Crea sito

Beato Bernardo Lichtenberg

Beato Bernardo Lichtenberg

Sacerdote (1875-1943) 5 novembre

B. Bernardo Lichtenberg

Quando Hitler salì al potere contribuì a distribuire copie clandestine dell’enciclica Mit brennender Sorge, di papa Pio XII, proibita in Germania e chiese di pregare per gli ebrei. La Gestapo lo mandò a Dachau, ma…

Bernardo Lichtenberg nacque a Ohlau, in Slesia (oggi Polonia), in una famiglia borghese, studiò teologia a Innsbruck e fu ordinato sacerdote a ventiquattro anni; fu poi mandato a Berlino, dove trascorse gran parte della sua vita come parroco, e alla fine venne eletto al capitolo della cattedrale di S. Helwig.

Era un conservatore tedesco tipico della sua generazione, con opinioni rigorose sulla morale e sull’obbedienza, convinto sostenitore della gerarchia e dell’obbedienza al papa; dopo la prima guerra mondiale, sedette nel parlamento B. Bernardo Lichtenberg1regionale di Berlino, come membro del partito cattolico di centro. Allo stesso tempo era anche fervente sostenitore della giustizia e carità, appoggiando i pacifisti della “Lega per la Pace dei Cattolici Tedeschi” nel 1931; questa e altre azioni attirarono la collera del giornale nazista Der Angriff, poi pubblicato da Josef Goebbels.

Quando Hitler salì al potere nel 1933, Bernardo tentò invano di persuadere il cardinale . Bertram, presidente temporaneo della conferenza dei vescovi tedeschi, a protestare contro il boicottaggio nei confronti dei negozi ebrei. Nel 1935, si lamentò con Hermann Goering per il trattamento degli ebrei nei campi di concentramento; Goering negò tutto e chiese che fosse tenuto in custodia cautelare con l’accusa di aver diffuso false informazioni sullo stato tedesco. Il concordato stipulato tra la Germania e la Santa Sede nel 1935 privò effettivamente i cattolici di una vera organizzazione all’interno del Terzo Reich e la resistenza divenne un fatto individuale. Bernardo contribuì a distribuire copie clandestine dell’enciclica Mit brennender Sorge, di papa Pio XII , proibita in Germania.

Dopo la Kristallnacht del 10 novembre 1958, si rivolse alla sua congregazione, affermando che stava bruciando un tempio («e che anche quella è la casa di Dio»), e chiese di pregare per gli ebreiFu eccezionale nel condannare la beatobernardolichtenbergpersecuzione degli ebrei da parte di Hider e per questo fu imprigionato nel 1941 e, al suo rilascio due anni dopo, consegnato alla Gestapo per la “rieducazione”, quando ormai era vecchio e malato.

La Gestapo lo mandò a Dachau, ma Bernardo ebbe un collasso durante il viaggio e fu portato all’ospedale di Hof in Baviera, dove morì il 5 novembre 1943. Il corpo fu trasportato a Berlino per la sepoltura e una folla di quattromila persone partecipò alla processione, nonostante le continue incursioni aeree. Un astante affermò: «Mi chiedo se sanno di aver sepolto un santo».

È stato beatificato con un altro oppositore del nazismo, p. Kari Leisner, da papa Giovanni Paolo II , durante la sua seconda visita in Germania nel giugno del 1996.

FonteIl primo grande dizionario dei santi di Alban Butler

ARTICOLI COLLEGATI

BEATA RESTITUTA KAFKA
SAN MASSIMILIANO MARIA KOLBE
BEATO TADDEO DUNLY
SANTA TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
BEATO RUPERTO MAYER
IL GIORNO DELLA MEMORIA
Be Sociable, Share!

Comments are closed.