Crea sito

NELLIE ORGAN

NELLIE ORGAN

Fanciulla irlandese (1903-1908) 2 febbraio

NELLY ORGANNellie Organ, morta a soli 4 anni, 5 mesi e 11 giorni di vita; ma splendenti di una precocissima devozione a Gesù Sacramentato, da lei chiamato “Santo Dio”.

A quasi un secolo dalla sua morte, il ricordo della piccola Nellie Organ, è tenuto vivo da una pagina internazionale su Internet, dove sono citati anche due libri di recente edizione; mentre in Europa circolano ancora “pagelline” devozionali a ricordo della “Piccola Violetta del SS. Sacramento”, con una foto dell’epoca, che la ritrae col suo vestitino bianco della Prima Comunione, diffuse dalla “Maison du Bon Pasteur” di Parigi e stampate presso la Tipografia Pontificia nell’Istituto Pio IX di Roma.

Nellie Organ, nacque a Cork nella cattolica Irlanda, il 24 agosto 1903; gli scritti consultati e da cui si traggono le poche notizie esistenti e qui riportate, non specificano se e quando la madre morì, freda & Nellie4lasciandola orfana insieme alla sorella maggiore Maria, né tanto meno specificano la malattia, evidentemente molto grave, che aveva colpito Nellie, quando l’11 maggio 1927, fu condotta ammalata nell’Istituto del Buon Pastore di Cork, insieme alla sorella.

Si trattava di un Istituto (Kinderheim), dove venivano accolti, curati, custoditi giorno e notte, i bambini affidati dai genitori o rimasti soli; l’Istituto era gestito dalle Suore del Buon Pastore; qui la piccola Nellie ebbe ogni cura, assistita dalle suore e dall’infermiera miss Hall, che lei prese affettuosamente a chiamare “mammina”.

Le religiose furono subito meravigliate della precocissima intelligenza della bambina e della straordinaria disposizione per le cose di Dio; un istinto misterioso di grazia, l’attirava specialmente verso la SS. Eucaristia e la Passione di Gesù.

Trasportata in carrozzella o in barella, ella stava in chiesa come Little-Nellie-of-Holy-God-Nellie-Organun angelo, cogli occhi fissi sul Tabernacolo e con le manine giunte; chiedeva ogni volta di essere portata dalla suora infermiera quanto più vicino possibile all’altare, soprattutto quando era esposto il SS. Sacramento.

Man mano, in quei nove mesi che trascorse nell’Istituto del Buon Pastore, il desiderio dell’Eucaristia diventò più intenso; ma la Prima Comunione, prima del 1910, non poteva essere data, se non si aveva almeno 12-13 anni e sempre su giudizio del parroco sulla preparazione e disposizione del ragazzo.

La “Little Nellie”, seppure ammalata da non essere lasciata sola, le inventava tutte, con una fantasia e un desiderio, tanto più grandi di lei, pur di accostarsi in qualche modo al suo “Santo Dio” e così una mattina, rivolta all’infermiera miss Hall, che doveva allontanarsi per assistere alla Messa, disse che appena ricevuta la Santa Comunione, di ritornare subito da lei e darle un bacio, che per Nellie diventava così il bacio di Gesù.

Le sue insistenze presso le suore, divennero giornaliere, per ricevere anche lei l’Eucaristia; le religiose costernate per non poterla accontentare, cercavano di spiegarle che non era possibile.
Un giorno all’Istituto arrivò un anziano sacerdote, che fu informato delle insistenti richieste della piccola ammalata, e quindi volle conoscerla; rimase nel ‘Kinderheim’ per alcune settimane, facendole Little_Nelly_of_Holy_Godvisita ogni giorno, interrogandola sulla sua conoscenza delle cose di Dio e soprattutto sul suo desiderio dell’Eucaristia, rimanendo meravigliato per la bontà, intelligenza e l’amore per il “Santo Dio”, della piccola ammalata.

Ne parlò con la superiora delle suore, dando un parere favorevole, affinché potesse ricevere la Prima Comunione; promise per questo di parlarne con il vescovo.
Il vescovo di Cork fu molto meravigliato, di questo insolito caso, ma dopo una lunga preghiera in Cappella, alla fine scrisse una lettera alla superiora: “Sì! Benedico la bimba piena di Grazia con tutto il mio cuore. Voglia pregare per il suo vescovo nell’ora più felice della sua vita, che ormai è vicina”, allegò un santino per la bimba raffigurante s. Giovanni Evangelista, che poggiava con tenerezza la testa sul cuore di Gesù, nell’Ultima Cena.

Secondo le regole di allora, il vescovo le amministrò prima il Sacramento della Cresima, poi il 6 dicembre 1907, primo venerdì del mese, consacrato al Sacro Cuore di Gesù, con una solenne celebrazione nella chiesa dell’Istituto, a cui parteciparono tutte le suore ed i bambini, Nellie, trasportata su una sedia con cuscini, e preceduta dalla sorella Maria con una candela accesa, si accostò all’altare e poté ricevere finalmente la Prima Comunione, il suo “Santo Dio”.

NELLIE ORGAN1Indescrivibile la gioia provata dalla bambina, che una volta trasportata nel letto della sua camera, riceveva tutta raggiante, gli adulti ed i bambini dell’Istituto, che volevano vedere la bimba benedetta, portandole piccoli doni. I suoi ultimi giorni li trascorse così, fra la sopportazione della sofferenza fisica sempre più in aumento e il desiderio giornaliero di ricevere la Santa Comunione, che ricevette 32 volte in meno di due mesi.
Ogni volta che riceveva il Pane degli Angeli, Nellie si trasfigurava in volto, restando varie ore assorta in preghiera di ringraziamento; con una maturità superiore di molto alla sua età, confortava quanti intorno a lei soffrivano, ricordando loro la Passione di Gesù.

Dopo una lunga agonia, assistita anche dal padre e dalla sorella, Nellie Organ, morì domenica 2 febbraio 1908, festa della ‘Candelora’ (Purificazione di Maria); l’anno seguente le alunne del Kinderheim, ebbero l’idea di fare una Novena alla “little Nellie”, per chiederle di ottenere un ‘segno’, quello d’ispirare il Sommo Pontefice san Pio X, di concedere a tutti i bambini del mondo di ricevere la Prima Comunione. Qualche mese più tardi, il papa con il decreto “Quam singolari”, concesse la Prima comunione a tutti i bambini giunti all’uso della ragione.

Lo stesso papa, informato della vicenda della bambina irlandese, il 21 novembre 1910, inviando l’Apostolica Benedizione, scrisse di suo pugno “Nellie, ancor fanciulla, fu chiamata al Paradiso”.

All’intercessione della “Violetta del SS. Sacramento”, sono state attribuite guarigioni istantanee e grazie straordinarie, che ne hanno diffuso la fama di piccola santa.

FONTE: http://www.santiebeati.it/dettaglio/93270

ARTICOLI COLLEGATI

LAURA DEGAN (6 anni)
ANTONIETTA MEO (7 ANNI)
FRANCESCO E GIACINTA MARTO (11-10 ANNI)
LA STORIA DI SARA (10 anni)
Delphine de Fosseux (10 anni)
CARLO BETANZOS (8 anni)
FABIO BILANCINI (17 anni)
GIOVANNINA PIAZZA (15 anni)
ANNA MARIA VASTA (17 anni)
GRAZIA GENGA (17 anni)
Be Sociable, Share!

Comments are closed.