Crea sito

SANTUARIO MADONNA DELLA MANNA

SANTUARIO MADONNA DELLA MANNA

Incoronazione 8 ottobre 1741

lorenzo Berrettini-Madonna con il Bambino e i santiIl Santuario Madonna della Manna non è altro che il Duomo di Cortona. Venne edificato sui resti di un antico tempio pagano.

Prima che vi venisse collocata la statua della Madonna della Manna, vi era un altare ligneo intitolato alla “Madonna del Verde”. Nel 1696 l’altare fu demolito per far posto al fonte battesimale. Fu poi ricostruito in materiale lapideo e nel 1712 fu consacrato alla Madonna di Loreto. Nel 1786, allorché vi fu collocata l’immagine della Vergine della Manna, fu dedicato alla Vergine della Manna.

****

Edificata sui resti di un tempio pagano e documentata come pieve nel secolo XI, non fu scelta come cattedrale quando nel 1325 venne istituita la diocesi cortonese, ma i locali annessi furono usati come residenza vescovile.

Nel 1507 papa Giulio II pose fine a questa anomalia trasferendovi il titolo di cattedrale dalla chiesa suburbana di San Vincenzo. Quasi in previsione del nuovo ruolo che avrebbe svolto, nella seconda metà del Quattrocento si decise il rifacimento interno.

Madonna della Manna, Cortona1La facciata reca tracce di interventi che si sono susseguiti in epoche diverse. I resti più antichi risalgono alla facciata medievale romanica e sono un pilastro con capitello e colonnette agli angoli e una parte di un grande arco; la loro collocazione testimonia quanto fosse più basso il piano dell’antica pieve, rialzato quando fu lastricata la piazza. Ricordi medievali sono anche la lunga e stretta finestra e una lastra marmorea con uno stemma trecentesco. Per il resto la facciata è quattrocentesca. Il lato destro è affiancato da un loggiato che venne fatto costruire alla fine del Cinquecento e che portò alla tamponature delle finestre che si aprivano verso mezzogiorno, mentre il robusto campanile risale alla seconda metà dello stesso secolo.

All’interno la chiesa appare come una costruzione in stile rinascimentale, anche se le lettura delle forme rinascimentali è oggi inficiata da interventi successivi che nascondono la più rigorosa ed elegante partitura originaria. Infatti risale agli inizi del Settecento la volta a botte che copre la navata mediana, ridipinta nell’ultimo ventennio del secolo XIX dal cortonese Giovanni Brunacci; nella stessa epoca furono aperte le finestre ovali, poco più tardi costruito l’arcone Madonna della Manna Cortonatrionfale, e dopo la metà del secolo messa in opera la pavimentazione. La pianta longitudinale è divisa in tre navate scandite da colonne con capitello e pulvino di ispirazione brunelleschiana.

Madonna della Manna

L’interno è ricco di opere, molte delle quali provengono da chiese cortonesi distrutte o soppresse. La prima opera di rilievo nella navata sinistra è la Madonna della Mannauna statua di terracotta invetriata raffigurante la Vergine col Bambino, risalente al XII-XIII secolo. Proviene dalla distrutta chiesa di Santa Maria degli Alamanni e fu collocata in Santa Maria all’interno di una nicchia opera di Francesco Fabbrucci (XVIII secolo).

Collocata sull’altare Capulli si trova la tela con l’Adorazione dei pastori di Pietro Berrettini, detto Pietro da Cortona, databile al 1663 circa. È probabile che un collaboratore sia da individuare in Lorenzo, secondo cugino del Berrettini, i cui modi sono soprattutto riscontrabili nella figura della Madonna e del figlioletto. Legato alla figura di Pietro da Cortona è anche Andrea Commodi che ebbe il Berrettini come giovanissimo allievo durante il suo soggiorno cortonese fra la fine del primo e gli inizi del secondo decennio del Seicento. Più avanti, sempre nella navata sinistra, troviamo un crocifisso ligneo seicentesco di Andrea Sellari e una tela seicentesca di Lorenzo Berrettini raffigurante la Madonna col Bambino e Santi. In fondo alla navata abbiamo la Comunione di Maria, tela di Salvi Castellucci.

Madonna_del_pianto_-_duomo_di_cortona

Madonna del pianto del Duomo di Cortona

Nella navata destra da ricordare sono le due tele seicentesche di Raffaello Vanni, raffigurante la Trasfigurazione, e di Lorenzo Berrettini, con la morte di San Giuseppe. Molto importante è anche la Madonna del Pianto, opera in terracotta dipinta di un ignoto artista del XIII secolo.

Nel coro troviamo, tra gli altri dipinti, la tela di Andrea Commodi con la Consacrazione della chiesa del Santissimo Salvatore (1607), trasportata nel Duomo alla fine del Settecento dall’oratorio del San Salvatore per il quale era stata realizzata. Sempre nel coro si conserva la tavola con la Discesa dello Spirito Santo, databile fra il 1528 e il 1529 e attribuita a Tommaso Bernabei detto il Papacello.

La rappresentazione della Pentecoste trova qui un’iconografia curiosa e originale con gli astanti che da un cornicione osservano la Madonna e gli Apostoli collocati nel piano inferiore. Oltre a citazioni più colte cortona reliquie(Raffaello e Baccio Bandinelli) il Papacello richiama se stesso nel paesaggio archeologico dello sfondo, ripetuto dal ciclo da lui stesso affrescato nel Palazzone Passerini di Cortona.

La sacrestia della cattedrale conserva numerose testimonianze di oggetti di culto, alcuni dei quali di notevole qualità. Ne è un esempio il calice lasciato in eredità dal vescovo Gherardi nel 1749: in oro zecchino decorato a sbalzo e bulino, è uno degli oggetti più significativi dell’oreficeria del Settecento, probabilmente di manifattura romana come tre dei quattro busti reliquiario che vengono esposti solo in rare ed importanti cerimonie. Accanto ad oggetti di oreficeria si conservano importanti pianete del Sei-Settecento, fra le quali una seicentesca splendidamente ricamata ed un parato in terzo, sempre del Seicento, decorato col motivo della melagrana.

Fontihttps://it.wikipedia.org/wiki/Duomo_di_Cortonahttp://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it/Common/dettaglio.aspx?idsantuario=1963

 

Comments are closed.