Crea sito

Madonna della Misericordia

Madonna della Misericordia

Bovegno di Val Trompia – (BS) ITALIA – 22 maggio 1527

4Bovegno-Madre-Misericordia

Il 22 maggio 1527 apparve la Beata Vergine ad una giovane orfana, di anni 22 anni, che da sola e in povertà doveva occuparsi anche di due fratelli, uno dei quali molto malato. Bellissimo il messaggio che tramite questa ragazza ci manda la Madonna.

Si narra che il 14 o 15 maggio 1527 Maria Amadini, una ragazza di 22 anni appartenente ad una famiglia povera, non sapendo più cosa fare per sfamare la famiglia ed in particolare per alleviare le sofferenze del fratellino malato, uscì presto di casa per andare a raccogliere legna da portare al fornaio con la speranza di poterne ottenere in cambio un poco di pane. La giovane, molto devota, viveva poveramente assieme ai due fratellini minori, che accudiva amorevolmente; in particolare Andrea, dodicenne, infermo a causa di una grave malattia che ricopriva il suo corpo di ripugnanti piaghe.

Mentre nel bosco tagliava alla base dei tronchi smovendo la terra mise allo scoperto delle monete d’argento puro. Prima ebbe paura poi ispirata dal Signore cominciò a raccogliere le monete riempiendosi il grembiule e con questo prezioso carico si recò al paese mostrandolo a tutti. Molti si recarono in quel luogo con pale e vanghe sperando di trovare altri tesori, ma nessuno trovò nulla, dimostrandosi così la eccezionalità del fatto. Ma questa fu solo la premessa di fatti ancora più clamorosi.

Il 22 maggio, circa otto giorni dopo il ritrovamento delle monete, Maria Amadini, si era recata sul Colle della Croce di Savenone per recitare il Rosario e ringraziare la Madonna per la fortuna capitatale, quand’ecco, mentre era raccolta in preghiera, sente una voce che la chiama per nome. Si guarda intorno ma non vede nessuno. Spaventata sta per tornare sui suoi passi, quando la voce si fa risentire. La paura 4Apparizione-Madonnaaumenta ma la voce ancora una volta la chiama con fermezza tanto che lei finalmente risponde con un’espressione tipicamente bresciana “ben”.

Mentre alza gli occhi, trepidante e curiosa, le appare davanti una Matrona con un gran manto e con un abito di tipo monacale, di tale solennità e grave aspetto e di altrettanta bellezza e splendore che rimase senza fiato e si mise a piangere. Dopo questa solenne apparizione la Signora si rivolge a Maria con dolcezza e le dice:

Ben hai risposto perché ben hai ricevuto e ben riceverai. Sappi che io sono la Vergine Maria della quale tanto sei devota; persevera nel bene come hai fatto finora e non venir meno alla tua devozione perché così tu sarai salva. Sappi che il primo del presente mese, cioè maggio, il mio Figlio aveva preparato un flagello sopra la terra che mai non fu l’uguale ed io inginocchiata ai suoi piedi, mostrandogli il seno al quale lo allattai, e domandandogli grazia, implorai la remissione di quel castigo. Questo tu dovrai far conoscere a tutti, dicendo loro che ognuno digiuni tre sabati a pane ed acqua e faccia penitenza dei suoi peccati affinché il mio Figliolo non si adiri un’altra volta. Facendo tutto ciò non abbiano paura di nessun castigo“.4Madonna della Misericordia Bovegno

Questo è il racconto più verosimile dell’Apparizione, anche se poi nel tempo è stato variamente colorato ed ampliato dalla tradizione e dalla pietà popolare. Si narra che per provare la veridicità dell’Apparizione la Madonna abbia detto a Maria di dimostrarlo inserendo la mano nel seno e l’avrebbe tirata fuori lebbrosa, rimettendola in seno si sarebbe risanata. Chiese anche che venisse costruito in quel luogo un Santuario e che tutti i malati che avessero contribuito alla costruzione sarebbero guariti.

Tanta fu l’impressione che ne ricevette il popolo che già dopo pochi giorni fu decisa la costruzione del Santuario affidata all’architetto Agostino Castelli. La presenza di fedeli e di pellegrinaggi continui è provata da una serie di fatti tra i quali la concessione di indulgenze del 1533, l’autorizzazione per la costruzione di un’osteria per far fronte alle esigenze dei pellegrini, la concessione rilasciata l’8 luglio dello stesso anno 1527, per l’uso di un altare portatile per le celebrazioni in attesa della costruzione della chiesa. Le grazie ed i favori della Madonna per i cittadini di Boveno furono tanti e tutti documentati.

Il Santuario della “Madonna di Bovegno”     

Nel santuario, viene venerata con particolare devozione la Madonna della Misericordia, miracolosamente apparsa il 22 maggio del 1527 alla giovane Maria Amadini: in quello stesso luogo l’anno seguente la veggente fu sepolta. Subito prese avvio il cantiere del magnifico edificio rinascimentale. Poiché molta gente accorreva da ogni luogo a elargire offerte o a prestare il proprio lavoro in quel primo cantiere, ultimato nel 1533, i sacri riti vennero ufficiati inizialmente disponendo solo di un semplice altare provvisorio.

4Madonna della misericordiaPresso il santuario aveva sede una scuola o confraternita particolarmente attiva che raccoglieva offerte, onorava le festività, compiva opere di assistenza e carità cristiana e che contribuì a mantenere viva la devozione mariana. Si giunge al santuario (recentemente restaurato grazie all’iniziativa dell’arciprete Giuseppe Savio) da una via interna punteggiata da santelle: alcune sono dedicate alla Vergine, altre evocano la miracolosa apparizione. Il percorso sacro può quindi proseguire lungo una strada bianca diretta alla piccola chiesetta di Eto di Lavone dedicata a S.Nicola, dove la Madonna della Misericordia (invocata anticamente contro le pestilenze) è raffigurata in un affresco rinascimentale mentre con il manto protegge i fedeli e i disciplini.

Fonti: www.valletrompia.it ; www.piardi.orgwww.santuari.it; http://www.mariadinazareth.it/www2005/Apparizioni/Apparizione%20Bovegno.htm;

ARTICOLI COLLEGATI

MADONNA DELLA MISERICORDIA DI RIMINI
NOSTRA SIGNORA DELLA MISERICORDIA

 

 

Comments are closed.