT

Perché Dio è re di tutta la terra, cantate inni con arte. Dio regna sulle genti, Dio siede sul suo trono santo. RIT

I capi dei popoli si sono raccolti come popolo del Dio di Abramo. Sì, a Dio appartengono i poteri della terra: egli è eccelso. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio il mondo e vado al Padre.

Alleluia.

VANGELO

Gv 16, 23-28 – Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena. Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio. Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

Nel suo nome…

Il nome nel linguaggio biblico indica l’identità della persona, la sua natura e il suo essere. Gesù che già ha dato una sublime lezione di preghiera ai suoi, e a tutti noi, insegnandoci il Padre Nostro, vuole dare una garanzia di efficacia alle nostre
invocazioni: dobbiamo e possiamo chiedere tutto a Dio, ma nel suo nome, “per il nostro Signore Gesù Cristo”, come fa la Chiesa a conclusione di tutte le sue orazioni liturgiche. “Nel nome di Gesù ogni ginocchio si piega nei cieli e sulla terra… perché Dio lo ha esaltato e gli ha dato un nome che è al disopra di ogni altro nome”. Cosi Cristo è diventato l’eterno sacerdote orante, il nostro avvocato ed intercessore presso il Padre, colui che ha precipitato l’«accusatore», che ci accusava giorno e notte presso Dio”. Egli quindi fa sue le nostre preghiere, prega con noi e per noi, ci difende dal male, ci dona la grazia che ci santifica e rende meritorie le nostre azioni quotidiane, purché facciamo tutto nel suo nome e per la sua gloria. Così Egli, che ritorna al Padre, ci trascina verso questa misteriosa ascensione, unendoci a sé con i vincoli della preghiera, in una comunione di intenti e di vita. (Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

O Dio, che ci hai rivelato nel Cristo il mistero della preghiera fatta nel Suo nome, per introdurci nella comunione di vita con Te, rendici docili alle ispirazioni del Tuo Spirito che continuamente geme in noi. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello fai per noi e ci dai ogni giorno. O Padre ascolta la nostra umile preghiera: il memoriale della Pasqua, che Cristo tuo Figlio ci ha comandato di celebrare, ci edifichi sempre nel vincolo della Tua carità. Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Be Sociable, Share!

Comments are closed.