Crea sito

B.V. DELLE GRAZIE DI ROBEGANO

B.V. DELLE GRAZIE DI ROBEGANO

Salzano (VE) 14 aprile

b.v. delle grazie di robegano salzano veContemporaneamente alla Riforma protestante, in moltissimi luoghi cominciò ad apparire la Madonna: è un fenomeno che fu interpretato come intervento diretto del soprannaturale per confortare i credenti e confermarli nella fede dei padri. Anche Robegano ebbe la sua apparizione…

Anche Robegano ebbe la sua apparizione il 14 aprile 1534 sul sagrato della chiesa e la tradizione narra della miracolosa guarigione della giovane Costantina, una ragazzina di 13-15 anni affetta da una malformazione congenita alle gambe.

B.V. DELLE GRAZIE DI ROBEGANO4L’immagine miracolosa fu portata nella chiesa, ma ritornò nel luogo del tabernacolo primitivo. Si pensò subito a costruire un santuario ex novo il 13 settembre 1534, come è ricordato nella lapide del 30 agosto 1567. Il 24 marzo 1603, 69 anni dopo l’apparizione, venne portato a termine il Santuario intitolato alla Beata Vergine delle Grazie. Divenne poi nel 1611 parrocchia autonoma, intitolata non solo alla Beata Vergine delle Grazie, ma anche a San Giacomo Maggiore e a San Cristoforo, patroni dei pellegrini. Nello stesso anno fu demolita la vecchia chiesa.

 

Nel 1853 correva voce che la Madonna di Robegano piangesse, ma il Fapanni fece notare che “la primavera 1853 fu assai piovosa ed umida: in quell’anno trasudavano i muri; forse trasudò anche quello”.

Il 13 giugno 1857 verso sera cadde un fulmine sul campanile che rovesciò la statua della Madonna, posta sulla sommità della pigna: caduta a terra, si infranse.

B.V. DELLE GRAZIE DI ROBEGANO2Nell’anno del giubileo sacerdotale del papa Pio X e del 50° anniversario delle apparizioni di Lourdes, dal 27 aprile al 10 maggio 1908 i paesi circonvicini si alternarono a celebrare pellegrinaggi al Santuario di Robegano per onorare la Madonna: si stima che circa 28.000 persone vi siano confluite.

Il 25 marzo 1922 avvenne l’incoronazione della Beata Vergine delle Grazie di Robegano con l’intervento di mons. Andrea Giacinto Longhin.

Di grande interesse sono i “santini” e le preghiere: molti robeganesi li tengono nel portafoglio e più di qualcuno di essi se li è portati anche nelle guerre alle quali ha partecipato.

 

L’edificio si presenta in ottime condizioni, grazie al recente restauro. La facciata è splendidamente decorata con B.V. DELLE GRAZIE DI ROBEGANO1le terrecotte, un rosone centrale, e due statue nelle nicchie laterali. In vetta troneggiano le statue della Vergine (al centro), di San Cristoforo (a destra) e di S. Giacomo (a sinistra). L’elegante piazza del Santuario, anch’essa risistemata di recente, rende l’edificio e lo scenario d’insieme ancora più suggestivo.

L’interno del santuario, a navata unica, è molto luminoso grazie alla cura del proprio stile architettonico. Vi sono custoditi capolavori artistici di pregio, tra cui l’affresco della Beata Vergine delle Grazie, opera di grande valore e di culto del santuario.

Nel 2011 vi è stato il 400° anniversario della fondazione della parrocchia e, nel 2034, ci sarà una grande cerimonia per il 500° anniversario dell’apparizione.

Fonti: http://www.parrocchiarobegano.it/index.php?option=com_content&view=section&id=5http://www.mariancalendar.org/beata-vergine-delle-grazie-salzano-robegano-district-venezia-veneto-italy/

 

Be Sociable, Share!

Comments are closed.