Crea sito

MADONNA DEI MIRACOLI DI SARONNO

MADONNA DEI MIRACOLI DI SARONNO

Saronno (VA) ITALIA – 1460 circa   

saronnoIl Santuario di Saronno è definito uno “scrigno” pieno di tesori d’arte, ma il tesoro più prezioso rimane la presenza e l’intercessione costante della Vergine ai suoi devoti.

Il primo Miracolo

Il Santuario di Saronno sorge a seguito della guarigione miracolosa di un giovane del borgo di nome Pietro Morandi detto “Pedretto”, che soffriva da parecchi anni di una grave forma di sciatica che lo immobilizzava sul suo pagliericcio non consentendogli di camminare. Siamo negli anni attorno al 1460 e non oltre il 1462. All’incrocio tra la strada Varesina, chiamata, allora, strada di Lugano perché quivi giungeva la strada che da Monza, attraversando Saronno, portava e porta verso il Ticino per raggiungere il Piemonte, vi era una piccola cappella, una piccola edicola, con una statua della Madonna con in braccio il Bambino Gesù; una statua di terracotta datata nella seconda metà del trecento. Davanti a questa capelletta, in una fredda notte d’inverno, “in una invernata”, così sta scritto, avvenne il miracolo. Il povero Pedretto era costretto a letto da circa sei anni quando una notte, mentre si tormenta dal dolore spasimando, la sua cameretta si illumina di un improvviso fulgore, dentro il quale appare una bellissima Donna che per tre volte gli dice:

“Pietro, se brami guarire, va’ alla cappella di strada Varesina, edifica un tempio là dove sorge il simulacro della Madonna, i mezzi non mancheranno giammai…”

Chiamati i suoi, manifestò loro il proposito di recarsi alla cappella, mentre un vigore improvviso gli si diffuse per tutta la persona. Giunto sul luogo indicatogli dalla saronno apparizione 1Signora il Pedretto cominciò a pregare e poi, sopraffatto dalla stanchezza, si addormentò. Quando si svegliò era ormai l’alba e si trovò completamente guarito. Riconoscente alla Madonna, si dette da fare per esaudire il desiderio di Maria: la costruzione del Santuario fu terminata nel 1511. I documenti dell’archivio storico ci dicono che molte altre guarigioni seguirono alla prima.

E’ comunque bene sottolineare che la guarigione del giovane Pedretto non è frutto di una invenzione o di una leggenda, è provato da un documento ufficiale della Chiesa: il “Processo informativo canonico sull’origine del Santuario di S.Maria de Miracoli di Saronno”. Processo voluto da S.Carlo Borromeo, allora arcivescovo di Milano che, in ottemperanza alle disposizioni del Concilio di Trento, volle testimonianze e verifiche che dimostrassero, senza alcun dubbio, l’origine miracolosa dell’evento straordinario da cui ebbe origine il Santuario. In quel secolo era forte l’irrisione degli eretici per ogni evento soprannaturale attribuito alla Madonna e ai santi.

Il processo canonico si tenne a Saronno il 6 aprile 1578 e vennero raccolte le deposizioni giurate dei testimoni, come si legge nel documento redatto al termine del processo. Il processo venne istruito perché i primi documenti sull’origine del Santuario erano andato perduti.

La costruzione del Santuario

I saronnesi vollero rendere grazie alla Madonna e, dopo la costruzione di alcune chiesette, andate presto in rovina, soprattutto perché l’afflusso dei devoti di Saronno e dei pellegrini, che giungeva da tutto il contado, era in continuo crescendo, l’8 maggio 1498 iniziarono i lavori di costruzione della prima parte dell’attuale basilica, quella orientale. Il Campanile del Santuario di Saronno è risultato uno dei più belli e più antichi della Lombardia. SARONNO_Santuario_B_V_dei_Miracoli

