Crea sito

VERGINE DI ANDOCS

VERGINE DI ANDOCS

Andocs, Ungheria – 17 dicembre consacrazione

vergine-di-andocsLa storia racconta che prima dell’invasione turca del 1526, gli angeli per salvare la statua della Vergine e il Bambino posizionarono un’intera cappelletta ad Andocs, oggi nel sud-ovest dell’Ungheria.

Fu il guardiano del paese di Andocs, che attratto dal canto degli angeli li vide mentre posizionavano la cappella sulla radura. Il mattino seguente si recò sul luogo con altri del paese, quando videro che la chiesa era stata costruita senza fondamenta, compresero che si trattava di un vero miracolo.

Nelle notti successive più volte la Santa Vergine apparve e con lei le sue schiere di angeli che cantavano e illuminavano la cappella. La Santa Vergine apparve anche alle donne del villaggio esortandole alla pietà e alla preghiera. 

Ben presto, si ebbe il primo miracolo. Un cieco pastorello, quando alzò gli occhi verso la Vergine Maria, ricominciò a vedere. I pastorelli ebbero secondo la leggenda ruoli di primaria importanza, tanto che avvisarono gli angeli che il luogo sul quale avevano posizionato inizialmente la cappella era impregnato di acqua e che sarebbe sprofondata, così gli angeli la misero dove si trova oggi. Si dice anche che furono i pastori a trasmettere il messaggio secondo il quale la Santa Vergine avrebbe difeso e nascosto i profughi in fuga dai nemici turchi.

cappella-della-vergine-di-andocsIn ogni caso, dalla metà del secolo la regione del Transdanubio meridionale era sotto il dominio ottomano, e molti cristiani sopravvissuti emigrarono o divennero protestanti. E a poco a poco la chiesetta venne abbandonata.

Nel 1640, il vescovo cattolico inviò preti gesuiti a rievangelizzare l’area. Fu proprio in questa chiesa gotica abbandonata ad Andocs, che padre János Horváth trovò la statua della Vergine.

Nel 1700, il paese era diventato un luogo di pellegrinaggi e di miracoli. Nel 1721 i Francescani costruirono un convento accanto alla chiesa, che hanno cominciato a ricostruire in stile barocco nel 1725.

Il 17 dicembre 1747, quando il vescovo ha consacrato la nuova chiesa di Santa Maria,  la contessa Katalin Széchényi donò una magnifica veste per la statua. Da questo gesto ebbe inizio una tradizione che continua ancora oggi, infatti ogni secondo venerdì del mese le viene cambiato l’abito. 

Molti dei capi ricamati donati nel corso dei secoli sono esposti nel Museo dei mantelli. I maggiori giorni di maggior affluenza dei pellegrini sono il 15 agosto (Assunzione), l’8 settembre (nascita di Maria), e l’8 ottobre (festa della Madonna di Ungheria).

Fonti: http://www.wherewewalked.info/feasts/12-December/12-17.htmhttps://translate.google.it/translate?hl=it&sl=hu&u=http://www.sulinet.hu/oroksegtar/data/telepulesek_ertekei/100_falu/Andocs/pages/012_az_andocsi_maria.htm&prev=search

Comments are closed.