Crea sito

NOSTRA SIGNORA DEL SEGNO

NOSTRA SIGNORA DEL SEGNO

Kursk/New York – 21 marzo 1898

Nella notte del 21 Marzo 1898 (8 marzo nel calendario liturgico russo), una bomba anarchica esplose sotto l’icona della Madre di Dio di Kursk distruggendo buona parte della chiesa della sua cupola, eppure la preziosa immagine e la sua copertura in vetro rimasero illese.

La miracolosa icona della Madonna di Kursk è particolarmente venerata nella Russia occidentale. Venne scoperta per la prima volta l’8 settembre 1295.

Dopo l’invasione mongola, nel 13° sec. la provincia devastata di Kursk si era svuotata di persone e la città principale, Kursk, era diventata un deserto. Solo alcuni cacciatori vi andavano in cerca di animali selvatici. Alcuni uomini provenienti da Rylsk, a circa 75 miglia a sud-ovest dalle rovine di Kursk, si erano spinti sino in quella zona durante una battuta di caccia, quando uno di loro aveva notato l’icona distesa a faccia in giù alla radice di un albero, lungo la riva del fiume Skal.

Quando  tentò di sollevarla subito vide sgorgare una sorgente. Il cacciatore si rese conto che si trattava di un’icona del tipo “segno” venerata nella città di Novgorod e toccato nel più profondo del cuore al vedere quall’acqua purissima, decise di costruire una cappella in grado di ospitare la straordinaria icona proprio nel punto preciso in cui l’aveva rinvenuta.

In seguito alla costruzione della cappellina arrivarono anche numerosi pellegrini e si ebbero così le prime grazie e i primi miracoli. Il principe Vasily Shemyaka di Rylsk incuriosito dalla fama di quell’immagine, ordinò che l’icona fosse portata nella sua città con una solenne processione alla quale egli non volle però partecipare. Questo gesto irriverente lo portò alla momentanea cecità, che guarì solo nel momento in cui, pentito, chiese perdono. Decise perciò costruire una chiesa più bella, al fine di farla venerare da più persone e in modo più dignitoso, ma ogni volta la sacra icona tornava misteriosamente al suo posto nella cappelletta.

Nell’anno del 1383, la provincia di Kursk fu nuovamente invasa dai Tartari i quali cercarono di bruciare la cappella. Ogni loro sforzo però risultò inutile, e superstiziosi dettero la colpa al sacerdote Bogoliub, accusandolo di stregoneria. Il religioso cercò di giustificarsi parlando della miracolosa icona ma i tartari increduli la tagliarono in due gettandone via i pezzi. Fu dunque loro possibile bruciare la cappella e portare via come prigioniero il povero sacerdote.

Durante la prigionia, il riuscì a conservare la fede, rimettendosi completamente nelle mani della Madre di Dio.  Ora un giorno mentre si trovava intento a custodire un gregge cantava come al solito le sue lodi alla Vergine. Degli emissari dello Zar lo sentirono e decisero di riscattarlo dalla sua prigionia e lo lasciarono tornare alla sua cappelletta, dove trovati i pezzi della Madonna del Segno li raccolse e miracolosamente si riunirono lasciando comunque il segno della spaccatura.

Dopo aver saputo del miracolo gli abitanti di Rylsk vollero tentare nuovamente l’impresa di portare nella loro città la Madre di Dio, la quale però ancora una volta tornò al suo posto nella foresta. Si decise quindi di costruire una nuova cappella più grande sul sito originale e qui rimase per circa 200 anni.

Nel 1597, lo zar decise di ricostruire la città di Kursk iniziando con la formazione di un monastero: il Kursk Root Hermitage accanto alla cappella. Quando i tartari distrussero l’eremo nel 1611, l’icona venne portata a Mosca e nascosta fino al 1618, quando finalmente venne ricostruito il monastero, anche se una copia venne lasciata al suo posto. Ogni anno il nono venerdì dopo la Pasqua una processione festeggia il ricordo del ritorno dell’icona di Nostra Signora del Segno.

Nella notte del 21 Marzo 1898 (8 marzo nel calendario liturgico russo), una bomba anarchica esplose sotto l’icona della Madre di Dio di Kursk distruggendo buona parte della chiesa della sua cupola, eppure la preziosa immagine e la sua copertura in vetro rimasero illese. Fu così che invece di calare, la sua venerazione aumentò ulteriormente.

Dopo la rivoluzione russa, nel 1919, i vescovi ortodossi portarono l’Icona in Serbia. L’anno successivo l’Armata Bianca contro-rivoluzionaria portò l’icona nella loro roccaforte in Crimea. Purtroppo però ebbero una dura sconfitta e riportarono l’icona in Serbia dove rimase fino al 1944, quando accompagnò il clero ortodosso in esilio. Negli anni successivi peregrinò per molti paesi europei fino ad arrivare nel 1957 oltre oceano, ed esattamente a New York, nella chiesa della Madre di Dio del Segno a New York City, una Cattedrale ortodossa russa in territorio americano.

La Vergine del Segno è un’icona del tipo “segno”, con il bambino di fronte a sua madre e allo stesso tempo di fronte allo spettatore. La sua festa principale si celebra il 10 dicembre del calendario gregoriano. 

FONTI: http://www.wherewewalked.info/feasts/03-March/03-21.htm; http://www.kurskroot.com/kursk_root_icon.html

 

Be Sociable, Share!

Comments are closed.