L’afflusso dei fedeli e dei pellegrini era ormai così alto da non consentire a tutti di entrare in chiesa durante le funzioni religiose. Ciò è documentato dalle numerose richieste di autorizzazione a celebrare all’aperto inoltrate alla Curia arcivescovile di Milano. Sappiamo che il Concilio di Trento aveva proibito la celebrazione della Messa al di fuori della chiesa, per celebrare all’aperto occorreva la dispensa. Così gli amministratori del Santuario (sei deputati, eletti dalla popolazione saronnese) decisero di ampliare la chiesa, allungandola. Tra il 1560 e il 1578, in due periodi successivi, la chiesa venne allungata con cinque campate su tre navate. Dopo 168 anni dalla fondazione la costruzione, l’abbellimento e la decorazione del Santuario erano finalmente terminati. I saronnesi avevano fatto costruire una chiesa che destava l’ammirazione di tutti.

Il Santuario di Saronno alla fine del 1600 possedeva terreni per 3.000 pertiche milanesi e 14 case. E tutto questo sino all’arrivo in Italia di Napoleone e la costituzione della Repubblica Cisalpina, quando vennero incamerati i beni degli enti ecclesiastici, e tra questi anche quelli del Santuario. A questa rapina, si aggiunga, nel 1817, l’abolizione dei deputati da parte del governo austriaco del Lombardo Veneto; la lenta ripresa si ebbe solo agli inizi del XX° secolo.

Altri Miracoli della Madonna a Saronno

saronno apparizioneCristoforo Brasca, colpito da tempo da paralisi nelle gambe, invano ricorse ai mezzi suggeriti dalla scienza. Ma, con fervida fede invocata la grazia dalla Madonna di strada Varesina, il 12 marzo 1533 guari per miracolo.

In S.Maria al Pasquirolo di Rho, nel convento degli Agostiniani, frate Daniele da Nudoli, infetto alla gola, restò impossibilitato di proferire parola e di prendere cibo. Dichiarato inguaribile dai medici, implorò la Vergine dei Miracoli di Saronno, ed in tre giorni rimase completamente risanato. Il 27 marzo 1536 scioglieva il suo voto.

Nei vigneti dei conti Pirro e Vitaliano Visconti Borromeo di Lainate, i bruchi infestavano le viti e ne consumavano perfino i tralci: a scampare al flagello, i Visconti Borromeo ricorsero alla Nostra Signora facendo voto di offrire ogni anno due brente di vino bianco. Fatto il voto, i bruchi scomparvero il 17 giugno 1575. Ma l’erede Fabio dimenticò l’esecuzione del voto ed il vigneto venne di nuovo infestato dai bruchi. Allora anch’egli rinnovò il voto, e cessò l’infestazione. Grato alla Vergine, si recò in Santuario di Saronno con l’offerta, seguendo la processione ed assistendo alla S.Messa di ringraziamento celebrata solennemente dal curato di Lainate.

Nel 1610 Giambattista Visconti, notaio di Saronno, delirava per la febbre acutissima. I medici disperavano della sua guarigione. Ma il Visconti si rivolse a Maria con grande fede, e d’improvviso guari e Le offerse un bel voto.

Nel 1630, Giampietro Terruzzi, corriere del re cattolico per lo Stato di Milano, dimorando a Madrid per affari, si ammalò con pericolo di morte. Invocando l’aiuto della Madonna di Saronno, guarì perfettamente.Santuario della Beata Vergine dei Miracoli, Saronno, Lombardy, Italy

Nell’anno seguente, Michelangelo Prevosti, doratore della navata maggiore del Santuario, con altri artisti eseguiva i lavori sull’impalcatura. Quando scoppia un temporale e la folgore gli guizza dinanzi strappandogli di mano gli arnesi. Fu un momento di terrore per lui e per gli altri; ma la Vergine invocata li lasciò tutti incolumi.

G.Battista Maestri di Saronno, anno 1633, si infermò a morte per un’ulcera maligna. Nella festa dell’Assunta il Maestri si raccolse in profonda preghiera e nello stesso giorno il tumore scomparve.

Fabrizio Pallavicini della Valtellina, diretto a Milano, giunto a Saronno (anno 1634) si ammalò gravemente. Fece ricorso alla Madonna, e guarì miracolosamente. In segno di riconoscenza Le offri un voto e si accostò ai Sacramenti all’altare della Vergine.

