Crea sito

Santa Scolastica

SANTA SCOLASTICA

(547) 10 febbraio

… ma ella rispose: «Ho chiesto un favore a te e tu me l’hai negato. L’ho chiesto a Dio, e lui me l’ha concesso».

Tutte le informazioni che possediamo a proposito della sorella gemella del grande patriarca dei monaci d’Occidente, Benedetto da Norcia (11 lug.) provengono, al pari delle notizie riguardanti S. Benedetto stesso, dai Dialoghi di S. Gregorio Magno (3 set.), scritti a Roma tra il 593 e il 594, circa quarant’anni dopo la morte di S. Benedetto: Gregorio afferma di aver ricevuto tali informazioni dagli abati di Montecassino dopo la morte di S. Benedetto e da altri abati che lo avevano conosciuto.

Scolastica si consacrò a Dio in giovane età, stabilendosi nei pressi di Montecassino quando vi si trasferì Benedetto. E’ probabile che la risoluta partenza di Benedetto l’abbia spinta a seguirlo in una forma di vita consona alla sua indole e al suo ideale cristiano. Perciò l’indistruttibile legame di sangue esistente tra lei e Benedetto divenne ancor più forte e definitivo nella comune vocazione che li rendeva uno in Cristo per l’eternità. Sembra abbia fondato e retto un monastero di monache a sette chilometri a sud di Montecassino sotto la direzione del fratello (anche se la struttura di tale organizzazione non è così chiara da farle guadagnare il titolo di badessa nel Martirologio Romano). Scolastica era solita far visita a Benedetto una volta all’anno, incontrandolo in una casa fuori dal monastero (dove, essendo donna, non poteva entrare); trascorrevano tali momenti in colloqui spirituali e lodando Dio.

santa scolastica 1Il II libro dei Dialoghi, capp. 33 e 34, offre un celebre e grazioso racconto del loro ultimo incontro. Scolastica, presagendo che sarebbe morta nel giro di breve tempo, pregò il fratello di fermarsi quella notte per poter prolungare la loro conversazione spirituale. Egli però rifiutò, dicendo che la sua regola lo obbligava a fare ritorno al monastero. Scolastica piegò il capo in preghiera, e subito scoppiò un temporale così violento che Benedetto e i suoi compagni non poterono lasciare la casa. Benedetto accusò la sorella di averlo provocato di proposito, ma ella rispose: «Ho chiesto un favore a te e tu me l’hai negato. L’ho chiesto a Dio, e lui me l’ha concesso». Il volto di santa Scolastica è per sempre scolpito da queste ultime parole del racconto di san Gregorio Magno: «… quia enim juxta Johannis vocem, Deus caritas est, justo valde judicio illa plus potuit, quae amplius amavit».

Poté di più, presso Dio, colei che amò di più. Amore e preghiera e desiderio del Cielo costituiscono il fascino spirituale di questa donna. Colpisce, nel racconto dei Dialoghi, la personalità di Scolastica. E’ veramente donna, con tutte le caratteristiche della femminilità: dolcezza e affettività, costanza e persino audacia nell’intento di ottenere quanto desidera; ma presenta anche una vena di simpatica ilarità, quando dal fiume di lacrime passa al radioso sorriso per il miracolo avvenuto.

Trascorsero quindi la notte discorrendo delle gioie del cielo e Scolastica vi fu in effetti chiamata tre giorni dopo. Benedetto, che stava pregando nella sua cella, vide l’anima della sorella salire al cielo in forma di colomba; mandò quindi alcuni monaci a cercare il suo corpo.

santa scolastica 2 San Gregorio riferisce che Benedetto volle deporre il corpo della sorella «nel sepolcro che aveva preparato per sé» sulla santa montagna di Cassino. «E così, essendo sempre stati un solo spirito in Dio, neppure i loro corpi furono separati nella sepoltura» (Dialoghi, II, 34). La comunione dei Santi inizia sulla terra, nel tempo, e si compie in cielo, nell’eternità. Morto quattro anni dopo, fu sepolto insieme alla sorella. La tomba si conserva a Montecassino, nonostante i bombardamenti alleati del 1944 (alcuni racconti dicono però che le reliquie di Scolastica siano state portate in Francia e seppellite a Le Mans e che quelle del fratello siano state traslate a Fleury). Scolastica è la patrona delle suore benedettine. La sua morte, solitamente fissata nel 543, è stata datata dal nuovo Martirologio Romano al 547.

La preghiera – subito esaudita dal Signore – appare come il puro ed efficace linguaggio dell’Amore. Non è forse questo il messaggio essenziale che ci viene, ancora oggi, dalla santa sorella del patriarca dei monaci d’Occidente? Perché rammaricarci di non avere di lei altre notizie per poterne scrivere una biografia? Tutto quello che ella visse prima della «santa notte» del fraterno colloquio e dell’ora del suo altissimo «volo» non poteva che essere cammino decisamente orientato alla meta, così come tutto il lavoro della radice, dello stelo e delle foglie è ordinato allo sbocciare del fiore. Scolastica, la prima monaca benedettina, è una docilissima «scolara» alla scuola del divino servizio nella quale apprende la sapienza del cuore a tal punto da… vincere il Maestro ed arrivare prima là dove insieme, correndo, erano diretti. Chi sale oggi – dopo quindici secoli di storia -, alla maestosa abbazia di Montecassino, non può non essere preso da un fremito di commozione nel trovarsi davanti alla tomba dei Santi fratelli che stanno all’origine di una numerosa stirpe di cercatori di Dio.

É INVOCATA: – contro i fulmini, la pioggia, le tempeste e gli uragani – come patrona delle suore benedettine

Fonti: Il primo grande dizionario dei santi di Alban Butler / (voce di A. Lentini, in Bibliotheca Sanctorum, XI, Roma 1968, col. 742-749; B. Fiore, Santa Scolastica, Montecassino 1981).

ARTICOLI COLLEGATI

SAN BENEDETTO DA NORCIA
Be Sociable, Share!

Comments are closed.