Crea sito

Santi Montano, Lucio e co.

Santi Montano, Lucio e co.

martiri  ( 2 5 9 ) 23 maggio

Santi Montano, Lucio e co.1Questi martiri cartaginesi  subirono tutti il martirio durante la persecuzione di Valeriano, nel corso della quale fu ucciso anche S. Cipriano (16 set.). Gli Atti a loro contemporanei sono generalmente accettati come veri e degni di fede, fornendo un legame diretto con coloro che nell’Africa del III secolo patirono per Cristo.

Il governatore Solone era stato il bersaglio di un’insurrezione a Cartagine, e invece di indagare per scoprire il vero colpevole, fece arrestare  otto cristiani, molti dei quali erano chierici di Cipriano, e tutti suoi discepoli. Subito dopo il loro arresto i servi del governatore dissero loro che sarebbero stati arsi vivi: essi però pregarono con fervore di essere liberati da quella punizione. Vennero poi rinchiusi «in una prigione molto buia e scomoda […] ma non eravamo spaventati dalla sporcizia del posto, perché la nostra fede e gioia nello Spirito Santo ci riconciliarono con le sofferenze, anche se erano tali da non poter essere facilmente descritte». Reno ebbe anche la visione di parecchi prigionieri che uscivano fuori, preceduti da una lampada accesa: erano i futuri martiri che seguivano Cristo, vera lucerna per i loro passi.

Santi Montano, Lucio e co.Il giorno seguente il governatore mandò a prenderli per interrogarli: «Fu un trionfo per noi essere resi come uno spettacolo attraverso il luogo del mercato e lungo le strade con le nostre catene che risuonavano».

Il governatore li interrogò; le loro risposte furono miti e ferme. Furono così rispediti in prigione, dove rimasero senza cibo e bevanda per molti giorni. Si registrarono altre visioni. Il prete Luciano riuscì infine a ottenere che un suddiacono e un catecumeno portassero loro del cibo. Questo «cibo che non viene mai meno» fu probabilmente l’eucarestia. Ugualmente straordinaria era l’esigenza di condividere lo spirito della carità: «Noi abbiamo tutti un solo e unico spirito che ci unisce e ci lega nella preghiera, nei rapporti vicendevoli e in tutte le nostre azioni. Sono questi i vincoli d’amore che spingono il diavolo alla fuga e sono molto graditi a Dio […] questi sono i legami che uniscono insieme i cuori e rendono gli uomini figli di Dio […]

E impossibile per noi ottenere l’eredità della gloria celeste, se non conserviamo con i nostri fratelli quell’unione e quella pace che il Padre celeste ha costituito tra noi». Queste sono le parole dei martiri; il resto della loro vicenda fu descritto da alcuni testimoni, come Flaviano, prima di morire, raccomandò loro.

Dopo essere stati imprigionati per alcuni mesi in durissime condizioni, patendo oltre martiri cartaginesimisura la fame e la sete, fecero una gloriosa professione di fede. Ciascuno di essi camminò fino al luogo dell’esecuzione ed esortò il popolo. Un certo Montano denunciò l’orgoglio e l’ostinazione degli eretici, dicendo loro che avrebbero potuto riconoscere la vera Chiesa dalla moltitudine dei suoi martiri. Esortò coloro che avevano ritrattato a completare la loro penitenza e incoraggiò l’insieme dei vergini a conservare la loro purezza e a onorare i vescovi.

Poi pregò ad alta voce che Flaviano, di cui per richiesta del popolo era stata sospesa l’esecuzione, potesse seguirli il terzo giorno. Egli divise in due parti la benda che gli doveva coprire gli occhi, lasciandone una metà per Flaviano e chiedendo di poter dividere con lui la stessa tomba.

Fu quindi giustiziato con la spada. Flaviano lo seguì pochi giorni più tardidopo aver consolato la madre ed essere stato sottoposto alla tortura. Disse ai cristiani che lo seguivano che Cipriano, gli aveva assicurato in visione che «il corpo non avverte il dolore, quando l’anima si offre interamente a Dio». Sul luogo dell’esecuzione pregò per la pace e l’unità della Chiesa e dei fratelli. Bendandosi gli occhi con la metà della benda di Montano e inginocchiandosi in preghiera, ricevette l’ultimo colpo.

In passato questi martiri erano venerati il 24 febbraio.

Fonte: Il primo grande dizionario dei santi di Alban Butler 

Comments are closed.