In una notte del 1635, G.Battista Terragni da Mariano, prestinaio in Saronno, d’improvviso venne assalito da un sicario, che gli scaricò sul petto tre colpi d’archibugiata. Alla scarica fatale il Terragni implorò il patrocinio della Madonna, verso la quale nutriva una grande devozione. Le palle gli forarono la giubba e la camicia senza punto ferirlo. Sull’alba del mattino si prostrò riconoscente all’altare della Vergine e Le offri una tavoletta d’argento.

Angelo Chiodi, da molti anni era infestato dagli spiriti maligni. Nel 1644 si fece esorcizzare da un religioso dell’Ordine di S.Agostino. Il Padre agostiniano comandò al demonio in virtù della Madonna dei Miracoli di Saronno di uscire dall’ossesso e lo spirito maligno lo lasciò libero.

cantareNel 1650 Bernardo Soldani, prevosto di Gerenzano, colpito da febbre maligna e spedito dai medici, si preparava alla morte. Un cappellano del Santuario lo consiglia di ricorrere con fiducia alla Beata Vergine. Il Soldani accetta il consiglio con grande fede, e la febbre scompare.

Nicolò Pessina, napoletano, soldato in Como, nel 1656 per la febbre ossea gli si rattrappirono la gambe tanto da non poter più camminare. Una notte, tormentato da atroci dolori, fu ricreato dalla Vergine apparsagli che gli disse: “Se vuoi guarire ricorri con fiducia alla Madonna di Saronno”. Il Pessina con fervida fede a Lei si rivolge e ottiene la guarigione. A ricordo del miracolo portò le sue grucce all’altare della Madonna e fece giurata deposizione dinanzi ai testimoni.

Erasmo Caimi, Prevosto di S.Maria della Scala di Milano, il 22 febbraio 1662, da Milano passava per Saronno in pariglia diretto a Turate, quando i destrieri s’impennarono e, liberi dalle briglie, si danno a precipitoso cammino. Il Caimi nell’imminente pericolo di essere travolto dalla vettura, si raccomanda l’anima a Dio e con fervida supplica invoca la Madonna di Saronno, il cui tempio scorgeva da lontano. D’un tratto i cavalli si arrestarono ed Erasmo si porta al tempio per far celebrare la Messa solenne di ringraziamento.

Una tavoletta rievocava, un tempo, il ricordo del fulmine scoppiato il 29 luglio 1715, che, percorrendo la tribuna e l’atrio dell’altare maggiore, strisciò intorno ai fedeli genuflessi, mandando scintille di fuoco. In tanto spavento i devoti invocarono la Madonna e il fulmine scomparve senza lesione di alcuno.suonare2

Frate Francesco Cavagna, dei Conventuali, residente in S.Francesco di Saronno, sale sul campanile l’8 settembre del 1723. Raggiunto il primo piano, si sfasciano le tavole e precipita a capofitto. Più morto che vivo viene trasportato al Convento. Si dispera di salvarlo; ma frate Francesco si raccomanda alla Beata Vergine e in breve ricupera perfetto vigore.

Un Sacerdote venne colpito da morbo fatale che lo minacciava della vita. Fiducioso implorò la guarigione e la Madonna lo esaudì. La tavoletta della grazia ricevuta segnava il 10 ottobre 1741.

Nel 1748 un saronnese venne travolto dalle acque del torrente Lura con pericolo di annegarsi. Invocata la Vergine, restò incolume.

E non si finirebbe più, se si volesse anche solo accennare alle grazie ed ai prodigi che la Madonna dei Miracoli ha operato. Quello che s’è scritto è solo qualche fiore del vastissimo giardino. Non va passato però sotto silenzio il fatto seguente che è degno di essere tramandato alla grata memoria dei posteri. La cronaca dell’epoca, con la penna di D.Edoardo Benetti, lo narrò cosi: 

Correvano le ardenti giornate della Liberazione in quell’aprile 1945… D’un tratto la nostra Cittadina fu scossa da una sparatoria improvvisa e uomini d’arme passavano per le vie invitando i cittadini a ritirarsi nelle case. “I tedeschi!” si gridava, “I tedeschi! Una colonna vagante sta per entrare in città!“.

