Crea sito

LA VERA PREGHIERA DEL CUORE

LA VERA PREGHIERA DEL CUORE

come pregare

Hai notato che quando preghi sei abituato a dare consigli a Dio? Sei abituato a chiedere o reciti formule in automatico? Come imparare, come fare? Come Instaurare un vero contatto con Lui? E cosa suggerisce Maria…?

Da un messaggio del 10 novembre 1984

preghiera1Quando pregate, raccoglietevi, cercate di rimanere immobili, nella pace. Chiudete gli occhi oppure guardate la croce o un’immagine sacra. Durante la preghiera non gridate, piuttosto pregate con voce bassa, in modo che lo spirito sia più forte della vostra voce. Anche il canto è preghiera, ma cantare semplicemente non basta: occorre mettere tutto il cuore in ogni canto. Le vostre tensioni mettetele coscientemente nelle mani di Dio. Nulla deve disturbarvi. Anche le preoccupazioni e le distrazioni offritele a Gesù e non nascondete niente davanti a lui. Questa è la vera preghiera del cuore!

VIDEO

Un dolcissimo canto intercalato da parole che ci possono far comprendere meglio cosa significhi pregare con il cuore.

Ovviamente spesso ci capita durante la preghiera di essere distratti, dai mille impegni della vita quotidiana, dalle mille preoccupazioni. Nulla andrà perduto, ma la Madonna, sapendo le nostre debolezze e la nostra fragilità ci ha suggerito  e continua a suggerire cosa dovremmo fare:

“ … Al mattino alzatevi più presto per poter pregare di più e meglio. …” (23.01.1984)

Non è comunque indispensabile andare tanto indietro nel tempo per capire cosa 1738214882realmente sia necessario per metterci in contatto con il nostro Dio e per quale motivo:

“… Prego affinché conosciate la luce della vera fede che viene solo dalla preghiera di cuori puri …” (02.08.2012)

“… Siate aperti e vivete la preghiera; in ogni momento sia essa sapore e gioia della vostra anima….” (25.06.2012)

“… la preghiera diventi per voi bisogno affinché ogni giorno cresciate di più nella santità. …” (25.03.2012)

“… rinascere nella preghiera …” (02.08.2011)

Da questi brevi passaggi possiamo renderci conto di come sia possibile instaurare un dialogo con Dio se ci mettiamo nella predisposizione d’animo giusta per ascoltarlo. Se la preghiera sgorga davvero dal cuore non sarà un monologo, ricco di formule e scarso di contenuto affettivo, ma diventerà una lode, una gioia … una necessità.

Quando si è interessati ad una persona si cerca di frequentarla, di conoscerla meglio, di sentire cosa dicono gli altri di lui/lei, si ha il desiderio di passare sempre più tempo con
questa persona man mano che ci si rende conto che la sua compagnia ci dà pace, gioia e cuore-di-gesuserenità. E’ per questo che attraverso la Parola del Vangelo, vedendo un’immagine, ascoltando una testimonianza sentiamo nasce in noi il desiderio di conoscerlo meglio.

Tutti abbiamo avuto il nostro primo amore e tutti ricordiamo i sintomi che esso dava. Più ci sentivamo attratti dalla sua personalità più desideravamo stare soli con questa persona, anche solo guardandola, la sola presenza diventa per noi fonte di grande emozione. Questo è AMORE! Questo è l’amore che la Madonna ci invita ad avere per il Suo figlio nella SS Trinità.

Cristo visse in terra da innamorato… cerchiamo noi di innamorarci di Lui. Di innamorarci di quello sguardo che cattura, di quella voce che non possiamo sentire con le orecchie, ma che attraverso la nostra voce giunge al cuore. Innamoriamoci del suo “Seguimi!” e non preoccupiamoci come la povera Marta solo delle nostre faccende, ma diamo tempo a Dio ed Egli lo moltiplicherà per noi!

Buona preghiera a tutti!

Preghiera di Nino D’angelo tratta dall’ album “O schiavo e òrre” del 2003

Be Sociable, Share!

One comment

  1. carmelo ha detto:

    bellissima ritmica napoletana.
    solo i Napoletani anno queste delicatezze. anche se sono Siciliano verace.