Crea sito

LE SETTE ARMI SPIRITUALI

LE SETTE ARMI SPIRITUALI

ITINERARIO ASCETICO DI S. CATERINA DA BOLOGNA

santa caterina da bologna2Santa Caterina da Bologna divenuta esperta degli inganni diabolici, dopo essere stata vittima del Menzognero per ben cinque anni, per mettere in guardia le altre suore, giovani ed inesperte, affinchè non cadessero nel medesimo tranello diabolico propone in difesa sette armi spirituali.

In un’epoca storica, il 1400, nel cui solco nasce, cresce e vive S. Caterina de’ Vigri, ove i contrasti e le rivalità tra le famiglie più nobili anche nell’ambito circoscritto di una città, arma i cuori e le mani, non stupisce che la nostra Santa indichi le armi per combattere “legittimamente” (!) l’astuzia dei nemici ed esse sono sette, perché essendo spirituali hanno la completezza e la pienezza dello spirito.

L’ascetica spirituale di S. Caterina non è fatta di macerazioni della carne, bensì di un cammino di conversione interiore ben aspro e difficile, che impegna in una lotta senza tregua, come in un duello, che ha il suo regolare e “legittimo” biglietto di sfida e le sue leggi, in cui l’astuzia non offende l’onore, poiché i nemici spirituali sono così astuti da rivestirsi di onorabilità e credibilità. Tant’è che l’angelo di luce, il diavolo, che sa ben nascondere la sua identità e ripresentarsi in s. caterina da bologna 8sembianza della Vergine Maria con Gesù Bambino in braccio o di Cristo crocifisso. Alla Santa, divenuta esperta degli inganni diabolici, dopo essere stata vittima del Menzognero per ben cinque anni, preme che altre suore, giovani ed inesperte, non cadano nel medesimo tranello diabolico.

 

Per il nostro cammino ascetico S. Caterina propone come PRIMA ARMA: LA DILIGENZA, che, spiega, è la sollecitudine nell’operare il bene. Sembrerebbe un’arma che debba impegnare tutta la nostra perizia e volontà ed invece la Santa afferma che a dare il primo movimento e impulso è DIO-AMORE, lo  Spirito Santo, che con le sue “buone ispirazioni” attende una risposta diligente nella pratica coerente. A prima vista sembra che tutto potrebbe compiersi nella risposta della volontà della creatura, invece tutta la diligenza consiste el porre questa volontà in mano allo Spirito, primo motore, per conseguire il “discernimento” necessario al fine di non fare né troppo né poco e per usare “con criterio” tutte le virtù. In definitiva come non c’è diligenza nel poco, così c’è difetto nel troppo, perciò l’equilibrio nel discernere è la legge spirituale nel buon uso della prima arma.

 

La SECONDA ARMA è LA DIFFIDENZA DI SE’. Ogni diligenza, anche e proprio nel bene, può degenerare in presunzione e superbia senza la diffidenza di sé. Essa è “nobilissima dote” e ha il potere di sconfiggere le forze del male, che si nascondono in chi si fida delle proprie forze e ancor più della propria esperienza. Quindi male è: “Voler vivere di testa propria e con lo stolto fervore”; bene è, invece: “vivere secondo coscienza e secondo il parere e la volontà dei superiori”. La Santa dunque propone quest’arma della diffidenza di sé al positivo e solo così si possono dare colpi mancini al nemico. Infatti essa poggia sulla retta coscienza e ha come contro prova la virtù dell’umiltà, che chiede consiglio e si sottomette “totalmente” alla volontà dei superiori.s. caterina da bologna 7

 

La TERZA ARMA è LA CONFIDENZA IN DIO.  Non si può diffidare di sé con verità ed equilibrio, se non si confida pienamente in Dio, perciò la Santa dice di prendere questa terza arma per combattere “virilmente” le prove e le tentazioni della triplice concupiscenza: il diavolo, il mondo, la carne. E se per “divino e occulto mistero” l’anima soffre fino a sperimentare l’abbandono di Dio, essa ha, come modello di perfetta confidenza in Dio, Gesù crocifisso, che in quei momenti sarà “dolce e fedele compagno” di colei che, follemente innamorata, desidera soffrire per Lui.

 

La QUARTA ARMA: LA MEMORIA DELLA PASSIONE E MORTE DI GESU’ CRISTO è posta al centro delle sette armi, allo stesso modo che questo mistero è al centro della nostra vita cristiana, anzi Caterina afferma che è “superiore a tutte” a tal punto che senza di essa poco gioverebbero le altre. La maestra delle novizie addita loro la passione di Cristo Gesù come vera “maestra sapientissima”, che porta a piena bellezza tutte le virtù.

 

La QUINTA ARMA: LA MEMORIA DELLA PROPRIA MORTE è considerata tutta in chiave positiva. Infatti essa ha lo scopo di non lasciar passare invano questo “tempo di misericordia” ed esercitando il dono “della buona volontà” nella obbedienza per essere usata “con giusta prudenza”, permette di percorrere la via della salute dell’anima e del corpo.