Il Prevosto Mons.Antonio Benetti era già accorso là donde provenivano gli spari: dal settore del Santuario. Aveva con sé l’Olio Santo… Non si sa mai! Giunse cosi al posto di blocco tenuto dai “rossi” (e proprio da un Comandante Rossi) a OLYMPUS DIGITAL CAMERAcinquanta metri dal Santuario, all’imbocco della strada per Uboldo. Che cos’era accaduto? Qualche cosa di strano certamente, spiegava il Comandante, ancora tutto emozionato… Avvistata una Colonna motorizzata che avanzava sparando a tutto spiano, il Comandante – come era suo dovere – aveva ordinato il fuoco dalle due mitragliatrici di lato… Ma queste – provate egregiamente cinque minuti prima – si rifiutavano di sparare, inceppandosi a un tempo ambedue, come inchiodate da una forza arcana… La temuta e creduta colonna nemica altro non era che una Colonna di “azzurri” di Legnano, venuta in visita amichevole, e che sparava a salve in segno di giubilo, come aveva precedentemente mandato ad avvertire da una staffetta. Ma la staffetta aveva perso la strada!… Tutti vi riconobbero un tratto di particolare assistenza della cara Madonna, che a pochi metri di distanza dal suo bel Santuario, aveva voluto evitare un terribile fatto di sangue.

Celebrazioni ed eventi

Nella storia del Santuario vi sono state parecchie occasioni che hanno richiamato grandi folle di pellegrini. Ne ricordiamo solo tre per brevità.

La prima si ebbe come conseguenza della peste che infierì tra il 1576 e il 1577, detta anche peste di S.Carlo. Il morbo era giunto a Saronno da Milano e colpì pesantemente tutta la zona. Del borgo morirono 307 persone, un numero molto presepe - Bernardino Luini - Saronnoelevato corrispondente a un sesto della popolazione. I saronnesi si rivolsero alla loro Madonna, perché facesse cessare il flagello e il 23 marzo 1577 si riunirono i capi famiglia nella chiesa parrocchiale e fecero voto solenne e perpetuo di digiunare la vigilia della festa dell’Annunciazione (25 marzo) e, il giorno della festa, di recarsi processionalmente al Santuario “con le pute vergini et ogni una con una candela in mano come al suo comodo et offrirgli alla Madonna de miracoli et il curato habbi a raccompagnare detta processione et dire la S. Messa“. Così si legge nella cronaca dell’epoca: “E perché il voto fosse perpetuo fu rogato un istrumento notarile da notaio Batta Pusterla di Tradate“. Da quel giorno la peste cessò. Nei paesi vicini si sparse la notizia del voto e la cessazione del morbo. Corsero allora a frotte gli abitanti dei centri abitati vicini e anche abbastanza lontani con processioni penitenziali per implorare la grazia anche per i loro paesi e ad offrire la cera. Il voto fatto fu sempre rispettato dai saronnesi nei secoli, e ancora oggi viene celebrata la Festa del Voto, non più con la solenne processione e a partire dagli anni cinquanta, con una Messa solenne concelebrata dal prevosto e dai parroci della città. Il concorso di fedeli è sempre molto elevato, che non offrono più la cera, un tempo bene prezioso, ma fanno offerte tante e generose.

saronno1Un’altra grande manifestazione religiosa, che interessò l’intera diocesi ambrosiana, fu quella della traslazione del simulacro della Vergine dalla cappella del primo miracolo all’interno del Santuario, il 10 settembre 1581. Traslazione voluta e officiata da S.Carlo Borromeo. La cappelletta era stata abbellita con un piccolo altare e contornata da un portico.

San Carlo volle che la statua miracolosa troneggiasse sull’altare maggiore del Santuario. Per l’occasione il santo arcivescovo chiese ed ottenne dal papa Gregorio XIII l’indulgenza plenaria per tutti i fedeli che avessero pregato, in quel giorno, in Santuario.

