Crea sito

NOVENA ALLA MADONNA DI CASTELMONTE

NOVENA ALLA MADONNA DI CASTELMONTE

3 – 11 aprile

madonna-castelmonteLa “Madonna Viva”, così viene chiamata la Madonna di Castelmonte. Si  tratta di una statua di legno pesantissima. Non deve la sua fama ad un’apparizione ne ad un miracolo in particolare, ma una leggenda parla di una sfida che le lanciò proprio qui il Demonio lasciando segni evidenti.

Il Santuario di Castelmonte è antico e si trova sopra Cividale del Friuli (UD), al confine con la Slovenia.

Nel 1469 un fulmine si abbatté sul campanile e incenerì la statua di legno della Madonna di Castelmonte. Costernati, i Cividalesi vi lessero un presagio di sventura e pensarono alla ricostruzione: l’indomani stesso il Capitolo di Cividale deliberò che tutto il frumento dei granai capitolari venisse venduto per ricostruire la chiesa e, dal momento che i fondi non bastavano, si mandarono due frati alla questua.

arcangelo san michele di castelmonte

Mentre procedevano i lavori, tre orde di Turchi seminarono il terrore nel 1469, nel 1472 e nel 1476. La ricostruzione riprese dopo la pace tra i Turchi e Venezia conclusa nel 1479. Quell’anno si tenne un solenne “perdono” e ben 50.000 pellegrini vennero a inginocchiarsi davanti alla nuova statua della “Madonna viva” che vediamo ancora oggi e che fino al secolo scorso veniva vestita con abiti di colore differente a seconda delle festività. A san Michele, poi, era particolarmente devota la prima Chiesa apostolica e i longobardi, giunti a Cividale nel 568, elessero l’Arcangelo Michele a loro patrono, inserendo nella cripta una sua statua di legno dell’arcangelo mentre schiaccia un diavolo. Queste remote origini fanno di Castelmonte uno dei più antichi santuari mariani del nord-est d’Italia. 

LA LEGGENDA DELLA SFIDA TRA IL DIAVOLO E LA MADONNA

Un giorno il diavolo sfidò la Madonna. Le si mise di fronte e propose: “Vediamo chi arriva per primo sulla cima di Castelmonte. Chi vince avrà la città di Cividale”. La Madonna accettò la sfida e volò rapida in alto. Si appoggiò solo una volta a metà monte su di un sasso che porta ancora oggi il segno del suo piede. Anche il Diavolo salì velocemente, ma all’atterraggio trovò la Madonna che già arrivata lo stava aspettando. Sconfitto, andò a sprofondarsi nell’inferno aprendo la voragine chiamata “bùse del Diàul” [buco del Diavolo], che ancora oggi si può vedere sul vicino monte Spich.

PREGHIERA ALLA MADONNA DI CASTELMONTE

Vergine Santa di Castelmonte, che sempre hai protetto e difeso i tuoi devoti, guarda con occhio materno anche noi che con tanta fiducia ci rivolgiamo a Te. Siamo poveri peccatori, ma Tu sei la nostra Madre. Ci pentimo del male che abbiamo commesso e confidiamo nella tua materna bontà.

tu conosci, o Vergine, la nostra angoscia e la nostra speranza: prega con noi. Fà che adoriamo sempre e in tutto la volontà del padre e che il dolore non soffochi mai la fiducia che abbiamo in Te.

Ricordati che sul Calvario Gesù ci ha consegnati alla tua materna sollecitudine; veglia su di noi e aiutaci. O Santa Vergine di Castelmonte, tanti sono ricorsi a Te e furono esauditi: accogli la nostra umile preghiera.

