Crea sito

Letture di sabato 2 settembre 2017

LETTURE DI SABATO

2 settembre 2017

XXI Settimana del Tempo Ordinario (Anno I)

“… a chiunque ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha. …”

Madonna montagna6MADONNA DELLA MONTAGNA

Polsi di San Luca(RC) – 2 Settembre – Il Santuario che sorge a 865 metri di altezza, nel cuore dell’Aspromonte, è detto anche della “Madre del Divin Pastore”, dal titolo sotto il quale qui la Vergine è venerata. Storia e leggenda si intrecciano sull’origine di questo antico luogo di culto mariano.

S. Brocardo

B. Antonio Franco

Mons, Antonio FrancoMonsignore (1585-1626) 2 settembre – Ci sono voluti quasi 400 anni, ma finalmente il 2 settembre 2013 Monsignor Antonio Franco ha avuto la sua cerimonia di beatificazione nella Cattedrale di Messina. Noto per i suoi miracoli non solo da morto, ma anche da vivo, Mons. Antonio Franco è visibile ai suoi devoti attraverso una teca che ne permette la venerazione del suo corpo incorrotto. Ne “Il tuo spazio” la storia del Monsignore, prelato di Santa Lucia del Mela, Sicilia e il video del suo corpo incorrotto.

“Tendi l’orecchio, Signore, rispondimi: mio Dio, salva il tuo servo che confida in te: abbi pietà di me, Signore; tutto il giorno a te io levo il mio grido.”

PREGHIERA DEL MATTINO

O Dio che unisci in un solo volere le menti dei fedeli, concedi al tuo popolo di amare ciò che comandi e desiderare ciò che prometti, perché fra le vicende del mondo là siano fissi i nostri cuori dove è la vera gioia. Amen

PRIMA LETTURA

1 Ts 4, 13-18 – Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi.

Fratelli, non vogliamo lasciarvi nell’ignoranza circa quelli che sono morti, perché non continuiate ad affliggervi come gli altri che non hanno speranza. Noi crediamo infatti che Gesù è morto e risuscitato; così anche quelli che sono morti, Dio li radunerà per mezzo di Gesù insieme con lui. Questo vi diciamo sulla parola del Signore: noi che viviamo e saremo ancora in vita per la venuta del Signore, non avremo alcun vantaggio su quelli che sono morti. Perché il Signore stesso, a un ordine, alla voce dell’arcangelo e al suono della tromba di Dio, discenderà dal cielo. E prima risorgeranno i morti in Cristo; quindi noi, i vivi,i superstiti, saremo rapiti insieme con loro tra le nuvole, per andare incontro al Signore nell’aria, e così saremo sempre con il Signore. Confortatevi dunque a vicenda con queste parole.
C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

SALMO RESPONSORIALE

Sal.97

RIT:  Il Signore viene a giudicare i popoli con rettitudine.

apocalisse santiCantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie. Gli ha dato vittoria la sua destra e il suo braccio santo. RIT

Risuoni il mare e quanto racchiude, il mondo e i suoi abitanti. I fiumi battano le mani, esultino insieme le montagne. RIT

Davanti al Signore che viene a giudicare la terra: giudicherà il mondo con giustizia e i popoli con rettitudine. RIT

CANTO AL VANGELO

Alleluia, Alleluia.

Vi do un comandamento nuovo, dice il Signore: come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.

Alleluia.

VANGELO

Mt 25, 14-30 – Dal Vangelo secondo Matteo

Parabola_dei_talenti

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:«Avverrà come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, secondo le capacità di ciascuno; poi partì.Subito colui che aveva ricevuto cinque talenti andò a impiegarli, e ne guadagnò altri cinque. Così anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnò altri due. Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone.Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro. Si presentò colui che aveva ricevuto cinque talenti e ne portò altri cinque, dicendo: “Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”.Si presentò poi colui che aveva ricevuto due talenti e disse: “Signore, mi hai consegnato due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due”. “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone”. Si presentò infine anche colui che aveva ricevuto un solo talento e disse: “Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso. Ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento sotto terra: ecco ciò che è tuo”. Il padrone gli rispose: “Servo malvagio e pigro, tu sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse. Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. Perché a chiunque ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha, verrà tolto anche quello che ha. E il servo inutile gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

COMMENTO

parabola_dei_talentiPrendi parte alla gioia del tuo padrone.

E’ la promessa di Gesù rivolta a tutti quanti noi. La gioia deve essere il motivo di lettura di questo brano che può sembrare contraddittorio e anche duro. Il Signore non ci vuole timorosi e titubanti. La virtù del timor di Dio non significa una vita oscura passata nell’ombra della paura. Tutti noi abbiamo avuto dei talenti da far fruttare, dei doni da dividere con gli altri. La chiamata del Signore non può risolversi in una vita oscura e piena di incertezze. Vivere il cristianesimo nella gioia del donare significa vivere responsabilmente la propria vita, in tutti gli istanti… dono di Dio da non sprecare. Un ascolto costante della Parola di Dio e colloquio intimo con il Signore sono la garanzia di poter effettuare le scelte giuste al momento opportuno. (Preparato dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire)

PREGHIERA DELLA SERA

preghiera bimboO Dio, che nella Tua bontà hai fatto bene tutte le cose, infondi in noi sentimenti di speranza e di fiducia perché affrontiamo serenamente gli impegni della vita e maturiamo frutti per l’eternità. In cambio Ti affidiamo, le gioie e le fatiche, le rinunce e gli atti di carità che siamo riusciti a fare in questo giorno e Ti ringraziamo con tutto il cuore per tutto quello che fai per noi e ci dai ogni giorno. Amen.

Be Sociable, Share!

Comments are closed.