Crea sito

Le leggende sulla Maddalena

LE LEGGENDE SULLA MADDALENA

37.509S.M.Maddalena si trova menzionata nei Vangeli apocrifi della Passione, alcuni molti simili ai racconti dei Vangeli sinottici altri completamente romanzati, come quello che avrebbe dato origine alla tradizione delle uova pasquali.

A cura di Martino Gerber, Giuliano Lattes e Simone Oren studiosi biblisti

I Vangeli Apocrifi sono molto tardivi, pieni di errori storici e geografici, sono dei romanzi, scritti per riempire la curiosità dei fedeli, i quali volevano sapere di più di quanto è detto nei Vangeli Canonici. I Vangeli apocrifi si dividono in quelli del’Infanzia, Passione, Apocalissi, Lettere e Atti.

S.M.Maddalena si trova menzionata nei Vangeli della Passione, citata con le altre pie donne accanto alla croce, e al sepolcro. Una bella descrizione di S.M.Maddalena che va a piangere sul sepolcro di Gesù, la troviamo nel Vangelo di Pietro trovato nel 1886 ad Akhmim in Egitto.

Maddalena_al_sepolcroNel capitolo XII, 50-54, S.M.Maddalena si reca al sepolcro con le amiche a piangere, poi nel capitolo XIII, 55-57, vediamo il sepolcro vuoto e l’apparizione di Angeli alle donne, racconto molto simile al Vangelo di Marco.

In un altro Vangelo della Passione; Il Libro della Resurrezione di Cristo dell’Apostolo Bartolomeo, del VII secolo, vediamo che S.M.Maddalena è citata fra le donne al sepolcro, ma la prima apparizione di Gesù avviene a sua madre Maria, stessa cosa avviene nel Vangelo di Gamaliele del  V secolo. S.M.Maddalena al sepolcro con le altre pie donne si trova pure nei frammenti copti, del V secolo.

S.M.Maddalena a Roma

Il Viaggio di S.M.Maddalena a Roma, il primo documento a parlarne è il Vangelo di Nicodemo, detto anche Atti di Pilato, del V secolo,  dove viene raccontato che S.M.Maddalena è presso la croce, insieme alle altre pie donne e alla S.V.Maria, tutte piangenti, ora S.M.Maddalena si rivolge al popolo, dicendo che si recherà Roma, per accusare Pilato presso Cesare.

Un altro Vangelo Apocrifo che parla di S.M.Maddalena a Roma, appartiene al Ciclo di Pilato, del X secolo, davvero molto tardivo, si tratta della Lettera di Tiberio a Pilato, dove Tiberio scrive a Pilato, dicendo che una donna Maria Maddalena, gli ha riferito che lui avrebbe fatto crocifiggere Gesù.

MARIA MADDALENAIl viaggio di S.M.Maddalena a Roma riappare poi nelle cronache bizantine e in altri documenti posteriori. La leggenda del viaggio di S.M.Maddalena a Roma per accusare Pilato e i complici ritorna negli Scritti di Glykas, XIII secolo, e del Cedreno, XI secolo, di G.Cinnamo e C.Menasse, XII secolo, di Niceforo Callisto, XIV secolo, sono tutti documenti della Patrologia Greca, quindi bizantini e molto tardivi, senza alcun valore storico, ma davvero leggendari.

Come leggendario rimane il racconto dell’uovo rosso, riguardante Maria Maddalena, che dopo la morte e risurrezione di Gesù, avrebbe approfittato della sua posizione per ottenere un invito a un banchetto dato dall’imperatore Tiberio.  Quando Maria incontrò l’imperatore, teneva un uovo nelle sue mani ed esclamò “Cristo è risorto!” Tiberio rise,  e disse che la resurrezione di Cristo dalla morte era probabile quanto l’uovo che teneva in mano diventasse rosso. Prima che finisse di parlare, l’uovo nella sua mano diventò rosso, e la Maddalena potè così continuare a proclamare il Vangelo a tutta la casa imperiale. Da questa leggenda è nata la tradizione delle uova pasquali.

