Crea sito

Madonna dell’Apparizione

Madonna dell’Apparizione

Pallestrina (Venezia) – 4 agosto 1716

Una volta sola si fece vedere ad un ragazzo, parlando nel suo Natalino3dialetto e chiedendo messe per i defunti, ma la cosa strana è che apparve come una donna piuttosto anziana… Dopo di che gli occhi del quadro della Madonna del Carmine presero vita

Il martedì 4 agosto 1716, originariamente festa di San Domenico, (oggi spostata all’8 agosto) verso le sei del mattino un ragazzo di nome Natalino Scarpa Di Giovanni detto il Muto, dall’età di circa 14 anni e mezzo, mentre si recava alla chiesa parrocchiale di Ognissanti, passando davanti al tempietto dei Santi Vito e Modesto, che conservava anche un antico dipinto raffigurante la Madonna del Carmine, vide una donna sconosciuta, bassa di statura, piuttosto anziana, in piedi dal lato destro della chiesetta. La “Signora” vestiva un abito azzurro, trapunto di stelle rosse, che le arrivava fino ai piedi e aveva il capo coperto da un velo bianco che le giungeva sotto le braccia; il volto era pallido, le gote bianche, l’aspetto schietto senza ornamenti di sorta, lo sguardo preoccupato.

La chiesetta era chiusa e la donna era lì accanto: faceva cenno con la mano che il ragazzo si avvicinasse perché doveva dirgli qualcosa: “Vien qua fio – gli disse – va’ dal Piovan e dighe che faccia celebrar delle messe per le anime del Purgatorio, se volemo aver vittoria, e portime la risposta; e tel digo a ti perchè ti xe degno“. E con la mano destra, quasi a rassicurarlo e a confermarlo della realtà della visione, gli toccò il polso sinistro, trattenendolo con affetto per qualche istante.

Natalino

La dettagliata descrizione, riferita direttamente dal ragazzo, dimostra quanto fosse rimasta impressa nel giovinetto quell’immagine: “assomigliava – ricorda ancora Natalino – alla mamma del mio maestro (il sacerdote Antonio de Ambrosi), specie nello sguardo; ma non era certamente lei, poiché di statura bassa e vestita diversamente“. Natalino era solo e stava recandosi alla chiesa di Ognissanti per accompagnare il rito dell’amministrazione della Comunione a tre infermi: nessun altro tranne lui può aver visto quella donna.

Natalino tentò di liberarsi subito di quello strano e travolgente segreto, cercando di comunicarlo a don Angelo Busetto, il cappellano che camminava parecchi passi avanti in quella mattina di agosto, anche lui diretto alla chiesa parrocchiale; ma, raggiuntolo di corsa, non riuscì a parlargli. Qualcosa glielo impediva, come un soffio di vento che gli chiudeva la bocca, mentre avvertiva una sorta di intirizzimento con lievi punzecchiature sulla guancia e sulla mandibola – così narra direttamente Natalino, deponendo al Processo.

Giunto alla chiesa parrocchiale raccontò tutto al pievano don Paolo Zennaro, che rimase stupito della dettagliata narrazione e, dapprima esitante sul valore dell’evento, tanto da porre più domande al ragazzo e da fargli ripetere più volte il racconto, per rasserenare lo stesso giovane fece infine cenno di aver compreso e raccomandò a Natalino che riferisse pure a quella donna – chiunque ella fosse – che aveva assolto al suo compito.

Tornato a casa il ragazzo raccontò l’avvenimento a sua madre per prima, e poi ad altre donne che l’interrogavano e volevano sapere del prodigio. Natalino, infine, preferì non raccontare più niente a nessuno: s’era stancato – confessa egli stesso – di dover ripetere la stessa cosa a tante persone curiose. Si recò allora a scuola pensando che tutto sarebbe finalmente finito. Natalino, soddisfatto della missione compiuta, si accingeva ora a svolgere le sue mansioni nell’accompagnare il rito della distribuzione della Comunione agli infermi, pensando che lungo il tragitto, che l’avrebbe condotto nuovamente accanto alla chiesetta di S. Vito, avrebbe potuto confermare alla donna – se ancora era la – che aveva assolto al suo mandato. Arrivato nei pressi della chiesetta non vide la donna che gli aveva parlato poco prima ma, ancora una volta, sentì un soffio di vento sulla guancia e sull’orecchio.

Venne intanto a sapere che una donna, tale Maritta Furlana, aveva già cominciato a raccogliere offerte per assolvere all’invito celeste di far celebrare delle messe per le anime del Purgatorio, come aveva chiesto la misteriosa Signora. Un compagno di scuola propose a Natalino di andare insieme ad aiutare quella donna volonterosa. Riuscirono a raccogliere un bel gruzzolo, e, senza nemmeno contarli, portarono i soldi al Pievano: erano 17 lire e mezza, assicurò don Paolo nella sua testimonianza.

Pellestrina1Nel frattempo due donne – una portava il nome di Laura – avvicinatesi alla porta ancora chiusa del tempietto, sul cui sagrato era avvenuta la visione, esclamarono che attraverso la toppa della serratura avevano intravisto l’antica immagine della Madonna del Carmine muovere gli occhi. Natalino, che era lì accanto, non riuscì a vedere il prodigio asserito da quelle donne, ma con lui c’erano molte persone che avevano sentito del fenomeno, e in molti si avvicinarono all’uscio per tentare di vedere.

