Crea sito

NOVENA A SAN GIOVANNI PAOLO II

NOVENA A SAN GIOVANNI PAOLO II

e la devozione alle tre Ave Maria

13 OTTOBRE

giovanni paolo II (2)Visto il grande amore che il nostro amato Giovanni Paolo II aveva per Maria e la sua grande devozione a Maria abbiamo pensato di unire alla sua breve novena anche questo impegno di preghiera spiegandone l’origine.

La novena

O Trinità Santa, Ti ringraziamo per aver donato alla Chiesa il Papa Giovanni paolo II e per aver fatto risplendere in lui la tenerezza della tua paternità, la gloria della croce di Cristo e lo splendore dello Spirito d’Amore.

Egli, confidando totalmente nella tua infinita misericordia e nella materna intercessione di Maria, ci ha dato un’immagine viva di Gesù buon Pastore, e ci ha indicato la santità come misura alta della vita cristiana ordinaria quale strada per raggiungere la comunione eterna a Te.

Concedici, per sua intercessione, secondo la tua volontà, la grazia che imploriamo, nella speranza che egli sia presto annoverato nel numero dei tuoi santi. Amen

La pia pratica delle Tre Ave Maria

Maria di EdsonNon è il salvarsi presuntuoso o superstizioso con i piccoli ossequi, ma solo l’autorità della Chiesa, dei Teologi, dei Santi e l’esperienza stessa della vita.. che insegnano: la salvezza è nella costanza del proposito! (Cosa non tanto comune e facile come può sembrare!…) Proprio questo piccolo ossequio di recitare ogni giorno”Tre Ave Maria” a qualunque costo, ottiene dalla misericordia di Maria Santissima conversione e salvezza.

Fu rivelata a Santa Matilde di Hackeborn, monaca benedettina morta nel 1298, quale mezzo sicuro per ottenere la grazia di una buona morte. La Madonna le disse:

Se vuoi ottenere questa grazia, recita tutti i giorni Tre Ave Maria, per ringraziare la SS. Trinità dei privilegi di cui mi ha arricchita.

Con la prima ringrazierai Dio Padre della Potenza che mi ha data, e in virtù di essa domanderai che io t’assista nell’ora della morte.

Con la seconda ringrazierai Dio Figlio di avermi comunicato la sua sapienza, sicchè io conosco la SS. Trinità più di tutti i Santi. Per essa mi domanderai che nell’ora della morte rischiari l’anima tua con i lumi della fede e allontani da te ogni ignoranza di errore.

Con la terza ringrazierai lo Spirito Santo di avermi talmente ricolma di amore e di bontà che dopo Dio sono la più tenera e misericordiosa. Per questa bontà incomparabile mi domanderai che nell’ora della tua morte io ti riempia l’anima tua della soavità dell’amor divino e cambi così per te in dolcezza le pene della morte.Cuore Immacolato di Maria

Alla fine del secolo scorso e nei primi due decenni dell’attuale, la devozione delle Tre Ave Maria si diffuse rapidamente in vari paesi del mondo per lo zelo di un cappuccino francese, P. Giovanni Battista di Blois, coadiuvato dai missionari.

Essa diventò una pratica universale quando Leone XIII concesse indulgenze e prescrisse che il Celebrante recitasse con il popolo le Tre Ave Maria dopo la S. Messa. Questa prescrizione durò fino al Concilio Vaticano II.

Papa Giovanni XXIII e Paolo VI impartirono una benedizione speciale a quanti la propagano. Diedero impulso alla diffusione numerosi Cardinali e Vescovi.

Molti Santi ne furono propagatori. San Alfonso M. de’ Liguori praticava questa devozione con i suoi penitenti; voleva che tutti l’adottassero. Giovanni Bosco la raccomandava vivamente ai suoi giovani. Anche san Pio da Pietrelcina ne fu zelante propagatore. S. Giovanni B. de Rossi, che .ogni giorno dedicava fino a dieci, dodici ore al ministero delle confessioni, attribuiva alla recita quotidiana delle Tre Ave Maria la conversione di peccatori ostinati. San Leonardo da Porto Maurizio la raccomandava caldamente.

Prega dunque devotamente ogni giorno così:

Maria, Madre di Gesù e Madre mia, difendimi dal Maligno in vita e nell’ora della morte per il Potere che ti ha concesso l’Eterno Padre 

Ave, Maria… vergine maria

per la Sapienza che ti ha concesso il divin Figlio.

Ave, Maria…

per l’Amore che ti ha concesso lo Spirito Santo.

Ave Maria…  

Altra forma:

Altra forma in cui si può recitare la pia pratica:

Per ringraziare il Padre dell’Onnipotenza data a Maria:

Ave Maria…

Per ringraziare il Figlio per aver dato a Maria una tale scienza e sapienza da sorpassare quella di tutti gli Angeli e i Santi e per averLa circonfusa di tanta gloria da renderla simile ad un Sole che illumina tutto il Paradiso:

Ave Maria…

Per ringraziare lo Spirito Santo per aver acceso in Maria le fiamme più ardenti del Suo Amore e per averLa fatta così buona e così benigna da essere, dopo Dio la più buona e la più misericordiosa:

Ave Maria… Santa_Geltrude-Gertrude-la_Grande_E

Rivelazione di Santa Geltrude:

In una vigilia dell’Annunziata Santa Geltrude cantando in coro l’Ave Maria vide scaturire improvvisamente dal Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, come tre zampilli che penetrati nel Cuore di Maria Santissima risalivano alla loro sorgente: ed udii una voce che le disse: Dopo la Potenza del Padre, la Sapienza del Figlio, la Tenerezza misericordiosa dello Spirito Santo, nulla è paragonabile alla Potenza, Sapienza e Tenerezza misericordiosa di Maria.

La Santa conobbe pure che questa effusione del cuore della Trinità nel cuor di Maria, si compie ogni volta che un’anima devotamente recita l’Ave Maria; effusione che per il ministero della vergine si spande come rugiada benefica sugli Angeli e Santi.

Inoltre in ogni anima che dice l’Ave Maria si accrescono i tesori spirituali di cui l’Incarnazione del Figlio di Dio l’ha già arricchita.

 

I. Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio dal Padre esaltata con la magnificenza di sua onnipotenza sopra tutte le creature e da lui resa potentissima, ti prego di assistermi nell’ora della morte mia, cacciando da me con la tua benedizione ogni avversa potestà. Prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Così sia.

22 S.Maria ReginaII. Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, dal Figlio ripiena coll’eccellenza di sua sapienza inscrutabile di tanta cognizione e chiarezza, che sopra tutti i Santi hai potuto maggiormente conoscere la SS. trinità, ti prego che nell’ora della mia morte abbi ad illustrare l’anima mia col raggio della fede così che non possa essere pervertita nè dall’errore, nè dall’ignoranza. Prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Così sia.

III. Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, dallo Spirito Santo pienamente inondata dalla dolcezza del suo amore, in modo che dopo Dio sei la dolcissima e benignissima sovra tutti, ti prego che nell’ora della mia morte m’impetri l’infusione della dolcezza del divin amore, così che ogni amarezza soavissima mi si renda. Prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Così sia.

 

Anche tu sii fedele a queste “Tre Ave Maria” ogni giorno; diffondine la recita tra chi desideri maggiormente che si salvi e ricorda che la perseveranza nel bene ed una buona morte sono grazie da chiedersi in ginocchio, ogni giorno, con tutte le altre che ti stanno a cuore.

Fonti: Il libro delle novene ed. Ancilla;  http://www.preghiereperlafamiglia.it/devozione-delle-tre-ave-maria.htm

Comments are closed.