LA NOVENA

1° GIORNO

O Vergine di Castelmonte, che fin dai primi tempi della Chiesa da questa cima hai diffuso la luce del Vangelo, rendici, come Te, fedeli ascoltatori della Parola di Cristo e aiutaci a metterla in pratica. Ave Maria

2° GIORNO

O Vergine gloriosa di Castelmonte, Tu hai difeso la nostra gente contro le ricorrenti invasioni che hanno tormentato e insanguinato queste terre; togli dal nostro cuore ogni egoismo che ci divide e fa’ che ci sentiamo tutti fratelli e figli tuoi. Ave Maria

3° GIORNOMinolta DSC

O Vergine santa, Tu che rispondendo al saluto del’Angelo nello stupore di tutto il creato, diventasti Madre di Cristo e della Chiesa, fa’ che guardando continua­mente a Te, nostro amabile modello, riu­sciamo ad essere in tutto disponibili alla volontà di Dio e al servizio dei fratelli. Ave Maria

4° GIORNO

O Vergine potente di Castelmonte, Tu hai salvato miracolosamente dalla peste i nostri paesi, liberaci dalle malattie e dai dolori che ci affliggono e liberaci dal peccato, affinché vivendo come veri tuoi figli, possiamo raggiungerti e godere con Te la beatitudine di Dio. Ave Maria

5° GIORNO

O Vergine bella di Castelmonte, ai cie­chi che ti pregavano con fiducia, donasti la vista e la gioia della fede, ottieni a noi la grazia di contemplare il Creatore nelle bellezze del creato e di non perdere mai di vista il Cristo, vera luce del mondo. Ave Maria

6° GIORNO

O Vergine benedetta di Castelmonte, che agli infermi sorretti da mani amo­rose che giunsero pellegrini al tuo santuario facesti la grazia della guarigione, fa’ che sap­piamo essere forti nella sofferenza, fiducio­si nella potenza del Signore, e come Te capa­ci di unirci nel dolore a Gesù Crocifisso. Ave Maria

7° GIORNO

O Vergine buona, Madre nostra, che spesso nel tuo santuario di Castel­monte toccasti il cuore ai peccatori, donan­do loro la grazia della conversione e il conforto della preghiera, noi ci riconoscia­mo davanti a Te creature fragili e bisognose di aiuto: vieni Tu in nostro soccorso quan­do siamo tentati dall’orgoglio o dalla viltà, e donaci sempre la grazia del perdono di Dio. Ave Maria

8° GIORNO

O Vergine amabile, Tu che hai sempre visto ai tuoi piedi folle instancabili di pellegrini, ottieni anche a noi la grazia di nutrire sempre una vera devozione per Te e di venire al tuo santuario con spirito di fede per implorare e ottenere la tua prote­zione. Ave Maria

9° GIORNO

O Vergine di Castelmonte, tanto dolce nella tua immagine, Tu sei amore, Tu sei forza, Tu sei invocazione, Tu sei perdo­no! Nei tuoi occhi, velati di soave commo­zione, brilla la tenerezza che hai per il tuo Bambino e per noi. Da questo tuo trono di bontà, o Maria, accogli la confidenza che ti facciamo: chiedi al tuo Figlio la grazia che ci sta tanto a cuore… Ave Maria.

FONTI:  “IL LIBRO DELLE NOVENE“, Editrice Ancilla, http://www.santuariocastelmonte.it/ita/storia.asphttp://www.cappuccinivenezia.org/castelm.htmhttp://www.santuariocastelmonte.it/it/leggenda

Be Sociable, Share!

2 comments

  1. Furlan ha detto:

    Ah Madone di mont, è sempre bello andare lassù.
    Posto di rara pace e bellezza, dopo 7km di salita (che si fa anche a piedi) si arriva allo spiazzo del castello da cui si vedono le vallate del cividalese, della Slovenia ed oltre.
    Mi rammarico solo che non tutti quelli che vanno lassù ci vadano col cuore a ringraziare chi di dovere, ma solo a fare una semplice passeggiata…

  2. Mario ha detto:

    Sono emigrato da Zuglio in Piemonte con tutta la mia famiglia, quando avevo pochi mesi (1954). Ogni anno ritorniamo nella terra delle nostre origini nel mese di Agosto. La visita e la S.Messa a Castelmonte fa parte della tradizione, del ricordo e del ringraziamento alla Beata Vergine per l’aiuto e la vicinanza che da Lei riceviamo, anche se lontani, nei momenti più difficili o di sconforto.
    Grazie Madone di Mont !
    Mario S.