Il giovane Natalino incontrò tra la gente anche il santolo Bara Fisolo, che sosteneva decisamente non si dovesse prestare fede a quelle chiacchiere sul movimento degli occhi; ma anche costui volle togliersi la curiosità. Avvicinatosi alla porta, guardando attraverso la toppa, dovette invece ammettere, proprio lui, il più scettico, che qualcosa di straordinario si era verificato. “Adesso credo – esclamò – perché ho visto!“. Quest’altro particolare prodigio introduce un elemento del tutto nuovo nella storia dell’Apparizione della Vergine a Pellestrina. Entra in scena infatti il “quadro della Madonna”.

Beata Vergnine Carmelo Madonna apparizione

L’antico oratorio conservava un’immagine della Madonna del Carmine, dipinta su tavola, tutt’ora venerata, piuttosto originale, realizzata – secondo la tradizione – da un pellegrino anonimo sul fondo di una botte e lasciata lì in dono come riconoscenza per l’ospitalità ricevuta da una famiglia del luogoLa Vergine vi era seduta in trono con il Bambino in braccio; ai lati erano raffigurati iSanti Martiri Vito e Modesto: un’opera non molto pregevole artisticamente, probabilmente di scuola spagnola – così ebbero a dichiararla alcuni pittori di fama come Giambattista Tiepolo che volle esaminarla di persona, ma senza dubbio di grande valore, sia per il soggetto alquanto raro, sia per i sentimenti che ispiravano l’atteggiamento solenne della Madonna e quello devoto dei Martiri. Tutto ciò rende difficile un’imitazione dell’opera, che mantiene la sua singolare originalità da molti secoli ormai, sebbene ora non compaiano più accanto alla Madonna le figure dei due Martiri. 

Per tutto il giorno – in quell’assolato 4 agosto – fu un via vai di curiosi e di pellegrini che venivano a vedere il luogo della straordinaria manifestazione celeste, il luogo dell’apparizione e l’immagine della Madonna custodita nella chiesetta, che intanto era stata aperta alla gran folla dei fedeli. Proprio sul movimento, sull’apertura e chiusura degli occhi, si dovettero registrare parecchie testimonianze. In particolare se ne conservano altre di quel giorno stesso.

Passavano infatti dalla laguna verso le 16.00 alcuni pubblici ufficiali che stavano compiendo in barca un sopralluogo ai forti di San Pietro in Volta e di Malamocco, e poi al Castello di Chioggia e a quello di Brondolo. Erano a bordo l’ufficiale di milizia Antonio Pretti, sovrintendente di Artiglieria del Provveditorato ai Lidi, Bartolomeo Erizzo, con il Sig. Biron, Maggiore dei bombardieri e il cameriere del Pretti, Giacomo Ferro. Come lo stesso Pretti ebbe a deporre l’anno seguente presso la Curia Vescovile di Brescia (città dove allora abitava) su richiesta della Curia di Chioggia, i tre, giunti all’altezza della chiesa di S. Vito, videro una gran folla e si domandarono il motivo di tanto trambusto. Chiesta spiegazione ad alcuni barcaioli e pescatori, il Pretti brontolò contro quella che egli riteneva creduloneria del popolino. Ma fece comunque fermare e attraccare la barca. Il sovrintendente entrò, e, spinto dal raccoglimento che ispirava quel luogo, si mise a pregare. Iniziò poi anche lui a vedere quell’immagine della Madonna dipinta su tavola ad occhi aperti con in braccio il Bambino, ora chiudeva l’occhio destro e così faceva con l’occhio sinistro, che si chiudeva però soltanto a metà. Anche gli altri che erano entrati con lui erano testimoni del fatto straordinario. Tutto questo, nei minimi particolari, il Pretti dichiarò nell’interrogatorio canonico del 16 febbraio 1717. E narrò anche come quell’avvenimento straordinario cambiò in meglio la sua vita.

Ma anche molte altre persone del luogo avevano potuto ammirare il prodigio. Donna Rosada, Floria Busetto e Maddalena Nera, ma anche molti uomini che precedentemente si erano dichiarati increduli: il bottegaio Vianello Pietro, il pescatore Domenico Scarpa, Domenico Vianello. Dalla laguna erano giunti anche altri: un certo Giacomo Renier di Chioggia, Vincenzo Boscolo detto Tetozzo. Nella serata, verso le 23, il Parroco don Paolo Zennaro si recò presso la chiesetta. All’arrivo del Pievano, la gente che ancora affollava la chiesetta sostando in preghiera, cominciò ad uscire, ma più di qualcuno non poté fare a meno di rivolgersi a don Paolo per narrare i fatti straordinari ai quali aveva assistito. Fu una giornata davvero memorabile per l’Isola: Pellestrina da allora ricorderà sempre quel 4 agosto con grande solennità, come una data decisiva per la propria fede e la propria storia.

ARTICOLI COLLEGATI

MADONNA DEL MONTE CARMELO
SAN VITO

Fonte: http://www.mariadinazareth.it/www2005/Apparizioni/Apparizione%20Pellestrina/Madonna%20dell’Apparizione.htm

 

Be Sociable, Share!

Comments are closed.