Questo è quanto tramandano i Vangeli Apocrifi su S.M.Maddalena, niente altro, fra tanti errori e confusone, come quella in cui S.M.Maddalena sarebbe persino la S.V.Maria stessa, citata in un frammento copto, il 20° sermone di Cirillo di Gerusalemme, questo è caratteristico delle rapsodie egiziane, e ci fa capire quanto assurdi possano essere questi racconti.

s.maria.maddalenaDurante il Medioevo regnava ignoranza e confusione anche presso i cristiani, i quali scrivevano tantissime leggende, anche sulla vita dei Santi. S.M.Maddalena non è stata risparmiata, anzi è una Santa sulla quale sono nate tante leggende.

Rabano Mauro di Magonza ( 780-856), ha scritto un racconto su S.M.Maddalena: “La vita di Maria Maddalena“del tutto falso senza nessun fondamento storico. S.M.Maddalena sarebbe la sorella di Marta e Lazzaro, ed insieme ad altri discepoli, furono messi su una barca senza remi dai giudei. La barchetta approdò in Francia, giunti a terra si dividero per andare ed Evangelizzare mentre S.Lazzaro si recò a Marsiglia,  S.Giuseppe D’Arimatea si recò in Britannia.

Da Rabano ha poi copiato il domenicano Jacopo da Varazze, che scrisse la Leggenda Aurea, dove raccoglie moltissime vite dei Santi, tra il 1263-1273. Riguardo a S.M.Maddalena, Jacopo scrive la stessa favola della barchetta senza remi che arriva in Francia, e racconta che S.M.Maddalena compie anche dei miracoli, prende il cognome dal castello Magdalo, era di nobile famiglia, discendente del re.  Il padre si chiamava Siro e sua  madre Eucaria. Viveva con i genitori, sua sorella Marta, e suo fratello Lazzaro, erano ricchi ed avevano possedimenti a Magdala, Betania e Gerusalemme.

caravaggio-marta-e-maria-maddalena

Vediamo che qui S.M.Maddalena non solo è confusa con S.Maria di Betania, ma anche con la peccatrice anonima. S.M.Maddalena diventa peccatrice dopo che viene lasciata dal fidanzato, che niente di meno sarebbe S.Giovanni Evangelista, il quale abbandona lei per seguire Gesù. Vediamo  poi che S.M.Maddalena si converte e si pente e si reca da Simone il lebbroso, e unge Gesù con profumo, poi  diventa sua discepola, a lei Gesù appare risorto.

La Leggenda Aurea si diffonde così in Francia, e mentre fino al X secolo, non esisteva nessun luogo di culto verso la Santa, cominciano a fiorire dal 1050, luoghi che affermano di possedere le sue reliquie e il suo culto prende piede. Così accadde con l’abbazia di Vézelay in Borgogna, che sotto la custodia delle suore era dedicata alla S.V.Maria. Quando venne data ai benedettini, questi la dedicarono a S.M. Maddalena proclamando di avere le sue reliquie, fu così che iniziarono i pellegrinaggi. 

Verso il XII secolo un altro luogo in Francia, reclamerà le reliquie della santa, si tratta di St-Maximin in Provenza. Il racconto vuole che S.M.Maddalena, sia vissuta come eremita presso la grotta di Sainte-Baume, nuda, coperta solo dai capelli, leggenda che ricorda molto quella di S.Maria Egiziaca.

maddalena1Ma non è finita qui, anche Saintes-Maries-de-la-Mer, ancora in Provenza, afferma che presso questo luogo è venuto lo sbarco di S.M.Maddalena, insieme a S.Marta, S.Lazzaro, S.Maria di Giacomo, S.Maria Salome, S. Sidonio S. Massimino, ed altri ancora. Poi verso il 1521 viene aggiunta S.Sara. Oggi ancora il popolo Rom venera S.Sara-Kali, una Santa probabilmente inventata tra ricordi dell’india, paganesimo e cristianesimo.

Fonti: http://groups.google.com/group/studio-biblico?hl=ithttps://sites.google.com/site/centrostudismmaddalena/home/santa-maria-di-magdala-tutta-la-verita-prima-parte-3

ARTICOLI COLLEGATI

SANTA MARIA MADDALENA
Be Sociable, Share!

Comments are closed.