 

s. caterina da bologna 6La SESTA ARMA è LA MEMORIA DEL PARADISO i cui beni non sono il premio del mercenario, bensì di chi combatte, vive ed opera “per puro amore”.

 

La SETTIMA E ULTIMA ARMA: MEMORIA DELLA SACRA SCRITTURA è la madre meritevole di piena fiducia, da ci prendere sempre consiglio. E’ molto importante ciò che Caterina dice sull’uso di quest’arma, ove troviamo accenni delicati e teneri di un rapporto sponsale dell’anima con Cristo Gesù che, nel Vangelo e nelle Epistole della S. Messa, invia la sua lettera d’amore alla creatura che ama, affinchè ella lo possa “dolcemente e castissimamente abbracciare” soprattutto nel ritiro della cella.

 

Aggiungo a conclusione un’ultima osservazione. S. Caterina nel consigliare l’uso delle armi non segue il criterio dal meno al più importante, bensì le pone tutte sullo stesso piano, per scegliere ora l’una ora l’altra, al momento opportuno, per la battaglia spirituale, E direi che la settima è come la guaina che tutte le contiene e permette così di non stare mai senza di esse e di usarle con prudenza. Infine quest’ultima arma chiude il discorso sul cammino ascetico e fa da prologo a un discorso più ampio, che investe l’esperienza mistica della Santa, di cui forse non avrebbe parlato, se non fosse stata interiormente sollecitata per il bene delle novizie e delle sorelle, onde metterle in guardia contro gli inganni del maligno.

Le sette armi possono chiamarsi il Vademecum di ogni creatura che, “illuminata dalla grazia divina, in giovane età, con sana coscienza e s_caterina_corpus_domini_bolognacon buon fervore entra in monastero”, e si dedica all’orazione e all’esercizio della virtù, ma poi la religiosa, non più giovane, avrà bisogno delle medesime armi per la battaglia spirituale, che si svilupperà in un rapporto personale di esperienza mistica nella dinamica della vita trinitaria. (tratto da Le Sette Armi Spirituali di Santa Caterina da Bologna di Sr. M. Giovanna Lo Bianco o.s.c.)

Il concerto con laudi di Santa Caterina che pregava cantando e cantava pregando, nel convento del Corpus Domini di Bologna del 9 marzo 2010

Benedetto XVI e la Santa 

Benedetto XVI  elogia il trattato delle sette armi spirituali di Santa Caterina nell’ultima catechesi del mercoledì del 2010.  Benedetto XVI ha dedicato  l’Udienza Generale del  29 dicembre 2010 a una presentazione particolarmente ampia della vita e degli scritti di santa Caterina da Bologna,  che gli ha offerto l’occasione di approfondire la realtà dell’azione del demonio. Gli scritti che Caterina ci ha lasciato, in particolare il trattato Le sette armi spirituali, sono per noi preziosi, afferma il Papa, perché ci consegnano le «note essenziali di questo misterioso combattimento» fra i cristiani, specialmente (ma non solo) le persone consacrate e il diavolo:«vuole mettere in guardia dalle tentazioni del demonio, che si nasconde spesso sotto sembianze ingannatrici, per poi insinuare dubbi di fede, incertezze vocazionali, sensualità».

Per Benedetto XVI  santa Caterina da Bologna «dalla distanza di tanti secoli, è, tuttavia, molto moderna e parla alla nostra vita». Infatti, non vi è nulla di più moderno – tanti indizi lo rivelano oggi – dell’azione del demonio delle sue «tentazioni dell’incredulità, della sensualità», di un «combattimento difficile, spirituale» che non è solo contro le nostre debolezze umane ma è contro le insidie sempre rinnovate del maligno. Le sette regole di santa Caterina da Bologna sono ancora per noi una guida sicura in questo combattimento. E la vita della santa ci conferma che il cristiano, se deve realisticamente avere presente l’azione del demonio, non deve però cedere alla paura. Il diavolo si può sconfiggere: anzi, è già sconfitto dal Salvatore, e a noi è affidato il compito – come ha detto il Papa – di «non lasciare la mano del Signore» per partecipare alla Sua vittoria.    

ARTICOLI COLLEGATI

SANTA CATERINA DA BOLOGNA
IL CASTELLO INTERIORE DI SANTA TERESA D’AVILA
DAGLI SCRITTI di SAN BENEDETTO 
VERITÀ PRINCIPALI DELLA FEDE CRISTIANA 
Be Sociable, Share!

3 comments

  1. Paola ha detto:

    articolo bello

  2. fausto ha detto:

    molto edificante

  3. Maria Maddalena Dessi ha detto:

    Argomento interessante e quanto mai attuale oggi…. SAREBBE BENE farne tesoro nonche’ frutto di riflessione!