Crea sito

TOUR NAPOLETANO DI PAPA FRANCESCO

TOUR NAPOLETANO DI PAPA FRANCESCO

papa_francesco_caserta-1728x800_cIl papa ama i napoletani, per la gioia di vivere che trasmettono anche nelle difficoltà e più di una volta lo ripete rimproverando e incoraggiando. E i “fuori programma”  rimangono la sua peculiarità… 

Il tour napoletano di Bergoglio, iniziato il 21 marzo scorso, ha posto un forte accento sulla “gioia del popolo napoletano e la sua la grande capacità di amare“. Sta appassionando tutti o forse quasi tutti, il nostro papa, se pensiamo alle lavate di capo che ha fatto: “convertitevi alla giustizia”; “… reagite alla camorra…”; “… la Pope Francis in Naplescorruzione puzza…”.  Ma a Napoli c’è soprattutto un popolo forte che non si è mai fatto sopraffare dalle avversità e questo Papa Francesco lo ha capito benissimo, infatti sottolinea con entusiasmo: “Cari napoletani, non lasciatevi rubare la speranza. Non cedete alle lusinghe di facili guadagni o di redditi disonesti. Reagite con fermezza alle organizzazioni che sfruttano e corrompono i giovani, i poveri e i deboli, con il cinico commercio della droga e altri crimini […]La vita a Napoli non è mai stata facile ma non è mai stata triste. E’ questa la vostra grande risorsa” E con queste frasi che danno tanta speranza, incoraggia ad andare avanti con la stessa energia che fino ad ora questo popolo ha sempre dimostrato. “Il futuro di Napoli è aprirsi al mondo,[…] Dio vive a Napoli (e ci tiene a dirlo ben 2 volte) […] sperare è scommettere sulla Misericordia di Dio” È davvero coinvolgente l’omelia di Papa Francesco in Piazza del Plebiscito dove la folla esulta e si commuove e con lei anche coloro che da casa seguivano l’evento.

OMELIA IN PIAZZA DEL PLEBISCITO

papa-bacia-san-gennaroMemorabile anche la visita del papa alle reliquie di San Gennaro, poichè il miracolo del sangue del santo si è in parte ripetuto. Con palese entusiasmo del cardinale e di tutti gli astanti con la reliquia tra le mani, Papa Bergoglio, ha benedetto tutti gli astanti. 

VIDEO DELLA BENEDIZIONE CON LA RELIQUIA

Non era mai avvenuto né con Giovanni Paolo II  che tra Pompei e Napoli-Papa-Francesco-diventa-statuetta-da-PresepeCapodichino è stato ben 3 volte a Napoli (1979-1980-1990), né con Benedetto XVI che nel 2007 ha visitato la città per un Meeting internazionale sul tema: “Per un mondo senza violenza. Religioni e culture in dialogo”. Vi è però una leggenda popolare, che vede questo miracolo nelle mani di Papa Pio IX, che è stato nel suo breve esilio  dal 1848-1849, anche ai piedi del Vesuvio. La risposta del pontefice non si è comunque fatta attendere: “…si vede che il santo ci vuole a metà, dobbiamo convertirci un po’ tutti perchè ci vuole più bene…” Sicuramente, anche se un po’ stentate le parole di Papa Francesco ci vogliono suggerire un maggior impegno affinchè il miracolo possa compiersi pienamente, con una liquefazione completa.

pizzaIl maestro pizzaiolo Enzo Cacialli, figlio di Ernesto (che realizzò la pizza al presidente Clinton nel ’94 in occasione del G7) è riuscito nonostante la folla e la sicurezza, a consegnare al Papa una pizza speciale sul lungomare. I colori utilizzati ovviamente quelli del Vaticano: bianco e giallo (pomodorini gialli, ricotta e mozzarella entrambe di bufala) Il suo desiderio era quello di ricreare un sole poiché a quanto ha detto il pizzaiolo, Papa Francesco è stato un raggio di sole che ha saputo donare speranza a tutti i napoletani . 

VISITA ALLA MADONNA DI POMPEI

religioseMa i fuori programma sono una consuetudine con questo papa amico di tutti e anche le suore di clausura, uscite dal monastero solo in occasione di questa visita speciale, sono salite sull’altare maggiore circondandolo per offrirgli doni e scambiare con lui qualche parola. L’entusiasmo era tale che anche il cardinale Sepe le ha bonariamente riprese.

DISCORSO DEL PAPA AL CLERO

(Nel Duomo di Napoli per incontrare i sacerdoti, i religiosi, i diaconi permanenti e i seminaristi)

A conti fatti, nessuno più di questo papa ha saputo avvicinarsi all’ideale di Cristo in terra, amato o odiato, apprezzato o contestato, proprio come accadeva a Nostro Signore; rimane un punto di riferimento che ogni giorno stupisce napoli con bambinifavorevolmente. Che San Gennaro abbia voluto dimostrarci la sua benevolenza nei confronti di un’altro santo in terra? Questo ormai sono tanti i napoletani che lo credono, e non solo loro, la speranza è che altrettanti siano coloro che accogliendo il suo messaggio, si decidano per un cambio di vita veramente cristiano. Dunque per utilizzare il suo stesso incoraggiamento: “sempre avanti” seguiamo la strada che Cristo ci sta aprendo.

Fonti varie

Be Sociable, Share!

3 comments

  1. Paola ha detto:

    Hai fatto bene a fare questo articolo, per chi non ha potuto seguirlo in TV con la diretta per tutto il giorno. Personalmente sono innamorata di Papa Francesco, per i suoi discorsi che, come in questo caso, sono fatti a braccio, quelli preparati non li ha letti, quindi sono molto d’accordo quando scrivi: nessuno più di questo papa ha saputo avvicinarsi all’ideale di Cristo in terra, amato o odiato, apprezzato o contestato, proprio come accadeva a Nostro Signore; Peccato che la maggior parte del Clero non sia con Lui.

  2. Paola ha detto:

    È’ forte questo papà. che Dio lo protegga sempre e a lungo.

  3. Maddalena B. ha detto:

    Concordo tutto ciò che hai scritto Paola! Verissimo; da che io mi ricordi di tutti i Papa che ho conosciuto , non avevo mai avuto tanta sicurezza , gioia e serenità come la sto avendo e vivendo ora con Papa Francesco ! Lui è un grande Papa ! Un vero DISCEPOLO DI DIO ! Speriamo che il popolo cominci a sentirsi amati da Papa Francesco , e che lo amino anche loro , perchè sono tanti per non dire troppi , quelli che non lo approvano! IO LO AMO DA QUANDO L’HO VISTO PER LA PRIMA VOLTA AFFACCIARSI DALLA FINESTRA PER SALUTARCI CON TANTA SPONTANIETA’ E UMILTA’. La sua simpatia per l’espressione che ebbe quando ci salutò mi catturò subito e da quel giorno è entrato a far parte anche lui NEL MIO CUORE ! Buona giornata e grazie di questo bel’articolo -.