PREGHIERA ALLA MADONNA DEI MIRACOLI DI SARONNO

Vergine Augustissima, meritatamente invocata la Madonna dei Miracoli per gli innumerevoli prodigi che Voi operaste in questi luoghi, prescelti da Voi a vostra dimora, dove da secoli manifestate la potenza dei vostro braccio, la bontà tenerissima dei vostro Cuore materno, eccovi supplici i vostri figli che invocano il vostro soccorso. Oppressi da necessità, angustie, dolori, dispiaceri della vita, a chi dobbiamo ricorrere, se non a Voi che siete la Consolatrice degli afflitti, l’aiuto potente dei Cristiani? Vi muovano a pietà, o Madre amantissima, le nostre sventure, le nostre lacrime. Se i mali presenti sono la conseguenza delle nostre gravi colpe, o Madre di saronnoMisericordia, Rifugio dei peccatori, placate la giustizia divina, otteneteci la conversione, il perdono, la pace e la benedizione dei nostro buon Dio. Per l’amore di quel celeste Bambino, che sì devotamente stringete al vostro seno, per cui siete la Madre di Dio e Madre nostra, non ci negate le grazie che vi domandiamo, non ci lasciate partire inesauditi, ma accogliete i nostri ardenti voti, mentre noi vi promettiamo, o Vergine clemente, riconoscenza, devozione, fedeltà a Voi, e al vostro Divin Figlio Gesù. Così sia.

PREGHIERA di Paolo VI ALLA MADONNA DEI MIRACOLI 

O Maria tu fai parte essenziale importantissima, dolcissima del mistero della salvezza. Da te noi abbiamo ricevuto Gesù. Per essere cristiani imitatori di Cristo dobbiamo guardare a te o Maria. Tu sei la figura più perfetta della somiglianza a Cristo. Tu sei l’immagine che meglio di ogni altra rispecchia il Signore.Come è bello avere te, o Maria! Avere la tua immagine, il tuo ricordo, la tua dolcezza, la tua umiltà, la tua purezza, la tua grandezza davanti a noi, che vogliamo camminare dietro i passi del Signore! Tu sei la nostra protezione, la nostra alleata. Tu sei la fiducia dei poveri, degli umili, dei sofferenti. Tu sei perfino il rifugio dei peccatori. Tu hai una missione di bontà di intercessione per tutti. Tu ci insegni a essere buoni, a essere forti, a essere pietosi con tutti. Noi non dimenticheremo mai di guardare a Te come alla nostra massima protettrice.

Fontehttp://www.mariadinazareth.it/www2005/Apparizioni/Apparizione%20Saronno.htm

 

 

3 comments

  1. mago prof.Silva ha detto:

    Ultimamente la trasmissione di rete 4 ,LA STRADA DEI MIRACOLI” ci porta al medioevo, Siamo nel terzo millennio e si insiste ancora inculcare alla gente miracoli mai esistiti fasulli dovuti a gente psicolabili, autosuggestionabili, creduloni, bigotti si parla ancora di cristi che sanguinano madonne che ridono che appaiono veggenti furbacchioni ecc.ecc. tutto questo agli occhi degli stranieri facciamo la figura di m…….. MAGO PROF. SILVA

  2. biscobreak ha detto:

    Se i creduloni ottengono grazie… scusa tanto, ma voglio essere credulona anch’io!!! Caro mago prof. Silva, a me non importa proprio se uno crede o non crede, ma io sto bene credendo e questo mi basta.

  3. Paola ha detto:

    Ancora Lei mago prof.Silva con tutta la sua incredulità, ma come si permette di definire le persone psicolabili, autosuggestionabili, creduloni, bigotti, solo perchè credono nei miracoli. Molte persone sono anche testimoni di miracoli, perchè accaduti a loro stessi, inspiegabili dalla scienza e figuriamoci poi dalla sua magia. Non abbiamo nessuna paura di fare brutte figure agli occhi degli stranieri perchè anch’essi possono essere testimoni di miracoli, La Madonna agisce ovunque la gente la cerca, la Fede non è solo italiana ma è in tutto il mondo. Si vergogni.